Iter consigliato

Avevo perduto ogni speranza di poter vivere ancora il suo calore.
Era bellissima, Dio mio, bellissima.
Ma distante.
Una spalla emergeva timida da quella odorosa, sottile fibra di maglina come il sole farebbe da un manto di cirri all’albeggio. Incantato, incantatore.
Quei seni annichilivano ogni idea contraria all’esistenza di Dio.
Il chiarore che emanava quella pelle sembrava volesse insegnare a vestali vergini l’arte della purezza.
Ma restava là, come assente. Non si sottraeva al mio amore ma sentivo chiaramente che il suo spirito era altrove.
Pensai di chiederle qualcosa ma esitai, certo di non ottenere risposta.
Fu un triste, freddo amore quello che consumammo sul talamo che ci vide complici.
Forse la sequenza corretta era: stupro-sgozzamento.

9 risposte a “Iter consigliato”

  1. Fino all’ultimo (escludendo un paio dei tuoi passi) non sapevo se attendermi una diversa ultima frase:
    “Bramavo ardentemente leggere i suoi pensieri, carpire le sue sensazioni, i suoi tremori.
    Ma quella zingara di merda non mi ha mai insegnato la lettura della mano!”

    Ma e` di certo piu` illuminante la tua chiosa, sicuramente maturata mentre tornavi dalla lavanderia.
    Dany-Sharpen

  2. La Desgranges, per mano di DeSade, è provvida di dettagliate indicazioni in tal senso. La prossima volta consiglio di approfondire lo studio dei classici prima che li brucino all’avvento della restaurazione dell’Unica Chiesa™…

  3. “Metta le mani sul talamo e mi dia le sue generalità… Qualsiasi altra cosa dirà potrà essere usata contro di lei in tribunale”…
    Sequenza corretta: stupro-sgozzamento-arresto
    (La mia insaziabile sete di giustizia)…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.