Sceneggiatura di un film italiano-tipo

margherita_buy-340x227
Margherita Buy, in una intensa scena di dolore, dopo aver scoperto il tradimento

Attori:

Margherita Buy (Sandra, la donna in carriera che non riesce a conciliare il ruolo di madre con il suo arrivismo ed entra in crisi);
Sergio Rubini (Alfio, il marito di Sandra, un uomo tutto casa e lavoro, fino a quando la sua azienda lo mette in cassa integrazione e a quel punto perde ogni certezza);
Laura Chiatti (Liviana, impiegata al call center, che prende una sbandata per Alfio);
Stefano Accorsi (Luigi, il manager che fa cadere Sandra in un vortice di passione e perdizione);
Riccardo Scamarcio (il ricchione).

 

Storia:

Parcheggio Ipercoop, semibuio. Sandra è in auto, una Audi A3 pulitissima, inquadrata molto bene, che parla animatamente al telefono, un Nokia Lumia nuovissimo, inquadrato molto bene. Il trucco cola sul viso. Fuori piove.

margherita_buy-340x227
Margherita Buy, in una intensa scena di felicità, dopo aver programmato da sola Sky per X-Factor

Luigi l’ha seguita, accosta con la sua auto, una Audi A6 nuovissima, inquadrata molto bene: la vede urlare e decide di entrare, interrompendo la telefonata di Sandra. Lei lo guarda come non fosse sorpresa. Non dicono nulla. Lei gli fa un pompino. Sale la musica, dissolvenza sui vetri che si appannano. Fuori piove.

Alfio intanto ha saputo della cassa integrazione e cammina, sotto la pioggia. Gli vengono inquadrate delle Hogan sorprendentemente pulite e enigmaticamente idrorepellenti. Entra in un bar, si avvicina al bancone, con su bottiglie di acqua Lete, inquadrate molto bene. Qui incontra Liviana, che dopo il call center arrotonda alla cassa. Dietro di lei il cuore Algida, inquadrato molto bene. Il bar è gestito dal padre del suo ragazzo. Alfio e Liviana iniziano a parlare, poi, con la confusione, si appartano nel bagno, sporco come solo nei film italiani che cercano di rappresentare i bagni sporchi ma la tavoletta è nuovissima, ma soprattutto c’è. Lei gli fa un pompino. Fuori piove (non si vede ma si sente la pioggia forte).

margherita_buy-340x227
Margherita Buy, in una intensa scena di disagio, dopo aver visto un suo film

Sandra e Alfio tornano a casa. Tacciono ovviamente delle loro storie ma lei ha una crisi di nervi mentre parla animatamente al telefono, il Nokia Lumia di prima, con una cover diversa. Lui alza il volume della tv, un Samsung Led 60 pollici, inquadrato molto bene. Danno una puntata di Beautiful, l’unica nella quale fuori piove. Fuori piove.

Intanto Liviana torna a casa, sotto la pioggia, perché fuori piove. Passa il suo ragazzo, accosta con l’auto, un’Audi A1 rossa, nuovissima, inquadrata molto bene. Le dice di salire, ma lei sente il peso della colpa e piange e scappa via. Il ragazzo capisce che qualcosa non va e aumenta la velocità del tergicristallo. Piove ancora.

Giorno successivo: Sandra esce e incontra ancora Luigi, in macchina, l’Audi A6 del giorno prima ma senza Arbre Magique al cocco (scelta della produzione? Svista?) in altro parcheggio, Auchan stavolta. Piove ancora. Lei urla furiosamente mentre lui se lo tira fuori. Le urla non diminuiscono in intensità ma non si capiscono più le parole. Alla radio danno una cosa di Piovani. Assonanza.

Liviana si va a confessare e il prete (un cameo di Silvio Orlando nel ruolo di se stesso, ma prete) le consiglia di smettere di fare quelle cose ma, nel caso, di riprendere tutto e mettere su una chiavetta Kingston e portargliela, per tarare la penitenza. Stacco su un grande Cristo in croce con la scritta INRI, inquadrata molto bene. Poi esce e incontra ancora Luigi, in campagna. Lei parla e piange. Lui fa per slacciarsi la patta ma viene interrotto da un pastore che urla qualcosa circa la questione immigrati. I due si spaventano e provano a ripartire, ma la macchina è nel fango e le ruote slittano (macchina nel del fango: finissima metafora?).

margherita_buy-340x227
Margherita Buy, in una intensa scena di tifo calcistico, dopo aver rispolverato delle vuvuzelas

 

Non sono inquadrate bene le gomme, per capire la marca. Lei piange, lui guarda fisso davanti, il pastore mangia una Fiesta, aroma curacao.

Sandra urla in macchina: non si accorge che Luigi è andato via venti minuti prima, lasciandole un biglietto in cui le confessa di non amarla e che ha intenzione di aprire una concessionaria Daihatsu. Lei urla molto di più e il trucco ora la fa assomigliare a Joker o Simona Ventura. Sotto la pioggia.

Ah, Scamarcio: niente, una comparsata alla fine nella quale fa un pompino al pastore, con sfondo di una Audi R8 inquadrata molto bene. Sotto la pioggia.

Fine.

 

9 risposte a “Sceneggiatura di un film italiano-tipo”

  1. Il finocchio c’è, manca il negretto: che dev’essere un po’ cazzone ma intelligentissimo.

  2. Una particina per Rocco Papaleo nel ruolo del meridionale no?
    Poche Audi e poca pioggia al sud?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.