Dove sono le mie macchine volanti?

Da piccolo immaginavo gli anni duemila con una società evoluta, priva di problemi, con un grande governo mondiale pacificatore e illuminato, tutte le malattie curabili e benessere economico diffuso, macchine volanti e niente più D’Alema.

Invece mi ritrovo con un ritorno del morbillo, terrapiattisti, idea di disvalore della cultura, crisi economiche, logiche tribali, divisioni, odio sociale, ignoranza, diesel ovunque, ancora D’Alema.

Ero un bambino, un sognatore. Crescendo mi sono reso conto che non siamo tutti uguali, non abbiamo tutti le stesse capacità, le stesse sensibilità. Siamo diversi. Alcuni, molti, la stragrande maggioranza delle persone, non aiutano la società, non la spingono verso un miglioramento, sotto nessun settore. Anzi, la zavorrano. Pensate a quante risorse sprecate per curare i malati da malattie autoindotte, come fumo, alimentazione eccessiva.
Da bambino mi chiedevo perché uno si volesse fare del male da solo.
Oggi mi chiedo perché io debba pagare di tasca mia per curare l’enfisema che ti sei creato in piena autonomia.
Quei soldi potevano essere spostati sulla ricerca. Magari oggi avremmo il teletrasporto, come credevo da bambino, stupide e raglianti bestie da soma.

Mi sono disilluso, indurito. È colpa vostra. Ero un bambino bellissimo e con una intelligenza viva e fuori dal comune, mica come i figli di voialtri capre, che crescete a botte di Kinder e Coca Cola e (non) curate con l’omeopatia. Due rampe di scale e un bambino di otto anni può oggi avere un infarto. Noi facevamo i cento metri meglio di Bolt. Dio quanto parlo da anziano! 

Mi avete distrutto i sogni.

Per questo, quando mi danno del radical chic mi stanno solo sottovalutando: il mio non è snobismo, è reale e radicato senso di superiorità rispetto a chi ritengo vivere nel medioevo, rispetto a chi oggi mi costringe a vivere anch’io nel medioevo.

Disprezzare chi mi àncora a questa epoca di vuoto culturale è la mia personale forma di razzismo.

Me la coltivo, mi aiuta a stare meglio, è tutto ciò che mi rimane. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.