Sinistra e destra

Intelligente |—–| Stupido
Acculturato |—–| Ignorante
Sereno |—–| Problematico
Ricco |—–| Povero
Sono solo alcune tra le qualità che ciascuno di noi possiede. Siamo da qualche parte in tutte quelle scale, chi più spostato da una parte su alcune, chi più dall’altra parte. L’essere umano è un mix di queste e tante altre qualità. Prendo in considerazione solo queste quattro.
Ora ditemi: se alla nascita vi dessero la possibilità di scegliere da che parte stare, in tutta sincerità e senza giocare a fare gli alternativi, dove scegliereste di posizionarvi? Presumo a sinistra, in quella scala, in tutti e quattro i campi. Se rispondete diversamente andate a fare i fenomeni altrove, dai, era una domanda retorica e mi confermereste che sulla terza scala siete dalla parte dei problematici.
Attenzione, non sto dando giudizi di merito sulla scala: uno ricco non è che lo sia necessariamente per merito, magari ha ereditato. Uno intelligente ci nasce. Una persona può non aver potuto studiare ed essere ignorante senza colpe. E si può nascere problematici per carattere. Dunque nessun giudizio di merito. Solo constatazione.
Ora vi chiedo, quali persone più probabilmente, possono provare sentimenti di odio e rabbia sociale, quelle spostate verso sinistra o destra, in quella scala? E quali possono covare sentimenti omofobi, razzisti, asociali? E’ più facile che uno che vuole decidere per le vite altrui sia posizionato sui parametri a sinistra della scala o a destra? Urlare il tuo odio in faccia a bambini e madri perché rom è una pratica che più facilmente vedrete realizzare da uno con i parametri spostati verso la parte sinistra o destra?
In sintesi, se provate odio per qualcuno che fa scelte di vita diverse dalle vostre o ha un colore della pelle diverso e vi trovate una giustificazione di qualunque tipo per il vostro sentire, se vi infastidisce che due persone che manco conoscete si sposino, adottino figli, decidano di togliersi la vita con l’eutanasia o si professino di religione diversa dalla vostra, se vi sentite brave persone e vi dite credenti ma poi lo stesso Papa dice cose che vi danno noia perché vi fanno sentire sbagliate, provate a guardare a quella scala riportata sopra. E verificate la vostra posizione su quei parametri. Probabilmente continuerete a faticare nel ritrovarvi a destra sui primi due, ma là è difficile essere obiettivi. Eppure sono certo che anche sugli altri ben difficilmente sarete posizionati a sinistra. Perché uno col culo parato e il portafoglio pieno è probabilmente in pace con se stesso e non abbocca alle trappole e le lusinghe dei pifferai magici che per accalappiare consenso creano falsi bersagli. Uno intelligente e di cultura altrettanto.
Insomma, se provate odio sociale per categorie di persone diverse da voi, in genere persone ancor più misere e deboli, oppure se vi rode che qualcuno faccia cose che manco vi riguardano lontanamente, probabilmente siete spostati a destra.
In quello schema, eh.

Perché io valgone!

Le parole sono importanti, diceva un professorone, e aveva ragione.

Con le parole si possono cambiare le cose. E non serve poi fare fatti concreti, basta anche qui usare le parole giuste, come “NOI FACCIAMO I FATTI, NON PAROLE”, in modo da usare le parole ancora una volta evitando di fare i fatti.

Ripetere ossessivamente delle frasi funziona. Il buddismo ci campa da millenni. Com’è che dicono? OOOOOHMMMM…. evocando resistenze elettriche.

Però loro usano parole strane, noi usiamo parole semplici.

State urlando “PRIMA GLI ITALIANI” dal balcone o state appendendo striscioni rosiconi? Che tanto poi ve li tolgono.
“IO SONO DALLA PARTE DELLA GENTE!” Anche perché mi è difficile essere dalla parte delle rocce. O degli infissi. Cioè, dalla parte della gente mi ci trovo proprio in modo naturale. Prima però non lo dicevo. E le cose mi andavano male. Da quando ho iniziato a dirlo mi è cambiato tutto.
“E’ FINITA LA PACCHIA!”, ma prima non lo sentivo dire e non lo ripetevo anche io, e le cose mi andavano male. Da quando lo sento dire e lo ripeto anche io so che tra poco troverò un lavoro che mi consentirà di guadagnare 27.000 euro al mese lavorando 3 ore al giorno. Adesso ho un lavoro di merda, ho sempre avuto lavori di merda, ma non è colpa mia, è colpa degli altri. Userò il potere delle parole!

Semplificherò il linguaggio, tornando alla terza elementare, quando c’erano quelle robe – come si chiamavano – superlativi, suffissi accrescitivi, e tutto diventava ONE, IL PROFESSORONE, IL SAPIENTONE. E ridevamo tantissimo.
Così presto lascerò la mia casa casa popolare per andare ad abitare in una villa sul lago.

La mia vita da pezzente cambierà totalmente. Basta credere al potere delle parole.

Non so perché prima credessi nella concretezza, quando ho capito che basta parlare di concretezza per ottenere risultati.

Certo, occorre parlarne tanto, di continuo, ossessivamente, per rendere le parole più solide.

Se poi hai i mezzi tecnologici a disposizione il lavoro ti è facilitato: le parole rimbalzano, rimbalzano e si moltiplicano.

Le parole sono importanti. IMPORTANTONE, anzi.

ABBASSO I ROSICONI! UN BACIONE AI PROFESSORONI! PRIMA GLI ITALIANONI! E’ FINITA LA PACCHIONA!

Sento che già va meglio.

Ora controllo il CONTONE CORRENTONE, vuoi che non abbia funzionato?

Perché io non voglio restare coglio.

Voglio essere di più.

Come fosse una cosa bella

Quando capitano avversità nella vita mi sembra di indossare gli occhiali del protagonista di “Essi vivono”, di Carpenter. Le persone, le cose mi appaiono mostruose, deformate, spaventose.
Già di mio vivo una sorta di distacco dalle cose – trovo che la vita sia una incredibile tragedia farsesca con risvolti di puro nonsense – e il mio nichilismo è l’unica reazione che la mia mente è riuscita a partorire per non impazzire.
Ecco, impazzire: perché le persone non impazziscono? Perché le vedo fare cose di pura normalità, come se tutto appunto fosse normale? Perché vi ritrovate a filosofeggiare sulla pochezza della nostra esistenza solo quando muore una persona a voi vicina, ma tempo due birre e vi ritrovo a passeggiare sul corso, come fosse piacevole? Ma dove cazzo dovete andare, ancora? Vedere le stesse facce che vi invecchiano intorno? Perché sapete le cose della vostra città? A me annoiano mortalmente. Io non conosco i nomi dei miei assessori, eppure la politica la conosco, mi interessa, ma mi pare così “poco”. Io non conosco i cazzi delle persone a me vicine, non capisco il gossip, non nutro davvero alcun interesse nel sapere le robe degli altri. Perché mi pare “poco”.
È tutto “poco”.
Gente che mentre porta a cacare il cane non pensa che quel cane a breve morirà, oppure ci pensa pure ma se lo gode comunque. Pure il latte scade, io intanto lo bevo, mica mi faccio problemi. Ecco, questo è lo spirito giusto. Ma non ci riesco.
Gente che alle otto di sera sta ancora a fare le vasche lungomare decidendo in che locale andare a fare i selfie, senza pensare al tumore che non viene loro ancora diagnosticato.
Gente che si ammazza di lavoro o che soffre per l’assenza di questo, che rappresentano entrambi problemi di vita serissimi, intendiamoci, ma essendo “di vita” già ai miei occhi (con gli occhiali di Carpenter) si ridimensionano totalmente e che io accantonerei pensando che magari tra due anni avrò un incidente stradale mortale.
Gente che mette in fila i calzini, divisi per colore, allineati maniacalmente, con una passione che capirei se fosse piena consapevolezza del nulla imminente e dunque un modo di allontanare il suo pensiero. Ma poi ci parli e vedi che lo fanno perché davvero per loro è importante l’ordine, e di nuovo ti senti nel protagonista del film, e ti verrebbe da dir loro che magari pure loro moriranno tra due anni. Nel medesimo incidente stradale. Corsia opposta alla tua.
Come cazzo fate? Insegnatemi!
Fermi, non ponetemi la solita obiezione: “Eh, che dovremmo fare, suicidarci?”, perché io non vi sto ponendo una alternativa. Io non ho soluzioni. Io vi sto chiedendo solo come facciate. Perché io voglio essere come voi. Voglio gettare gli occhiali, voglio diventare come voi, un mostro, un cazzo di mostro allegro e paciarotto, che se prende una mazzata dalla vita barcolla ma sorride subito, magari con un po’ di bavetta alla bocca e nessuna capacità di fermarsi a riflettere.
Che poi sarà quello, il segreto, non riflettere. Ma non ci riesco.
Essere come voialtri, che prendete l’aperitivo senza quella malinconia di fondo che dovrebbe accompagnarvi in ogni cazzo di momento della giornata.
Voi, che ogni Cristo di sabato vi incontrate negli stessi posti, con le stesse persone, a fare le stesse battute di fronte alla stessa cazzo di pizza, e quando avete una botta di vita ci mettete doppia bufala.
Voi, che pubblicate su Instagram quel Cristo di bicchiere sollevato a mo’ di trofeo (ma che cazzo avete vinto?), senza sentire dentro quella voce che dovrebbe dirvi “Che cazzo di senso ha tutto?”.
Guardate che io vi invidio, sia chiaro. Io davvero vorrei essere come voi, liberarmi di questa costante presenza tetra e gelida che poi mi fa sentire dannatamente solo.
Ogni tanto capita qualcuno a me affine, e guardare le cose con gli stessi occhiali solleva, rende le cose più sopportabili.
Ma tanto perderò anche quello.
Dicono che l’inquietudine sia parte delle menti attive, ma io davvero scambierei la mia maledizione – perché questo è – con il godere di un barbecue con gli amici.
Ma odio pure il barbecue. Non ho amici.
Forse per l’avversione al barbecue.
Vorrei tanto vedere le cose come fate voi, amare la vita.
Come fosse una cosa bella.

Scendere dal piedistallo

“Credi in te stesso, supera i limiti, puoi raggiungere qualunque obiettivo se ci credi, non arrenderti mai”.

Quante volte l’abbiamo letto, visto nei film?
Sono quattro cazzate in fila.
Quattro cazzate in fila.

“Credi in te stesso” è una roba ridondante e pericolosa, e può avere una positività solo per chi ha coscienza reale dei propri limiti, perché è già partire col piede giusto l’essere scettici su se stessi. Se io non credo nell’attuale me stesso significa che ho i margini e lo sprone per migliorare. Se invece credo in me stesso e penso di poter fare tutto non sono uno motivato ma solo un coglione borioso, che probabilmente a ogni mazzata ricevuta dalla vita incolperà gli altri. Come vediamo attorno a noi ogni giorno: pieno di gente incapace che crede di poter fare qualunque cosa e quando non ci riesce incolpa “il Sistema”, “la gente”, la sfiga. No, probabilmente siete voi, che credete un po’ troppo in voi stessi e non valete quanto pensate.

“Supera i limiti” è una puttanata siderale. Non si superano i limiti. Se sono limiti veri significa che sono insuperabili. Se li superi significa che quelli non erano i limiti e chi li ha definiti tali ha sbagliato. I limiti ci sono, per tutte le cose e per tutte le persone. La frase viene spesso usata per spronare qualcuno a dare il massimo, ma superare i limiti è semplicemente impossibile e chi ve lo chiede in pratica vi sta dicendo di provare a suicidarvi.

“Puoi raggiungere qualunque obiettivo se ci credi”: no. Non è vero. Non è assolutamente vero. Se io credo di poter volare sono uno psicopatico, punto. Se svengo alla vista del sangue non sarò mai un bravo macellaio, men che meno chirurgo. Ciascuno è portato o non portato per qualcosa. Stephen Hawking ha raggiunto gli obiettivi per cui era portato, non avrebbe mai potuto vincere i cento metri piani in una olimpiade, pure a crederci con tutta la carrozzella. Prendiamo coscienza di ciò che siamo, piantiamola di vaneggiare.

“Non arrenderti mai”: e perché? Perché uno non dovrebbe arrendersi una volta tracciato un bilancio di vantaggi e svantaggi dal perseguire una data azione? Se dopo cinquanta tentativi non riesco a superare quell’esame per diventare carabiniere probabilmente dovrei farmi due domande sulle mie capacità e attitudini a quel mestiere e arrendermi sì, per il bene non solo mio ma della collettività. Certo che devo arrendermi in certi casi: ma chi sono, Homer Simpson nella puntata nella quale ogni volta che prende la ciambella riceve una scarica elettrica e continua imperterrito a prendere ciambella e scossa insieme? Arrenditi, Cristo, scegli un’altra strada, sii elastico, cosa sei, una bestia irrazionale?

Piantatela di illudere la gente, piantatela di dire cazzate, piantatela di parlare come nei discorsi motivazionali alla Braveheart, piantatela di fare danni vendendo fumo: siamo persone normali, con limiti intellettivi, fisici, biologici. Facciamo un atto di umiltà: sarebbe già una grandissima cosa se iniziassimo a prendere coscienza di quanto siamo niente.

Io quando mi ricordo di chiudere il gas mi sento migliore della maggior parte del genere umano.

Ma questa è anche disistima verso voialtri <3

I cazzi degli altri

Teenage girls in conflict

Pubblichi foto erotiche, ammiccanti. Ci sta, è un tuo spazio, ci mancherebbe. Ed è stupido chi viene a farti la morale: tu pubblichi quel che ti pare. Qualcuno ti dice che è roba di “Cattivo gusto”, come se ci fosse un parametro oggettivo, una misura. Il tuo “buon gusto” può essere totalmente diverso dal mio, e comunque siamo nel 2019 e dovrebbe essere lontana l’epoca delle censure espressive (“L’origine du monde” di Courbet insegna). “Mi vieni a fare la morale per due foto che pubblico? Ma che problemi hai?”.

Ti scrive in privato uno, che nella foto profilo sorride accanto a due bambini.
Non si sa chi siano i bambini ma PRESUMI siano i figli (potrebbero essere nipoti, due perfetti sconosciuti immortalati in occasione di qualcosa, non si sa).
Avendo presunto fossero i figli, PRESUMI sia sposato (potrebbe essere vedovo, single, fidanzato, separato, divorziato, gay, tutto).

Il tizio ti scrive che le tue cose glielo fanno venire duro e lui si smanetta al pensiero.

Tu pubblichi la schermata, con nome e cognome dello smanettatore, foto profilo in chiaro con tanto di bambini sbaciucchianti accanto.

Perché?

Perché il tizio ha fatto qualcosa che non doveva, una roba di “Cattivo gusto”, come se ci fosse un parametro oggettivo, una misura. Il tuo “buon gusto” può essere totalmente diverso dal mio, e comunque siamo nel 2019 e dovrebbe essere lontana l’epoca delle censure espressive (“L’origine du monde” di Courbet insegna). [loop]

Ehi, ma prima valeva per te, adesso non vale per lui?

E via una serie di commenti a insultare, sbeffeggiare, condannare il pippaiolo.

Tutti con la sentenza in mano.

Tutti che davano per buone le presunzioni di cui sopra.

Pochissimi a opporre un: “Scusate, ma perché state mettendo alla gogna quel tizio?”.

Invece un fiorire di: “È stata una cosa di cattivo gusto”, “Ha figli, non dovrebbe scrivere certe cose”, “Si dovrebbe vergognare”, “Vorrei vedere se viene a saperlo la moglie”.

Moglie che magari non c’è. Ma pure se fosse? È una conversazione privata. Il reato l’hai commesso tu che pubblichi robe private, non lui. La porcata “di cattivo gusto” (aridaje) l’hai fatta tu, non lui. Lo schifo reale lo hanno creato i commentatori coi loro sfottò, non lui.

Commentatori tutti impeccabili, dalla sessualità inesistente e dalla morale inappuntabile, esseri efebici o del tutto eterei, vicini alla purezza del Signore.

I cazzi degli altri.
Voi vi fate i cazzi degli altri, e sapete perché?
Perché siete marci, siete marci dentro, e avete un bisogno immane di sentirvi migliori e di mostrare agli altri di esserlo. Avete bisogno di capri espiatori da condannare, poveracci da affossare, condanne da eseguire.
Perché fate schifo e non avete i coglioni per ammetterlo, per accettarlo.
E fate schifo per il solo fatto di essere persone, esseri umani, con tutto il carico di debolezze degli esseri umani.
E vi serve sublimare, distaccarvi da questa merda, sentirvi buoni come vi sentite quando date l’euro al poveraccio, e antirazzisti se il poveraccio è di colore (jackpot!).

Voi state sempre a rincorrere una figura di voi che non esiste.
Per questo siete perennemente stressati, sfibrati, stanchi.

Io sono un pezzo di merda, ho un casino di limiti, fatico tantissimo ad accettare certe cose. Ma ho da un pezzo accettato me, il mio essere un essere umano, con tutto il carico di merda correlato.
Quando ci riuscirete pure voi vedrete che dei cazzi degli altri che non vi coinvolgono, non vi tangono, non vi creano problemi personalmente, smetterete di interessarvi.

Fatemi sapere.

Il cambiamento

Mauro è milanese, ha 12 anni e frequenta la scuola media del suo quartiere.
Antonio è napoletano, 12 anni, e frequenta la stessa classe di Mauro.
Luigi è il cugino di Antonio, anch’egli napoletano, 12 anni e sempre la stessa classe.
Mauro è il bulletto della scuola: prende sempre in giro i più deboli e in particolare sfotte Antonio e Luigi per il loro accento. Li chiama “Terùn”, come sente dire dal padre.
Antonio ha un carattere forte, non gli interessa: e poi è bravo, studia, si impegna.
Luigi invece soffre molto questi sfottò, si sente emarginato, in difficoltà, ma trova in Antonio un supporto, una difesa.

Passano gli anni e arriva il tempo delle superiori.
Mauro non fa più il bulletto perché fisicamente non ha più la struttura per permetterselo: è un po’ sovrappeso, una struttura fisica che non incute certo timore, ma ha mantenuto quell’atteggiamento indisponente e gradasso di sempre.
Antonio è diventato un bel ragazzo, ricercatissimo dalle ragazze della sua scuola: un successo amplificato dal suo essere leader di una band che sta avendo un discreto ritorno.
Luigi è sempre rimasto un po’ ai margini, mai una scintilla, anche a scuola risultati modesti.
I tre si ritrovano casualmente a una festa.
Mauro vede Antonio e prova ad attaccar bottone, per farsi presentare qualche bella ragazza: Antonio ne è sempre circondato.
Antonio ricorda i tempi nei quali Mauro prendeva in giro lui e il cugino, e tutte quelle brutte parole, quelle offese, quelle umiliazioni portate avanti per tanto tempo, e allontana Mauro.
Mauro vede allora, in disparte, Luigi, e si avvicina a lui.
Luigi dapprima si preoccupa, ma poi vede che Mauro sembra cambiato, sorride, non insulta, non minaccia, non sfotte.
Mauro entra nelle grazie di Luigi, tanto che i due diventano amici.
In realtà Mauro sta approfittando, ancora una volta, della debolezza di Luigi: lo sta usando per un suo fine, entrare nel giro di conoscenze di Antonio e avvicinarsi a quelle belle ragazze.
Antonio si accorge di questo ennesimo gioco subdolo di Mauro e avvisa suo cugino Luigi: “Guarda che ti sta usando, ti prende in giro. In realtà Mauro odia me, te e tutti quelli come noi, gli facciamo schifo, non è affatto cambiato, anzi”.
Luigi a questo punto prende a male parole il cugino Antonio, lo accusa di invidia, gli dice che adesso finalmente ha trovato qualcuno che lo apprezza, che Mauro è cambiato.
Antonio cerca di spiegare come Mauro stia plagiando Luigi, ma Luigi, che non è mai stato un fulmine di guerra nel capire le cose, a questo punto taglia i ponti con Antonio e inizia a frequentare Mauro.
Mauro si fa presentare tutte le belle ragazze che Luigi conosce grazie all’essere cugino di Antonio.
Antonio e Luigi si perdono di vista.
Dopo qualche anno Antonio rivede Luigi e gli chiede come vada.
Luigi gli chiede scusa per quanto accaduto anni prima e gli confessa che Mauro, dopo essere stato introdotto a quel mondo che voleva conoscere, lo ha mandato a fanculo proprio come ai vecchi tempi.
Luigi si vergogna di essere stato preso in giro così facilmente. E’ stato tratto in inganno da un cambiamento di comportamento che chiunque, con un po’ di raziocinio, avrebbe subito inquadrato.
Ma Mauro si sa, è questo. Lui dice alle persone semplici quello che le persone semplici vogliono sentirsi dire.
Mauro non cambia.
Antonio lo sapeva.
Luigi no, non se n’è accorto.
Oggi siamo nella fase di Luigi che manda a fanculo Antonio.
Come vedremo nei commenti.

Addavenì barbone!

A furia di semplificare per venire incontro a tutti, tagliare per evitare di annoiare, progettare le cose in modo da minimizzare i rischi per chi fosse incauto, prevedere tutto perché qualcuno potrebbe sbagliare, avete azzerato l’efficacia della selezione naturale e oggi ci ritroviamo ovunque gente che usa uno smartphone, cioè la tecnologia e i progressi della scienza per mettere in dubbio la tecnologia e i progressi della scienza.
Se sulla varechina ci scrivete “PERICOLO”, “Non ingerire”, ci mettete un teschio, ci aggiungete additivi per creare un odore chiaramente respingente, fate il tappo antibimbo e nonostante tutto uno ci si attacca come fosse una Ichnusa, magari le cose è bene andassero così e che il tizio volasse al suo Creatore.
Ma voi niente, lo curate, perché siete brava gente e avete fatto il giuramento di Ippocrate. Poi quello si rimette, entra su Facebook e parla male delle multinazionali della varechina. E magari pure della medicina che non gli ha salvato completamente il fegato.
Se crei cose a misura di un idiota, gli idioti troveranno nuovi modi per sbagliare.

#iostocondarwin

Le parole che non ti ho detto

Ero solo, per la prima volta a Los Angeles. Il motel era a Glendale, così da permettermi di visitare Hollywood, la strada con le stelle e quelle menate là con una certa facilità. Vicino l’osservatorio Griffith, dal quale si poteva godere di una veduta spettacolare sull’intero smog della città.

Decisi di passare la serata in un locale nella vicina Pasadena, perché avevo letto su Tinder Tripadvisor che là era facile incontrare stelle del cinema oppure perfette sconosciute molto carine, e io alle perfette sconosciute molto carine non sapevo resistere.
Entrai e venni avvolto da una nuvola di vapore aroma liquirizia – c’erano degli spruzzatori all’ingresso tipo decontaminazione nucleare, solo che invece delle radiazioni ti toglievano ogni virilità.
Feci come nei film, mi avvicinai al banco e chiesi una birra. E come nei film mi si avvicinò una perfetta sconosciuta molto carina, come quelle descritte un paio di righe sopra. Però non mi parlò, non attaccò bottone come speravo, “Sarà l’aroma liquirizia”, pensai. Così mi feci coraggio e le chiesi se potevo offrirle qualcosa. Niente, fu molto più semplice del previsto perché sorrise e disse di sì (probabilmente era una liquirizia depotenziata o lei aveva il naso chiuso).
Come succede in questi casi una parola dopo l’altra e ci congratulammo con noi stessi per aver capito come si costruiscono le frasi.
E una frase dopo l’altra e ci ritrovammo da lei, che abitava là vicino.

  • Vivi sola?
  • Sì, ma c’è una cosa che non ti ho detto.
  • Sei fidanzata?
  • Sì.
  • E allora? Cosa facciamo?
  • Quello che vogliamo. Ma senza baci in bocca.

Mi pareva un buon compromesso. Del resto se al fidanzato bastava questo mi sembrava giusto accontentarlo.

Mi portò nella camera da letto e mi chiese di aspettarla: doveva andare in bagno.
In un momento così altamente erotico un uomo può pensare cose incredibilmente fuori luogo. A me venne in mente: “Io non farei mai la cacca in un momento simile”.
Da lì a farsi domande sui mille misteri delle donne è un attimo: “Perché le donne vanno in bagno sempre in due?”, “Come fa una donna a usare un cellulare se è allergica ai libretti di istruzioni?”, “E’ possibile che una donna sappia guidare ma non riesca mai a parcheggiare rispettando le linee per terra?”, “Qual è stato in questo post il più becero luogo comune sulle donne?”.
Dopo cinque minuti uscì, con addosso gli stessi abiti di prima, e ci rimasi male perché mi ero fatto tutto un trip su lei e un négligé di quelli dei tempi d’oro di Barbara Bouchet, prima che invecchiasse e diventasse Barbara Bush.

  • Come mai non ti sei spogliata?
  • Vedi, c’è un’altra cosa che non ti ho detto.
  • Dimmi pure.
  • Io non sono la donna che credi.
  • Ma cosa pensi che io creda?
  • Non lo so, ma non voglio darti una impressione sbagliata.
  • Ma stai tranquilla, se hai qualcosa da dire sono qua, ti ascolto.
  • Sì, ma…
  • Non preoccuparti, non dobbiamo fare nulla. Se vuoi parliamo tutta la notte.
  • Sei dolcissimo. E mi piaci davvero. No, niente, non devo dirti nulla, aspetta.

E tornò in bagno di nuovo. Stavolta le aspettative sul négligé alla Barbara Bouchet (originale) c’erano tutte e più che motivate.
Ero là a pensare al Kamasutra e a come avessero voglia gli indiani di stare a seguire le istruzioni riportate su un libro mentre facevano sesso, voglio dire, ti immagini?

  • Allora, tu mettiti così…
  • Così?
  • No, guarda qua a pagina 35, la gamba sinistra attorno al mio alluce…
  • Aspetta…
  • No, non così… il gomito non va là…
  • Così?
  • Mi accechi il terzo occhio…
  • Ma Budda Eva! Mi sono incastrata!

Ma anche stavolta uscì dal bagno vestita esattamente come era entrata. E ci rimasi un po’ male.
Si avvicinò a me come se dovesse dirmi qualcosa di importante, e io la incoraggiai a parlare, con un sorriso. Non ci fu bisogno di dirle nulla.
Si sedette accanto a me, le presi la mano. Fece un grosso respiro e:

  • Scusami, ma c’è un’altra cosa ancora che non ti ho detto.
  • Hai il cazzo.
  • Sì.

Quella fu l’ultima volta che la vidi.
Los Angeles, dico.

Auguri che non siete altro

Che l’uomo sia un essere progettato per prendersi per il culo si capisce già dalla sua continua smania di trovarsi impegni inutili, di sistemare cose marginali, di dedicarsi ad attività assolutamente imbecilli come il collezionismo, la minuta catalogazione delle cose e la messa in ordine maniacale, dalla casa all’auto, dai cassetti della biancheria alla propria scrivania, in un anelito di iperbolica perfezione, ma di fatto realizzando solo il prontuario compulsivo del Furio verdoniano.

Tutto per occupare la mente, illudersi di poter controllare il flusso del tempo e dell’inesorabile divenire attorno a sé, e sfuggendo così, con questa leggerezza prossima alla pura stupidità, al pensiero della propria certa – e magari vicina – morte.

E ciò che più mi fa e mi ha sempre fatto specie, è sentirmi opporre la solita obiezione: “Eh, ma se uno ragiona così si deprime e basta: non si può mica pensare sempre alla morte”, come se uno scegliesse di essere realista, potesse decidere se ragionare o mettere da parte la realtà, mantenendo comunque onestà intellettuale.

Come se un ateo potesse razionalmente, pascalianamente, scegliere di credere in Dio.

La premessa era sì, che l’uomo è progettato per prendersi per il culo.
Ma questo non vale per tutti. Non vale per me.
Se vedeste il casino che ho in casa mi dareste ragione.
Ma v’immaginate, un ictus mentre state accoppiando i calzini, o mentre state sistemando per colore le mollette della biancheria?
Questa l’ultima immagine lucida della vostra vita?
Bestie che siete.
Meno delle bestie, che di certo non perdono tempo ad allineare statuine, abbinare cravatte, lucidare cruscotti.

Avete mai visto uno gnu lucidare un cruscotto?

Magari con una pelle di daino, che è pure a portata di mano. Invece niente.

Visto che non dico cazzate?

Auguri di buone feste.

“Popolo di santi, poeti, navigatori, nipoti e cognati” (Flaiano)

https://www.redditodicittadinanza2018.it/

500.000 persone abboccano a questo sito “IMPS” con la M. Ok. Facciamo il solito discorso indulgente sul fatto che siano magari persone anziane (ma hanno accesso digitale, qualcosa devono capire, oppure si sono fatte aiutare da qualcuno che dunque deve riuscire a distinguere una roba farlocca così), oppure gente che non ha studiato (ma anche qui le competenze digitali minime le hanno, vivono in questa società, votano – Cristo Santo, votano).

Ditemi voi, è credibile un sistema-paese che porta questi risultati? Cosa ha fallito? La famiglia? La scuola dell’obbligo? O magari un po’ tutto?
Io la butto là: e se fossimo noi, semplicemente un popolo di cialtroni, abituato da sempre ad arrangiarci, con quella subcultura non dello studio ma della furbizia, del compito passato sotto al banco?
E se fosse anche un po’ colpa proprio del vivere in un sistema clientelare, nel quale si trova lavoro per conoscenze e non per meriti?
La sto estremizzando, lo so, col rischio di cadere nel qualunquismo e nel “Signora mia”, ma aiutatemi a capire: cioè, se fosse proprio l’italianità nel senso peggiore del termine, ad aver alimentato, nel 2018, questo possente analfabetismo culturale?

Se io aspetto l’aiutino di qualcuno, sempre, poi magari sono così assuefatto a questo assistenzialismo che non ho manco più gli anticorpi culturali per distinguere vero, verosimile, ridicolo. E un sito così mi appare credibile: c’è il modulino da compilare, all’italiana appunto, e mi danno qualcosa.

È credibile. 

Nasco e già mi ritrovo in un sistema nel quale gli asili non sono per tutti – se hai conoscenze vai nei migliori. A scuola le prime cose che imparo sono le arti dello scopiazzo selvaggio (tutti noi abbiamo i ricordi più dolci e divertenti dell’infanzia e dell’adolescenza legati ai compiti in classe copiati, alle penne Bic riempite con le formule di fisica, alle interrogazioni superate con questo o quello stratagemma). Cresco, cerco lavoro e mi affido non al talento o all’impegno ma alle conoscenze. Lavoro e se posso inculare il sistema lo faccio, dalle mancate fatture agli aggiustamenti di bilancio creativi.

Insomma, essere da sempre immersi in un sistema che non fa selezione, che non screma, che non rallenta chi non merita e che frena chi ha più slancio, alla lunga qualche sfascio lo doveva creare. E ce ne stiamo accorgendo proprio ora che tutto è amplificato dal web, dai social in particolare.
Ora, che c’è possibilità di continuo confronto con altre popolazioni, con altre culture.
Ora, che la globalizzazione è reale e non limitata all’economia.

Voi davvero credete che un sito farlocco del genere, in Finlandia, avrebbe ingannato altrettante persone? E non perché i finlandesi siano più intelligenti: è che c’è una cultura diversa.

Siamo il popolo delle marchette, dei favori, degli intrallazzi e del “C’è un francese, un tedesco e un italiano: alla fine l’italiano è il più furbo”.

Siamo convinti di essere migliori.

E sapete chi lo è più di tutti?

Proprio quei 500.000.

https://www.tgcom24.mediaset.it/politica/reddito-di-cittadinanza-falso-sito-imps-ci-cascano-in-500mila_3180893-201802a.shtml