I conti non tornano. Sempre inaffidabili, ‘sti nobili.

– Ha mai fatto speleologia?
– No, questa è la prima volta.
– Ed è agitato?
– Tutte le volte che faccio speleologia.
– Ma non mi ha detto che era la prima volta?
– Lo è.

– Uh, ma, ma, si scende?
– E’ un po’ nervoso?
– Ah, non so, le ho detto che è la prima volta.
– Veramente ha detto anche il contrario.
– E’ che non prendo i miei farmaci per il cuore sto in tensione.
– Ah, soffre di cuore?
– No.
– Ma allora perchè prende i farmaci?
– Non li prendo infatti.
– Ma se dice che quando non li prende sta in tensione!
– Appunto.

– Devo farle altre domande prima di scendere in grotta.
– Prego.
– Soffre d’asma?
– No.
– Fa uso di droghe?
– Il calcio è una droga?
– No.
– Allora no.
– Ah, le piace il calcio?
– Assolutamente no.

– Sposato?
– Sì.
– Con figli?
– Con una donna.
– Dico, ha figli?
– Ma questo serve per la visita alle grotte?
– No. L’importante è che non soffra d’asma.
– Perchè, chi soffre d’asma non puo’ fare speleologia?
– Certo che puo’ farla.

– Quando si inizia?
– Abbiamo già iniziato, non vede che stiamo scendendo?
– E’ che quando è buio non mi rendo conto bene delle proporzioni.
– Ma qui non è affatto buio.
– Infatti.

– Ma quanto ci ha messo l’acqua a scavare queste grotte?
– Sei milioni di anni.
– Uh, servono sei milioni di anni per creare tutto questo?
– Di più.
– E quanto?
– E’ impossibile fare una stima precisa.
– All’incirca?
– Seimilionitrecentosessantaseimilaquattrocentocinquantadue anni.
– Precisi?
– Milione più milione meno.
– Ma allora perché quel numero così preciso?
– Perché sono esattamente quelli gli anni che servono.
– Precisi?
– Milione più milione meno.

– La vedo un po’ sofferente…
– Siamo troppo in alto per me
– Ah, vertigini?
– Assolutamente no
– E allora perché sta male?
– E’ l’altezza, paura dell’altezza
– Ma mi ha appena detto che non soffre di vertigini
– Esatto

– Guardi, è ancora in tempo per tornare sopra.
– Ma ho pagato! Voglio andare fino in fondo!
– Siamo già in fondo.
– Beh, in fondo è stato bello.
– Ma non ancora inizia l’escursione!
– Quello che abbiamo fatto finora è stato bello.
– Non abbiamo fatto altro che prendere un ascensore.
– Un signor ascensore però.

– Io non credo che questa attività faccia per lei.
– Lo diceva anche la buonanima di mio fratello.
– Mi spiace, è scomparso?
– Mica faceva il prestigiatore.
– No dico, ha detto “buonanima”…
– Fa il prete.
– Da come parlava pensavo fosse morto.
– Lo è.

4 risposte a “I conti non tornano. Sempre inaffidabili, ‘sti nobili.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.