Bimbiminkia e sottovalutazioni

– A me nn importa se nn mi capisci io scrivo cm mi viene
– È questo il problema: ti viene così.
– ke?
– Ecco.
– nn t capisco
– Ecco.
– uff……
– Ecco.
– sai solo dire ecco???????
– No. Anche “muori!”.
– dai e inutile ke fai tanto il professorino…….
– A parte le aberrazioni linguistiche, cosa significano tutti quei puntini alle fine?
– sn solo puntini……
– Ma perché così tanti?
– metto ttt i puntini ke mi pare ahahahaah!!!!!!!!!!!1
– perché “1”
– ke????
– Perché hai messo “1” dopo tutti quei punti esclamativi?
– ke ne so e scappato!!!!!!!!!
– “ke ne so” e “scappato” sono legate da una congiunzione o hai dimenticato un accento ed una virgola?
– uff qnt sei pesanteeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!rilassati ahahahahahaha!!!!!!!
– “Rilassati” ti provoca autoilarità?
– madonnaaaaa…… ma tu rompi pure a kasa tua cosi ahahahahah!
– Anche questa frase ti causa riso? Perché è scritta in quel modo o di suo?
– badta ai rotto!!!!!!
– Klingon?
– eeeeeeee???????????
– Forse hai un virus. Oppure sei una persona che non bada alle cose. Che pensa di risparmiare tempo togliendo una “o” da “non” ma che poi disperde tutto questo prezioso tempo (che poi, che cazzo ci deve fare con il tempo uno come te?) in generose elargizioni di punteggiatura casuale.
– kazzo dici?????? ue prof guards che si kapisce benissimo kuello ke dico sei tu ke stai a tanto a tirartela…….
– Che si capisca non è per un tuo saper comunicare ma per un mio riuscire ad intendere. Tu scarichi su di me il peso del lavoro di interpretazione dei tuoi messaggi confusi. Il tempo che credi di risparmiare in realtà lo perdo io che comunico con te. Ci avevi mai pensato?
– ma che cazzo dici ahahahahah!!!
– Il tuo vero difetto non è l’ignoranza ma l’egoismo. Sei un essere saprofita che si attacca a qualcosa e ne ruba il nutrimento, risputando poi fuori roba semplice, troppo semplice. Distruggi la lingua e le persone che comunicano con te. Chiedi loro di sforzarsi ad abbandonare anni di scuole ed
insegnamenti e a regredire ad un’età pre-barbarica. Confidi sul loro essere quello che non sei tu: precisi, attenti. Sei come il neopatentato ubriaco e drogato che parte dal pub per tentare di arrivare a casa, consapevole che non è in quelle condizioni che si dovrebbe fare alcunché ma confidando nella capacità altrui di schivarlo. Ogni “k” mi sta trasferendo questa serie di messaggi, il cui substrato comune è “Io sono l’idiota: sta a te capirmi”. Ma io non sono il tuo tutore, un tuo genitore, un responsabile della tua crescita. Io sono un perfetto estraneo e come tale non solo ho il diritto di umiliarti ma anche il preciso dovere sociale di farti sentire esattamente come appari all’esterno: una scimmia.
– ke??????
– Una scimmia bonobo. Con me hai in comune pressoché tutto il patrimonio genetico, a parte un 1%. Che però è quello che ti impedisce di comunicare. Rendendoti di fatto diverso da me e simile appunto al bonobo.
– m stai offendendo????????????????
– Va’ la banana!
– Uh!
– Bestia che sei! Sei solo questo. Una bestia priva di cultura.
– Però c avrei da dire na cosa……….
– Sentiamo, dai.
– Il linguaggio è un processo di libera creazione, le sue leggi e principi sono fissi, ma il modo in cui vengono utilizzati i principi della generazione è libera e infinitamente vario. Anche l’interpretazione e l’uso delle parole comporta un processo di libera creazione. Questo almeno secondo Noam Chomsky.
– Eh? Ma allora…
– Bestia ke 6!!!!!!!!!!!! AHAHAHAHAH!!!!!!!1!

 

3 risposte a “Bimbiminkia e sottovalutazioni”

  1. Da un certo punto di vista sarebbe positivo essere risposto così. Peccato non accada mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.