La nostra storia tormentata

woman-fights-back

Litigavamo sempre, sempre, su ogni cosa, anche inesistente.
Passavamo le nostre giornate a cercare pretesti.
Litigavamo perché eri vegetariana e io mangiavo solo carne e quando provai a venirti incontro e a buttare pure io giù quelle merdose insalatine mi mettesti le corna perché “adesso mi sembri frocio”.
Litigavamo quando si doveva scegliere la meta delle vacanze e tu immancabilmente mare e io pure adoravo il mare ma a te non stava bene che si fosse d’accordo e non ti proponessi la montagna come alternativa da scartare.
Litigavamo per i miei vestiti sempre troppo sportivi e allora buttasti via tutte le mie scarpe da tennis e a nulla valse il mio ricordarti di chiamarmi Fognini.
Litigavamo quando sceglievamo il gelato e tu prendevi immancabilmente il Calippo perché io pensassi a battute scontate da fare che invece poi non facevo e ci restavi male perché il tuo scopo era farmi fare la figura del coglione e allora ti incazzavi dicendomi che a saperlo avresti invece preso un gelato da mangiare.
Litigavamo quando c’era da prendere la macchina perché tu preferivi la bicicletta e non sopportavi le mie rimostranze nel percorrere in bici il tratto Genova – Santa Maria di Leuca.
Litigavamo giorno e notte e se io ero all’estero mi telefonavi per litigare sulla base del fuso orario in modo da recare più danno possibile alla mia melatonina.
Litigavamo sulla presenza eccessiva di tua madre che pure sarà stata una gran donna ma tenerla in casa nostra e nella nostra camera mi pareva una esagerazione essendo peraltro morta due anni prima.
Litigavamo poco prima di andare a dormire perché le tue pecore incasinavano le mie nel conteggio.
Litigavamo perché nei miei sogni erotici ero magari a letto con Scarlett Johansson e mi sentivo libero e la cosa non so come richiamava te nel mio sogno e venivi a rompere il cazzo e alla fine mi ritrovavo a guardare Sassuolo-Livorno mentre tu e Scarlett parlavate delle dimensioni del giardiniere senegalese che entrambe conoscevate alla perfezione e che stranamente avevate come amico comune su Facebook.
Litigavamo sul motivo da scegliere per litigare.
E ora che non ci sei più, ora che Dio ha deciso di prenderti e portarti via penso che mi hai sempre detto di essere atea e in qualche modo pure adesso hai saputo farmi girare i coglioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.