Ed è pure per questo che la Red Bull ieri ha superato la Ferrari

Quando si è seduto gambe penzoloni a 39 km di altezza, con quella camerina che lo riprendeva, mi è venuto un senso di vertigine. Già solo chiederti cosa proveresti tu in quella situazione, i tuoi pensieri, claustrofobia, agorafobia, gerontocrazia… un affastellamento di pensieri tutti per te. Te e la curvatura terrestre.

Quelli che dicono che questa cosa non ha alcun senso, che è solo pubblicità Red Bull, o il partito dell’: “Ma in fondo a che serve?” sono le stesse aride persone che se ne strafottono del macro, la notte non alzano mai la testa per unire i puntini in cielo e hanno solo il proprio piccolo quotidiano ad accompagnarli. Alpha Centauri per loro è un Suv e l’universo in espansione un centro commerciale grandissimissimo.

Il bello di quel che ha fatto Felix è che è una cosa che tutto sommato, potenzialmente, potremmo fare (quasi) tutti, ma in fondo nessuno di noi farà mai. Lo trovo affascinante già solo per questo.

Tutto il resto è “Capre!” (cit.)

3 risposte a “Ed è pure per questo che la Red Bull ieri ha superato la Ferrari”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.