In Fallibile

Io sono il Male.
Ho un potere immenso. Lo esercito per me, per il mio piacere.
Chi mi tocca si perde. Si perde. Si perde.
Si perde nei miei occhi.
Si perde nelle mie parole.
Si perde nel mio essere ciò che gli uomini non sono.
E vede bruciare ogni speranza.
E voi, voi, tutti a formicare la vostra vita piccina.
I vostri legami indissolubili si sciolgono con un mio respiro.
Le vostre passioni eterne durano un mio schiocco di labbra.
Sono il veleno dello Jörmungandr,
sono l’Ecate delle vostre notti insonni.
Miserabili!
Un metro e mezzo sotto terra, danacea in bocca. Questo v’aspetta.
Sputo sopra le vostre felicità di cartone.
Menti mediocri voi le chiamate “illuminate”.
Aborti di uomini vi muovono come burattini.
Pecore!
E voi, voi, nel chiuso delle vostre fogne, a fingere d’essere vivi se una stella vi scivola sulla testa, a dare significati divini ad un’onda che si infrange.
Voi. A pensare d’essere unici ed irripetibili.
Portatemi, ora, le vostre anime!
E ringraziatemi quando le vomiterò nelle fiamme: sarà il momento più alto della vostra miserabile esistenza.
Io, l’eterno!
Io, il sommo!
Io, l’infallibile!
Pure se…
Ma era davvero di oggi l’oroscopo: “Acquario: giornata serena ma siate moderati” ?

6 risposte a “In Fallibile”

  1. Nulla che non passi con una buona notte di sonno, comunque.
    Dai, che domani è un altro giorno (?).

  2. È vero che lo Jörmungandr è veleno, me lo dice sempre anche il dottore, così ho cambiato digestivo…

  3. Mi hai ricordato Achab… Cambia il nome del blog in “Uomo morde balena…Possibilmente bianca”.

    Ps: io formico sempre la mia vita piccina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.