Cerca
Riconoscimenti, vanagloria
"Il cattivo piu' temibile della blogosfera"

"Il cattivo piu' temibile della blogosfera"

"Miglior articolo"

Il tavernello della musica


"Miglior battuta"

Delitto di Cogne: Annamaria Franzoni torna a casa 12 anni dopo il delitto. Felice il marito, sorriso di circostanza per i due figli.


"Miglior battuta"

Roma, morto a 102 anni il partigiano Claudio Cianca. Una mattina, non si e' svegliato.


UomoMordeCane: IL LIBRO


Il miglior testo demenzial-satiric-comic-sans degli ultimi dodici minuti.
Trovi qui la tua copia
Citazioni e dintorni


...giunsi a metà libro e mi accorsi che il tavolo aveva ricominciato a ballare...

Posseggo una elevatissima intelligenza emotiva: riesco a risolvere problemi matematici complessi, ma poi piango.

Mi annoio rapidamente: il mio film preferito è Mery per un po'.

Non capisco come mai tutti facciano molto affidamento sui rimedi della nonna per curare i malanni: la mia, per esempio, è morta.

Continuo a trovare gente che mi vuole pagare in visibilità. Credo che a questo punto dovrei essere avvistabile a occhio nudo da Urano.

La mia ex era talmente bella che i suoi assorbenti usati venivano scambiati per Kandinsky.

Se Dio sta là a segnarsi le scopate della gente, non vi pare francamente eccessiva la stima che si nutre nei suoi confronti? Voglio dire, la parrucchiera di mia moglie fa lo stesso.

Quando qualcuno afferma di occuparsi di qualcosa "a livello olistico", salute compresa, penso sempre che concretamente non ne sappia un cazzo e su più piani, ma sia ferratissimo sui segni zodiacali.

Le ricerche interiori sono sempre complicate, probabilmente a causa di tutto quel sangue.

- mi sembra squisito, ma mi scusi: me lo può servire in un normale piatto tondo invece che rettangolare?
- certo signore. Posso chiederle perché?
- per non darle la scusa per farmi pagare un botto queste quattro verdure in croce.

Vorrei dimostrare al mondo tutta la mia voglia di cambiamenti, di rinnovamento. Ma sono uomo e ho i capelli rasati.

Credo così tanto nella pet-therapy che alla fine mi sono pure sposato.

Sono talmente ateo che ho riconosciuto distintamente la sagoma di una macchia di vernice nei contorni della Madonna che mi è apparsa.

Sorridere coinvolge 12 muscoli del viso. Riposatevi, siate tristi.

Il mio professore di religione non l'ho mai visto: era uno che si immergeva totalmente nella parte tramite metodo Stanislavskij.

È un periodaccio. Ho aperto un biscotto della fortuna. Il biglietto diceva solo: “stai scherzando, vero?”.

Sono talmente pieno di me che vado spesso dall'andrologo solo per farmi fare i complimenti.

Perché vendono macchine che fanno oltre 200 all’ora se il limite è 130? Per lo stesso motivo per il quale i preservativi in vendita si srotolano oltre misura: quel che compri è anche un sogno.

Se fossi nato a Kingston ora sarei un velocista. O una chiavetta USB.

Potrei essere considerato un maniaco della precisione, se questo termine mi descrivesse nel minimo dettaglio.

Io e mia moglie avremmo intenzione di mettere in cantiere un figlio ma in Italia è ancora vietato il lavoro minorile pesante.

Ho chiuso col lucchetto la mia bici su un ponte e al mio ritorno non l'ho più trovata: completamente ricoperta di altri lucchetti.

Vantarsi di non mangiare bistecche per rispetto degli animali è come vantarsi di non leggere libri per rispetto della foresta amazzonica.

Quelli che fumano sigarette elettroniche sono gli stessi che bestemmiano con un "Porco Zio".

Sfido chiunque a convincere un eventuale viaggiatore proveniente dal passato – che so: medioevo – che portare a spasso un cane con un laccio al collo, lavargli le palle e fermarsi ogni tanto a raccogliere la sua merda e portarsela poi dietro in un sacchettino, siano atti di una civiltà superiore alla sua.

A volte vorrei credere in Dio. Per deresponsabilizzarmi anch'io un po'.

Alla coda alle Poste c'era uno che si lamentava del fatto che i farmaci salvavita fossero in mani alla lobby delle case farmaceutiche. Gli ho detto che comunque meglio così che in mano alla lobby dei tassisti. Mi ha guardato come si fa con un pazzo. Ho allora provato a recuperare con "Meglio la lobby dei discografici?". Niente. Qualcuno si è messo a ridere: l'ho trovato di cattivo gusto per chi soffre in coda alle Poste. Cosa ci insegna questa storiella? Che alle Poste c'è sempre la fila.

Ero su Facebook e parlavo con uno che ha una macelleria. Mi diceva che non fa altro che condividere cose strappalacrime perché sono tutte accompagnate da: "Condividi se hai un cuore".

Un tempo collezionavo farfalle, ma la casa mi si riempiva sempre di figa.
Regressività progresso







































Twitter
UomoMordeCane su Facebook
maggio: 2017
L M M G V S D
« Apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Articoli marcati con tag ‘minetti’

La consigliera alle grandi manovre

La moglie di Cesare deve non solo essere onesta, ma anche sembrare onesta“.
Il detto deriva da un racconto di Plutarco, celebre cane muto di antichi fumetti greci, che ci racconta di una festa dedicata alla dea Bona, alla quale erano ammesse solo donne. Pompea, moglie di Cesare, accolse nella sua abitazione Publio Clodio, suo corteggiatore, il quale si era travestito da suonatrice. Clodio fu però scoperto, forse per una pessima ceretta, e portato in tribunale.
Cesare fu chiamato a testimoniare sul fatto che conoscesse o meno Clodio ed affermò di non averlo mai visto, aggiungendo che la moglie di Cesare doveva essere considerata al di sopra di ogni sospetto.

“Al di sopra di ogni sospetto”.

Il punto è proprio questo: può la Minetti sfilare in costume da bagno per Parah? Può un consigliere regionale mostrarsi pubblicamente in (non) abiti di quel tipo?
Si rientra sempre nella libertà personale, certo. Nessuno impone ad un politico castità e morigeratezza, un obbligo censorio nel proprio stile di vita, un modus vivendi monastico o diventare suora laica come Claudia Koll, il cui culo è rimasto nel mio eretto immaginario adolescenziale mentre ora gira struccata, in una pesante tunica, a dire cose tipo “Alla pugna contro lo diavolo!“.
Ecco: nessuno lo impone. Ma tu, consigliera, non senti che magari non è il tuo ruolo?.
Era là per sostenere l’industria della moda italiana? Così mi pare abbia detto.
E se la Falqui le proponesse di cacare pubblicamente per magnificare gli aspetti del suo meraviglioso confetto lassativo? Si tirerebbe indietro o aiuterebbe l’industria farmaceutica italiana?
Sappia che io sarei comunque là in prima fila, eh. Ma non per empatia politica, bensì per puro edonismo estetico, come avrebbe detto D’Annunzio.

Non ci vedo nulla di male, – dice la Minetti – un politico non si può mettere in costume da bagno?“. Uhm, dipende.
Ecco, questa è la risposta, signora Minetti: dipende. E la sua generazione politica ha del tutto dimenticato l’accezione di questa parola. Dipende.

Chi l’ha messa là (chi? Non lo nomino) ha completamente stravolto il concetto di liceità e libertà personale, ripetendo ossessivamente il mantra: “la gente la pensa come me e farebbe quel che faccio io”.
Dipende, coso. Dipende, consigliera.
Certo, la gente farebbe la bella vita se potesse permetterselo. E io stesso pasteggerei a caviale e champagne in mezzo alle cosce di gnocche come lei, gentile signora. La trovo molto desiderabile sessualmente, sa? Parliamone, so che mi legge con attenzione: uomomordecane@gmail.com

Il punto è che io sono io, un cazzo di nessuno. E posso sfilare in costume. Io. Oppure andare a puttane. Io. Posso svaccare se perde la mia squadra, saltando sulla poltroncina allo stadio e mandando affanculo l’arbitro. Io. Girare con una palla di fuori, indossare una canottiera unta. Io. Faccio una brutta figura ma la cosa resta limitata a me.
Lei, mentre sfila in costume, mi sta rappresentando. Pure senza palla di fuori. Lei non è più una persona, signora Minetti. Lei ora è una istituzione, come lo è la fascia tricolore appesa al sindaco (non quella di Miss Italia, non confonda), come lo è l’intera persona di Napolitano o ciò che ne resta, come lo è la corona che si depone sulle bare dei morti in Afghanistan che perdono eroicamente la vita nell’atto di ritirare mensilità da favola.

Istituzioni.

Se lo ricordi, gentile signora: lei non è più quel corpo che abita e mostra. Lei ora è un’entità astratta. Arrapantissima, certo.
Lei ora ha potere, un potere diverso da quello che possiede una “semplice” bella donna. Un potere che si può affrancare da quella visibilità patinata che continua a ricercare e di cui non ha più necessità.

Sa cosa può fare adesso, glamourosissima consigliera? Può dimenticare l’involucro e pensare alla sostanza, come una Rosy Bindi qualsiasi. Non ha più bisogno di ancheggiare per dire qualcosa.

E – mi creda – può fare molto addirittura senza muovere bocca.

Ci pensa?