UomoMordeCane: il libro

In carta >>
In ebook >>

"Un fenomeno letterario, il libro dell'anno, probabilmente uno dei migliori scritti di umorismo che l'Italia abbia mai prodotto"
(Quanto mi piacerebbe una recensione così)





Tumbleweed: il libro con Fed-ex

In carta >>
In ebook - GRATIS - >>

Il meglio della produzione satirico-umoristico-pecoreccia di FED-EX e UOMOMORDECANE, i migliori autori d'Europa, bravissimi anche nelle descrizioni di loro stessi.



Recensioni sul libro "UomoMordeCane"


Il mio professore di religione non l'ho mai visto: era uno che usava molto bene il metodo Stanislavskij.

È un periodaccio. Ho aperto un biscotto della fortuna. Il biglietto diceva solo: “stai scherzando, vero?”.

Sono talmente pieno di me che vado spesso dall'andrologo solo per farmi fare i complimenti.

Perché vendono macchine che fanno oltre 200 all’ora se il limite è 130? Per lo stesso motivo per il quale i preservativi in vendita si srotolano oltre misura: quel che compri è anche un sogno.

Se fossi nato a Kingston ora sarei un velocista. O una chiavetta USB.

Potrei essere considerato un maniaco della precisione, se questo termine mi descrivesse nel minimo dettaglio.

Io e mia moglie avremmo intenzione di mettere in cantiere un figlio ma in Italia è ancora vietato il lavoro minorile pesante.

Ho chiuso col lucchetto la mia bici su un ponte e al mio ritorno non l'ho più trovata: completamente ricoperta di altri lucchetti.

È vero che non si può piacere a tutti, ma la facilità con la quale io riesca a stare sul cazzo a chiunque mi pare comunque una dote.

Quelli che fumano sigarette elettroniche sono gli stessi che bestemmiano con un "Porco Zio".

Sfido chiunque a convincere un eventuale viaggiatore proveniente dal passato – che so: medioevo – che portare a spasso un cane con un laccio al collo, lavargli le palle e fermarsi ogni tanto a raccogliere la sua merda e portarsela poi dietro in un sacchettino, siano atti di una civiltà superiore alla sua.

Ero su Facebook e parlavo con uno che ha una macelleria. Mi diceva che non fa altro che condividere cose strappalacrime perché sono tutte accompagnate da: "Condividi se hai un cuore".

Un tempo collezionavo farfalle, ma la casa mi si riempiva sempre di figa.
aprile: 2014
L M M G V S D
« mar    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  



















Per la Chiesa Cattolica gli italiani hanno fatto tanto. Troppo. E' giunto il momento di sostenere chi da sempre la combatte con ogni mezzo. Fai qui la tua donazione. Anche un solo euro può aiutarmi a mostrare la luce ad una novizia e farle abbandonare il convento.



Contattami qua, a tuo rischio e pericolo: uomomordecane@gmail.com


Perdi la tua produttività lavorativa con me su Facebook



 



histats.com - statistiche web


Storia (semi)vera all’ufficio postale

odd_thai_queue

- Buongiorno
- Questo è da vedere
- Vorrei riscuotere q…
- Ahahahahah!
- Cosa?
- No, ridevo per la barzelletta sul Cucciolone
- Quale Cucciolone?
- Non importa. Diceva?
- Vorrei riscuotere q…
- Ahahahahah!
- Sempre il Cucciolone?
- Sì, l’altro lato.
- Capisco. Insomma, vorrei riscuotere q…
- Ahahahahah!
- Stavolta i lati sono finiti
- Sì, ma mi tornava in mente una cosa buffa di ieri
- Cosa?
- E’ qui per sapere i fatti miei? Mi dica piuttosto
- Bene. Dunque ho finalmente la sua attenzione?
- Certo.
- Vorrei riscuotere questo assegno
- Ahahahahah!
- …
- Nono, tranquillo. Ridevo per lei stavolta.
- Bene.
- No, è che abbiamo finito i contanti.
- “Finito”? Ma non è uno sportello delle Poste, questo?
- Ci vede scritto su “Circo”?
- No, ma ci vedo un pagliaccio
- Ahahahah!
- Almeno non è permaloso
- Non l’ho capita, comunque. Me la metterebbe su un Cucciolone? Mi sono più chiare
- Appena esco da qui. Vorrei capire come facciate a non avere soldi in uno sportello delle Poste
- Questi sono segreti d’ufficio che non posso rivelare
- Lei è completamente idiota, lo sa?
- Si fa presto a dire “idiota”
- Infatti ho fatto in un secondo
- Guardi, per venirle incontro le direi di ripassare domani, ma sarei comunque un falso perché i soldi non ci saranno nemmeno allora
- Ma come mai?
- La crisi
- Ma quale crisi?! Siete uno sportello postale!
- Non ci è cascato. Lei è furbo
- Mi chiami un responsabile
- Il dottor Livozzi?
- Non so chi sia questo Livozzi ma va bene chiunque
- Il dottor Livozzi è in ferie
- Allora mi chiami un altro!
- Sciarretta?
- Sì, va bene pure questo Sciarretta!
- Non esiste nessuno Sciarretta: ho fatto il trabocchetto
- Ma trabocchetto di che?!
- Per vedere se stava attento
- Lei è un emerito imbecille!
- Questo non glielo consento. Almeno fino a che non controllerò sul regolamento
- Mi chiami qualcuno!
- D’Eustachio?
- Sì! Purché non sia in ferie, non sia un trabocchetto, qualunque cosa!
- Attenda.
- …
- …
- …
- Buongiorno, dica
- Ma dica cosa? E’ sempre lei!
- Lei è un ottimo osservatore
- Incredibile
- Ma non sa quanti ci cascano
- Sto uscendo pazzo. Io devo cambiare questo assegno!
- Perché, quello che ha non le piace? Ahahahahah!
- Ahahahahah!
- Ah, ora ride anche lei?
- Sì, rido anche io perdìo! Ahahahah!
- …
- Anzi, la metto sul Cucciolone. E poi non gliela faccio leggere! Mangio subito il biscotto, lasciando solo la crema!
- Questo no!
- Sì invece. E sull’altro lato ci metto un complesso rebus a intarsio che segue diagrammi a incognite.
- No!
- Sì!
- La prego!
- Mi cambia questo Cristo di assegno?
- Ma certo, perché non l’ha detto subito?

Falsa testimonianza

geova1

Secondo me se scopi ti passa

 

Domenica ho fatto una passeggiata sul lungomare della mia città. C’era anche una gara podistica: un fottìo di gente che stava là con un numero in petto a fingersi Gebrselassie, ma con la sciatica che già si stava facendo sentire dall’infilata delle Reebok nuove.
Nel punto di maggior concentrazione umana c’era un piccolo espositore, con due signore sulla cinquantina. Si mettono sempre là: le vedo in ogni circostanza “pubblica”, come in questo caso.
Accanto, un piccolo totem con su scritto: “Cosa ci dice davvero la Bibbia”. Sono due testimoni di Geova, che passano il loro tempo in questo modo, cercando di spiegare alle persone che stanno sbagliando qualcosa, che non hanno capito – loro – che occorre comportarsi seguendo certe regole – che loro hanno capito – e che bisogna credere nel loro Dio.

Stavolta mi ci sono fermato a parlare.

- Buongiorno.
– Buongiorno a lei! È interessato alla parola di Geova?
– Molto. Avrei delle domande.
– Ma certo. Cosa vuole sapere?
– I Testimoni di Geova possono leggere?
– Cosa?
– Leggere, in generale. Libri di letteratura, siti di informazione, enciclopedie. Leggere, semplicemente.
– Ma certo. Dipende comunque da cosa si legge.
– Immagino. Io sono appassionato di casi di omicidio.
– Cosa?
– Casi di omicidio, sapete? Quelle descrizioni minute e dettagliate di assassini famosi e spesso problematici. Ma anche casi di omicidi strani, occasionali, del tutto preterintenzionali se non addirittura nati senza una ragione reale. Gli “omicidi della noia”, li chiamo. Avete presente?
– Eh… sì… ma…
– Io penso che siano estremamente affascinanti, ma soprattutto probanti.
– Probanti?
– Sì: sono questi i casi che fanno esattamente capire cosa sia davvero l’essere umano, di cosa sia capace, quanta forza distruttiva è presente in lui.
– Ma infatti! È quello che capita quando si perde la luce di Di…
– Zitta.
– Ma…
– Taci. Leggendo casi di omicidi efferati, con sangue ovunque, sbudellamenti, torture, dissezioni, ci si chiede quale sia il limite dell’odio dell’uomo verso l’uomo. E mi sono dato una risposta: non c’è. L’uomo è una bestia.
– Sì, ma…
– Zitta, non lo ripeterò. E trovo così idiota la vostra arroganza. Il non vedere che in tutto questo non c’è altro che l’infinita pochezza dell’uomo, e che non può trovare spazio alcuna infinita bontà di Dio. Arroganti, balordi che siete.
– …
– Arroganti. Perché vi sentite portatori di verità. Voi conoscete la verità. Noi no. Voi ci spiegate che chiunque porta in sé un Dio buono. Chiunque. E voi l’avete capito. E noi no. Mi infastidisce molto, moltissimo non la vostra ottusa idiozia, della quale state rendendo conto ai vostri figli, ai quali avete già sottratto una vita piena da vivere. No. Perché questa è selezione naturale e pian piano vi eliminerete da soli. E neppure mi infastidisce troppo il vostro cercare di tirare dentro il vostro club altra gente, come se la Fede fosse qualcosa che si consuma meglio collettivamente invece che intimamente. E potrei persino tollerare le vostre scarpe del primo dopoguerra – ma dove cazzo le trovate? Io vi riconosco dalle scarpe. Mi infastidisce un’altra cosa: il vostro pensare che voi abbiate capito qualcosa e altri no. E che dobbiate spiegarci le cose. Voi. A noi. Voi, ignoranti, pezzenti, emarginati sociali, rifiutati e presi per il culo da una società che a sua volta va presa per il culo per quanto è povera e gretta. Ma voi siete ancor più sotto, le cloache di un mondo marcio già in superficie. Voi avreste capito qualcosa che gli altri non vedrebbero. “Svegliatevi!”, ci venite a dire. Portate in strada pezzi di carta con su scritto “Svegliatevi!”, voi, zombie!
– …
– Perché state sudando? State tranquille, porto sempre con me questo machete, niente di personale. Concludo: svegliarmi? Cosa pensate di potermi insegnare, voialtri, balordi, ignoranti. Cosa? Mi volete vendere il vostro Dio buono, che voi avete capito e io no. Mi state dando dell’idiota! Voi a me! Mi state dicendo che ho bisogno del vostro aiuto per capire qualcosa! Voi, a me! Dimmelo: sono un idiota secondo te?!
– Ma… ma…
– TACI! Non esiste il vostro Dio! Ma se esistesse sarebbe da crocifiggere! Il vostro Dio, che si occupa di trasfusioni e vieta i giochi ai compleanni dei bambini! Voi siete il male! IL MALE! Un Dio permetterebbe questo?
– … Co… cosa?
Questo! Tieni, te l’ho stampato. Mi hai detto che sapete leggere! Leggi!
– …
– Adesso!
– …
– Trovami Dio in queste righe. Qualunque Dio! Ma bada: se non ce lo troverai – e non lo troverai! – tu domani vai a battere sulla Bonifica con in mano un grosso cartello con su scritto: “Mi sono svegliata!”.
– …
– …
– …
– Allora? Letto?
– Sì… è… terribile…
– Bene. Allora buona domenica e la pace sia con voi… la settimana prossima vi trovo qua?

 

Curarsi con limone e cacca di piccione

namaste5

Una maestra di medicina alternativa capace di curare l’impotenza. Funziona già.

 

Ho un amico che si cura tramite la medicina alternativa.

Usa tantissimo la cromoterapia, per curarsi con i colori e la luce (poco efficace se canti seduto a un piano con grossi occhialoni neri e usi un cane per orientarti), la cristalloterapia, per trarre benefici dalle pietre scagliandole addosso a quegli sbruffoni che parlano di peccati, la musicoterapia, per ritrovare equilibrio bruciando lavori di Giovanni Allevi (questo funziona davvero, eh).

Standogli a contatto ho imparato molte cose, per esempio l’efficacia della fitoterapia, cioè del curarsi con le piante. L’uomo ha sempre usato le piante per il suo benessere: ho letto da qualche parte che c’è gente che usa il succo di limone per tutto, dalla cura del raffreddore allo schiarimento dei capelli al condimento del pesce. Pensate che serve persino per togliere le macchie di mela, a loro volta causate dall’uso del succo di mela, utile per togliere le macchie di ribes, causate dall’uso del succo di ribes. Non vi sto a spiegare cosa tolga il ribes ma vi dico solo due parole: “tumore polmone”.

Ora pare abbia scoperto il potere dei ravanelli, per curare l’assenza di colore delle insalate, e delle zucchine, per curare la solitudine nelle lunghe notti invernali.

Mi dice che esiste pure l’antroposofia: l’essere umano non è solo corpo fisico ma anche corpo eterico (le forze che plasmano la vita), corpo astrale (sentimenti) e corpo egotico (il pene). In pratica la malattia viene dallo squilibrio tra queste forze, e bastano due semplicissime cose per curarsi: ripristinare l’equilibrio tra tutte queste componenti e indossare un buffo cappello di alluminio con una grandissima antenna in cima di colore giallo paglierino.

Non ditemi che vi sembra strano: io non trovo nulla di particolare nel concetto di ripristino dell’equilibrio.

Ah, l’altra cosa. Avete ragione. Va bene anche giallo scuro.

Già conoscevo l’agopuntura, perché da giovane l’ho vista praticare da tanti miei amici, agli angoli delle strade. Dopo un po’ gli venivano i denti neri e si mettevano a chiedere spicci per l’autobus, ma credo fosse tutto scritto negli “effetti collaterali”.

Non sapevo invece nulla di medicina ayurvedica, quella più utilizzata in India, il paese con la vita media più bassa a causa della medicina ayurvedica. Questa si basa sul mantenimento della buona salute tramite minerali, metalli, anche pesanti ma purificati, acidi, erbe in infusi o polveri. In Italia un timido tentativo di introdurre questo tipo di cura su larga scala fu fatto a Seveso e, recentemente, all’ILVA di Taranto, con risultati discordanti.
Secondo questa medicina, il corpo è pervaso da tre dosha (energie vitali): Vata (spazio e aria), Pitta (fuoco e acqua) e Kapha (il pene). Anche qua è tutta questione di equilibri e di ripristino delle energie mancanti. Il denaro aiuta moltissimo a ripristinare ciò che è carente, mediante affiancamento di un Maestro al “Babbeo”, nome indiano che significa “colui che segue la via della conoscenza, ma fondamentalmente verrà alleggerito dei beni terreni“.

C’è poi la medicina omeopatica, di cui ho ampiamente parlato e quella tradizionale cinese, a base di soya e Kikkoman. Secondo questa medicina antichissima, l’universo intero è composto di energie in continua alternanza, lo yin (nero) e lo yang (il pene), che creano – ancora – un equilibrio. L’assenza di equilibrio genera la malattia e crea il bisogno di trasferirsi a Prato.

All’interno dell’omeopatia vi è l’omotossicologia, cioè la conclamata avversione ai gay (ripeto, sono ancora agli inizi e magari sono impreciso). L’omotossicologia è stata dichiarata del tutto inefficace già nel 2004, ma i seguaci di questa teoria insistono nell’affermare che si tratta di un complotto delle case farmaceutiche, che mirano a diffondere un agente patogeno in grado di attaccare la pelle degli uomini, diffondendo la tipica barbetta portatrice del virus dell’omosessualità.

Ancora, l’osteopatia, il trattamento di disfunzioni attraverso un particolare tipo di manipolazione, volta a diminuire la sofferenza localizzata. In età adolescenziale prende il nome di “seghe”.

Infine la chiropratica, che ha l’obiettivo di mantenere la salute dell’uomo concentrandosi sulla colonna vertebrale. Va detto che gli studi chiropratici necessitano di ulteriori conferme, avendo finora preso come campioni Stephen Hawking e il Gobbo di Notre Dame. In ogni caso è stata evidenziata una scarsa efficacia sul melanoma e, in generale, su tutte le malattie.

In sintesi, cosa possiamo dire? Che nonostante la medicina ufficiale abbia in diverse circostanze evidenziato l’inefficacia di tali cure, spesso molto costose, le stesse si sono rivelate validissime in un’infinità di casi. Moltissimi casi. Molti, almeno. Vabbè, comunque alcuni. Certo, spesso i pazienti sono morti, ma restando estremamente in equilibrio e con una dispensa piena piena di limoni.

Per non parlare delle case, splendidamente arredate con decine di candele profumate anticancro.

Namasté (il pene).

Facebookate (3)

I delfini sono intelligentissimi ed estremamente mammiferi

dolphin

Nell’immagine, un delfino pronto all’accoppiamento

Uno studio guidato dal prof. Sebastiano Renti (il nome è solo di fantasia: in realtà si chiama Matteo Balestra), circa la questione sulla mammiferità (neologismo o semplice puttanata?) dei delfini, che non sono pesci anche se hanno la forma di pesci e vivono in acqua e praticamente sono spiccicati ai pesci ma sono mammiferi per farti il trabocchetto quando stai alle elementari e impari questa cosa e poi te la rigiochi praticamente per tutta la vita convinto che gli altri ancora ci caschino e in effetti qualcuno ancora ci casca e tu ti senti acculturato ma solo perché frequenti ignoranti e questo periodo senza virgole è diventato lunghissimo e allora lo spezzo qua.

Dicevo, uno studio guidato da Matteo Balestra (ormai le carte sono scoperte, dai), noto ricercatore del MIT di Segrate (il MIT ha tantissime sezioni distaccate, una persino a Cambridge), rivela che i delfini in origine erano pesci a tutti gli effetti, ma che a un certo punto svilupparono una intelligenza tale per cui smisero di pagare il canone RAI, smisero anche di deporre le uova e iniziarono a fare figli come le donne e come le vacche (nessun paragone), per una questione di comodità circa le baby sitter: vuoi mettere affidare un bambino a una adolescente che lo mette di fronte la Play e affidarle invece un uovo che poi magari se lo perde dentro la borsetta Carpisa?*
*Le borsette Carpisa sono piccolissime esternamente ma dentro contengono un piccolo buco nero in grado di far scrivere un nuovo libro a Hawking. Senza mani.

Sui delfini sappiano ancora poco: è comunque difficile prendere appuntamento. In ogni caso ciò che appare evidente è la loro estrema intelligenza: giocano, saltano, passano l’intera vita senza lavorare. I pochi ritardati finiscono catturati e sono schiavizzati nei delfinari, costretti a posare insieme a mocciosi scaccolanti per del pesce rancido coltivato in secchi bianchi.

Se c’è un inferno è quello patito da queste povere creature, abusate, costrette a prostituirsi al suono di un fischietto, senza riposo, senza poter pregare un Dio.

Che poi, con quelle pinnette, farsi il segno della croce è un casino.

Siamo donne, oltre le gambe c’è cucù

TYP-433975-4404740-donne_1

Per motivi tecnici l’immagine è stata tagliata nella sua risposta, che comunque era: “Gli uomini”.

Trovo vergognoso quel che è successo ieri in Parlamento. Il concetto di “Quote Rosa” è così palesemente vitale, in ogni ambito, che non capisco come mai ci siano ancora queste assurde chiusure medievali. In casa mia, anzi, ho adottato il principio dello sbarramento minimo: se non entrano almeno tre zoccole ogni sera io non inizio manco a ubriacarmi.

No, seriamente: ma come si fa a non capire che un Paese che possa definirsi “civile” ha bisogno della presenza delle donne laddove più si prendono le decisioni importanti? In cucina, chi dovrebbe starci?

E non venitemi a dire che gli uomini sono migliori e a farmi sempre l’esempio di Carlo Cracco: pensate che lui poi abbia anche voglia di lavare i piatti? Già ce lo vedo, farmi la faccia schifata (a proposito, le espressioni di Cracco sono due: uno con la faccia schifata normale e uno con la faccia schifata da contratto Sky).

No, è una vergogna, una autentica vergogna: avremmo potuto dare un segnale di modernità definitivo, ieri. Invece niente: stiamo ancora là al palo, mentre ci stanno superando anche Paesi che fino a ieri consideravamo retrogradi. Sapete che per esempio in Iran stanno pensando di aumentare fino a tre centimetri la fessura per gli occhi nel burqa? E noi stiamo qua a cazzeggiare.

“Dietro ogni grande uomo c’è sempre una grande donna”, è verissimo ma quello dell’obesità è un problema che non voglio ora analizzare.

Perché “oltre le gambe c’è di più”, cantava Anna Omsa.

E allora proviamo in altri ambiti, se nella politica proprio non ci si riesce: almeno tre donne in ogni squadra di calcio. Non saranno peggio di Amauri.

Ha ragione la Boldrini quando afferma: “GNEGNEGNEGNEGNE!”. Noi uomini dovremmo vergognarci. Specie se abbiamo votato PD.

A proposito: volevo stracciare la mia tessera ma avrei solo riprodotto in scala l’ennesima scissione.

Amare, sognare, procrastinare

Senza nome-1

- Dio come mi manchi! Non vedo l’ora di vederti!
– Anche io, bellissima. Se vuoi oggi ci sono.
– Eh magari, ma c’è il mio ragazzo…
– Ah certo, per carità. Non destiamo sospetti. E domani?
– Domani neppure. Devo assolutamente uscire con la mia amica. Sai, lei e il mio ragazzo si conoscono e non vorrei…
– …destare sospetti. Capisco. Mercoledì allora?
– Mercoledì sarebbe perfetto.
– “Sarebbe”?
– Sì, sarebbe. Ma ho già fissato appuntamento dall’estetista.
– Capisco. Giovedì?
– Giovedì, come no!
– Ah, giovedì ti va bene! Bello!
– Sì. Andrebbe bene. Se non fosse che…
– Cosa? Pure giovedì!
– Sì amore. Non vedo l’ora di vederti. Ma giovedì ho la parrucchiera.
– Venerdì?
– Sarebbe splendido amore ma… accompagno la mamma da qualche parte senza ragione alcuna.
– Sabato, domenica, lunedì, martedì prossimo…
– Callista, gommista, commercialista, frate trappista.
– Aprile, maggio, giugno, luglio…
– Sorella, fratello, cugino, compare, vicino di casa, sconosciuto di cui non so nulla.
– 2015, 2016, 2017…
– Guardo il gatto tutto il tempo, resto a fissare un limone, mi metto in piedi immobile nel reparto verdura del LIDL, faccio la cacca.
– Ma fammi capire, quando cazzo ci vediamo io e te?
– Ma presto amore. Non vedo l’ora.

Giuro, non prenderò in giro il curling

hqdefault

Nella foto, un atleta giamaicano si prepara a essere fuori contesto

 

Ho provato a seguire per un po’ le olimpiadi invernali ma ho dovuto rassegnarmi all’evidenza: non sono riuscito a fregarmene minimamente. È che gli sport freddaioli non riescono ad attrarmi, non ci sono mai riusciti.

Ricordo i fasti di Alberto Tomba e di una Italia tutta incollata a guardare non la sua discesa ma il cronometro in basso, che avrebbe fatto la differenza tra esultanza e delusione nazionalpopolare. Ecco, questo intendo: uno sport nel quale non riesci ad apprezzare il gesto tecnico-stilistico ma che è tutto basato su dei numeri che scorrono, non riesce a prendermi.

E no, non è come nell’atletica: Bolt che corre sta sfidando sì il cronometro. Ma non solo. E ti regala un riferimento visivo meraviglioso, nel suo mettere luce tra sé e gli avversari.
Quanti di noi hanno le competenze tecniche per apprezzare una discesa in slalom gigante, e notare la posizione del corpo, la scorrevolezza dello sci, la ricerca delle traiettorie, e differenziarle da atleta ad atleta? Su uno schermo televisivo, peraltro?

E poi: scivolare a valle lo trovo artificioso, quasi innaturale.
Ma vuoi mettere, correre e saltare? È per quello che siamo nati: ce l’abbiamo dentro. L’esserci poi adattati ad altri climi e ambienti e averci costruito su attrezzature e pratiche, è comunque roba recente, di qualche migliaio di anni. Ma noi per milioni di anni abbiamo corso, inseguendo prede e fuggendo da predatori. È naturalmente appassionante per questi richiami ancestralmente collegati con le nostre origini. E le origini sono queste, antichissime.

Giuro, non prenderò in giro il curling.

Se ci togliete la solita fissazione patriottica, per cui il bronzo a un italiano con un nome da supposta svizzera vi fa sentire soddisfatti (cercate di fermarvi a riflettere su questa soddisfazione, sulle reali motivazioni, sul suo essere slegata da ragioni reali), cosa resta di quella cosa? Uno che scivola a valle. Riduttivo? Ma è così. Ma che noia, su…

Ma vuoi mettere i 200 metri? Quell’attesa, il prendere posto ai blocchi. Un pugno di atleti, l’uno contro l’altro. Che non incrociano gli sguardi. Si sistemano, come i gladiatori affilavano il gladio. Il silenzio. Lo sparo.
La sciolina? Ma scherziamo? Ma non è roba da usare con la tua donna?

Giuro, non prenderò in giro il curling.

Che poi, siamo ancora a livelli di tollerabilità, quando si parla di slalom. Ma lo slittino? Eddai, vi prego. Lo facevo da ragazzino! Mi mettevo sotto il culo un pezzo di plastica e affidavo alla gravità il compito di emozionarmi. Ma che gesto atletico c’è nello slittino? Che lo spingi all’inizio? Che freni qua e là? Sposti il corpo? Bene: paragoniamo lo slittino e il salto in alto. La coordinazione, la potenza, la tecnica. Il pathos di quell’asticella che viene toccata e resta/non resta là, in uno momento quantistico che ci manca solo il gatto di Schrödinger.

C’è da parlarne?

Non sono mai andato a sciare in vita mia. Una volta noleggiai uno snowboard: discesina-caduta-in piedi-discesina-caduta-ma Cristo la neve nel collo!-ma andate affanculo-baita-pizzetta calda-mai più perdio.

Il salto dal trampolino. Spettacolare, certo. Ma io, che ne capisco? Dove ci si allena? Quali sono i miei riferimenti? Dov’è proiezione personale? Non posseggo gli strumenti per valutare nulla, il gesto tecnico, la posizione… nulla. Cosa mi interessa alla fine? Solo sapere se ha fatto un metro in più o in meno del precedente. Ma che gusto c’è?

Invece: i diecimila metri. Quei keniani che tirano fin dall’inizio, a stuccare il fiato. Tu che ti rivedi, ragazzino, correre con gli amici, a chi faceva primo. E se il traguardo era lontano, niente: non riuscivi a dosare le energie. Partivi comunque a razzo e ti veniva a mancare benzina, e quel palo da raggiungere era ancora lontano.

Dai. Siamo onesti intellettualmente. Ma che ce ne frega di questi sport “artificiali”? Per il medagliere? Il medagliere è il Male.

Giuro, non prenderò in giro il curling.

Almeno quelli rassettano.

Facebookate (3)

Vieni fuori con le mani bene in vista, amen

1-13488885

Morire, ma non morire davvero.
Questo il racconto di una ragazza del Costa Rica, “deceduta” durante un intervento chirurgico:

Ho vissuto nell’aldilà, poi sono tornata nel mio corpo.

La storia avrebbe dell’incredibile, se… ehi, ma è incredibile!

Ho visto i medici che lavoravano velocemente su di me. … Erano agitati. Hanno guardato i miei segni vitali e mi hanno fatto una rianimazione cardiopolmonare. Ognuno di loro ha cominciato a lasciare lentamente la stanza. Non ho capito perché si comportavano così. Tutto era tranquillo. Ho deciso di alzarmi. Solo il mio medico si trovava ancora sul posto, guardava il mio corpo. Ho deciso di avvicinarmi, ero in piedi vicino a lui, sentivo che era triste e che la sua anima soffriva. Ricordo che gli ho toccato la spalla, poi se n’è andato. In quel momento il mio corpo ha cominciato ad elevarsi ed elevarsi, posso dire di essere stata trasportata da una strana forza.

Viene da chiedersi: com’è possibile che qua diffidiamo pure di uno che per strada ci chiede l’ora e siamo capaci di berci storie simili? È evidente che la risposta stia tutta nell’angosciante bisogno di credere che “dopo” ci sia qualcosa.
Vorrei vedere, se questa ragazza, per strada, ci fermasse e ci dicesse:
- Ti posso raccontare la mia esperienza di pre-morte?
- Non mi serve niente, grazie.
- Ma io voglio solo condividere con te la…
- Su Facebook ci vado pochissimo, scusa.

Il suo racconto continua:

È stato fantastico, il mio corpo stava diventando più leggero. Mentre passavo attraverso il tetto della sala operatoria, ho scoperto che riuscivo a muovermi ovunque volessi. Sono stata portata in un posto dove le nuvole erano brillanti, una stanza o uno spazio. Tutto intorno a me era chiaro, molto luminoso e il mio corpo si riempiva d’energia, gonfiando il mio petto di felicità. Ho guardato le mie braccia, avevano la stessa forma degli arti umani, ma composte da una materia differente. La materia era come un gas bianco mescolato con un bagliore bianco, un bagliore argenteo, bagliore perla intorno al mio corpo. Ero bella.

C’è una antropomorfizzazione dell’anima che ha del tenerissimo. Una riconduzione a qualcosa di familiare – braccia, nuvole. Una generale sensazione di dolce passaggio da uno stato a un altro, senza traumi.
Una idea di paradiso a noi vicina e soprattutto comprensibile. Perché sarebbe complicato, far capire a chi crede a queste cose, cosa significhi la cessazione delle attività cerebrali, la non-esistenza. Ma anche ad ammettere una vita oltre la vita, perché dovremmo continuare a essere simili a ciò che eravamo prima? E un cieco? Tutta questa cazzo di luce improvvisa – spegnete perdio!? Senza neppure gli strumenti per comprenderla? E un bambino morto dopo poche ore? Senza la conoscenza delle parole per elaborare pensieri?

Ma anche qua, che obiezioni balorde, le mie. Basta tirar fuori un “Noi non possiamo capire” e ottieni il risultato.

Non avevo uno specchio per guardarmi in faccia, ma io potevo sentire che il mio viso era carino, ho visto le mie braccia e le mie gambe, avevo un abito bianco, semplice, lungo, fatto di luce. La mia voce era come quella di un adolescente mischiata con il tono di voce di un bambino. All’improvviso una luce più chiara del mio corpo si è avvicinata. La sua luce mi abbagliava. Egli ha detto con una voce molto bella: «Non sarai in grado di continuare». Ricordo che parlavo la sua stessa lingua con la mente, anche lui parlava con la sua mente. Ho pianto perché non volevo tornare indietro, allora mi ha presa, mi ha abbracciata. È rimasto tranquillo tutto il tempo, mi ha dato forza. Sentivo amore ed energia. Non esiste un amore e una forza in questo mondo comparabile a quella. Egli ha detto: «Sei stata mandata qui per sbaglio, lo sbaglio di qualcuno. Hai bisogno di tornare indietro. Per venire qui, è necessario realizzare molte cose. Cerca di aiutare più persone».

Lo sbaglio. La fallibilità anche nell’altro mondo. E no, cazzo. No! È qui che crolla tutta l’impalcatura. È qui che si capisce che mi stai vendendo la bambolina Voodoo, il sangue di San Gennaro, l’amuleto magico, il cristallo terapeutico, l’acqua santa, la visita a Lourdes, il terno su Napoli, il braccialetto portafortuna, la visita del Testimone di Geova, il Corpo di Cristo – amen, la scia chimica, il soprannaturale, l’ufo, l’incomprensibile, gli dei dell’olimpo, la nonna in sogno, le coincidenze incredibili che ora ti racconto non ci crederai.

È tutta una gran buffonata. Se c’è un Dio deve essere all’altezza! Non deve commettere “errori”. Ma scherziamo? Allora potrebbe fare casini immani, anche gravi ingiustizie. E io non posso pensare che una volta morto potrei soffrire ancora per apparati burocratici non funzionanti, omissioni, fascicoli spostati, compravendita di arcangeli, lentezze nella risoluzione delle questioni, conflitti.
C’è un Forum al quale appellarmi? Santi Licheri in realtà aveva già nel nome una chiara traccia di tutto questo? Dante, Milton, questa parte sugli inciuci, dove l’avete messa?

Ho aperto gli occhi, tutto intorno c’erano porte metalliche, persone su tavoli di metallo, un corpo aveva un altro corpo sulla parte superiore. Riconobbi il posto: ero nella camera mortuaria. Sentivo il ghiaccio sulle ciglia, il mio corpo era freddo. Non riuscivo a sentire nulla. Non ero nemmeno in grado di muovere il collo o parlare. Mi sentivo assonnata. Due o tre ore dopo, ho sentito delle voci e ho riaperto gli occhi.
Ho visto due infermieri. Sapevo cosa avrei dovuto fare, un contatto visivo con uno di loro. Avevo appena la forza di sbattere un paio di volte le palpebre e l’ho fatto. Mi è costata tanta fatica. Una delle infermiere mi ha guardata spaventata dicendo al suo collega: «Guarda, guarda, sta muovendo gli occhi». Non ho chiuso gli occhi fino a quando non sono venute delle infermiere e dei medici. Tutto quello che ho sentito è qualcuno dire: «Chi ha fatto questo? Chi ha mandato questo paziente all’obitorio? I medici sono pazzi». Mi sono svegliata solo tre o quattro giorni dopo. Mi hanno aiutata a camminare di nuovo, con la terapia. Una delle cose che ho imparato è che non c’è tempo da perdere a fare cose sbagliate,dobbiamo fare tutto il bene per il nostro bene… dall’altra parte, è come una banca, più si mette, più si otterrà alla fine”.

Ed ecco la morale: “sii buono, stai tranquillo, comportati in modo morigerato, non fare domande… e nessuno ti farà del male“.
Più che un Dio, un rapinatore.

Ho una vita bellissima per te, tanto amore e luce, luce immensa. Dovrai solo darmi tutto quello che ti chiedo, senza fare domande. Ora vieni fuori da quel corpo e nessuno si farà male“.

Preferisco tenere i miei ostaggi.

Non mi avrai.