Giganti e cazzate. Giganti

Su History Channel (parliamo di Storia, dunque, parrebbe) in questo momento stanno parlando di un arrivo dallo spazio di entità provenienti dalle Pleiadi, che poi avrebbero insegnato ai sardi (ai sardi, dalle Pleiadi) a costruire strutture astronomiche quattromila anni fa. Queste entità erano giganti, per non farsi mancare niente.

“Enigmi alieni”, “Cospirazione extraterrestre”, intervallati a cose come “Vita di Mussolini” e “Guerra Fredda”. Come fossero sullo stesso piano.
Trovo tutto questo sconcertante ma ancora una volta il simbolo dei nostri tempi.
Gente con scarsa cultura e/o scarsa intelligenza si mette davanti alla tv e assorbe cotante puttanate.

C’è una responsabilità enorme dei media, oggi. C’è sempre stata, ma una volta avevamo una struttura mentale diversa: nessuno metteva in dubbio l’autorevolezza della televisione, ma nemmeno quella di chi “aveva studiato” e ti aiutava ad avere una chiave di lettura più riflessiva, si chiedeva a chi ne sapeva di più. 
“Quello è dottore, chiediamo a lui”, era l’approccio. Modesto, umile, sano. C’era sempre l’anziano professore che potevi trovare al bar, a dispensare conoscenza. E se ti faceva male una gamba si chiedeva al medico. 
Oggi è “Fammi cercare su Google questi giganti in Sardegna”. E li trovi, perdio. Li trovi perché un coglione da qualche parte ha aperto un sito su Blogspot in tre minuti e ha riversato là le sue puttanate, spesso interessate perché ci trova un tornaconto, altre volte per pura voglia di mostrare al mondo di esistere. Puttanate che hanno una visibilità e una valenza affatto proporzionale alla veridicità dei contenuti.

Su internet trovi tutto e il contrario di tutto, si sa, e capire dove sia la verità è impossibile se ti mancano le basi. Basi che non si fanno su internet. Si dovrebbero imparare a scuola, dovrebbero essere spiegate dalla famiglia, e la tv dovrebbe completare il quadro facendo informazione, non disinformazione.

I giganti. Dalle Pleiadi. Arrivano dove? In Sardegna.

Sarà il mirto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.