Settembre 2009

lunedì, settembre 28, 2009
Disturbo?

I tipi di disturbo della personalità.
Disturbo paranoide di personalità: chi ne soffre tende ad interpretare il comportamento degli altri come malevolo, comportandosi così sempre in modo sospettoso. Non aggiungo altro sennò poi dite che l’avete scritto voi.
Disturbo schizoide di personalità: chi ne soffre non è interessato al contatto con gli altri, preferendo uno stile di vita riservato e distaccato dagli altri. I sintomi però li leggete con calma, a casa vostra.
Disturbo schizotipico di personalità: solitamente è presentato da persone eccentriche nel comportamento, che hanno scarso contatto con la realtà e tendono a dare un’assoluta rilevanza e certezza ad alcune intuizioni magiche. E’ una alterazione grave della personalità che può però essere curata con una pozione.
Disturbo borderline di personalità: solitamente chi ne soffre presenta una marcata impulsività ed una forte instabilità sia nelle relazioni interpersonali sia nell’idea che ha di sé stesso, oscillando tra posizioni estreme in molti campi della propria vita. Gli aspetti da tenere in considerazione sono molteplici ma non è qui possibile approfondirli perchè ora voglio fare il contadino.
Disturbo istrionico di personalità: chi ne soffre tende a ricercare l’attenzione degli altri, ad essere sempre seduttivo e a manifestare in modo palese le proprie emozioni. Si tratta di un disturbo di cui potremmo anche discutere davanti al mio caminetto…
Disturbo narcisistico di personalità: chi ne soffre tende a sentirsi il migliore di tutti, a ricercare l’ammirazione degli altri e a pensare che tutto gli sia dovuto, data l’importanza che si attribuisce. Si potrebbero spendere esempi noti su questo disturbo. Ma non servirebbe a niente perchè non capireste.
Disturbo antisociale di personalità: chi ne soffre è una persona che non rispetta in alcun modo le leggi, tende a violare i diritti degli altri, non prova senso di colpa per i crimini commessi. Crimini che dovete comunque provare.
Disturbo evitante di personalità: chi ne soffre tende a evitare in modo assoluto le situazioni sociali per la paura dei giudizi negativi degli altri, presentando quindi una marcata timidezza. Ma è un problema non mio, ce l’ha mio cugino.
Disturbo dipendente di personalità: chi ne soffre presenta un marcato bisogno di essere accudito e seguito da parte degli altri, delegando quindi tutte le proprie decisioni. Ci sarebbe molto altro da dire a proposito ma nessuno mi dà una mano…
Disturbo ossessivo-compulsivo di personalità: chi ne soffre presenta una marcata tendenza al perfezionismo ed alla precisione, una forte preoccupazione per l’ordine e per il controllo di ciò che accade, in fasi ben definite, che elencherò nei dodici volumi annessi.

______________________________________________________
______________________________________________________

giovedì, settembre 24, 2009
Ma a mio nipote, chi glielo spiegherà?

– Dunque lei viene dal futuro?

– Esattamente.

– E da quando?

– Da un paio di giorni.

– No, dicevo, da quale futuro?

– Dal 2048.

– Mi spiega come ha fatto ad arrivare qui?

– Con la mia macchina del tempo.

– E dove sarebbe?

– No, in effetti non c’è. Vede, ho usato un sistema di cunicoli temporali creati tramite mini buchi neri.

– Cioè?

– Ho seguito le indicazioni di Gribbin… ero ricercatore al CERN, mi sono fatto un progettino, usato dell’Ununoctio (che voi non ancora riuscite a gestire), accelerato particelle fino a creare collisioni in grado di formare un buco nero in miniatura da collasso gravitazionale…

– Ferma, ferma.. non la seguo…

– Tralascio allora la parte tecnica. Le dico solo che quel buco nero è rimasto aperto per 13 secondi. Il tempo di entrarci.

– E si è ritrovato qua.

– Già.

– E perchè proprio qua?

– Ah, questo francamente lo ignoro. Ma potrei risponderle “perchè no?”

– Già. Prosegua.

– Avrei protuto ritrovarmi nella preistoria, nel medioevo, magari anche all’inizio dei tempi. Per fortuna sono tornato indietro solo di qualche anno. Forse la cosa dipende dal tipo di buco nero creato, dalla sua ampiezza… sa, con queste cose non si sa mai…

– Immagino. Adesso mi dica: perchè dovrei crederle?

– Perchè posso dirle tutto ciò che avverrà da qui ai prossimi anni.

– Certo. Proviamo. Cosa sto per dirle?

– Eh no, come posso saperlo? Io intendo fatti importanti, tragedie, catastrofi, scoperte, guerre…

– Va bene. Mi dica una cosa allora.

– Cambieranno l’immagine del bambino Kinder.

– L’hanno già fatto qualche anno fa.

– Ah, già c’è sopra Napolitano?

– Chi?

– Napolitano, l’ex Presidente. Avevano visto che i vecchi erano sempre più e volevano aprirsi uno spazio di mercato importante… Napolitano, l’ex presidente sembrava perfetto…

– Presidente vorrà dire.

– Ah, già, quello prima di Berlusconi…

– Che?!

– Berlusconi, il premio nobel…

– COSA?!

– Il premio nobel per la pace, non è ancora accaduto, è vero… del resto prima dovete essere invasi dalla Libia…

– Invasi dalla Libia?!

– Era nell’aria… Difficile spiegare tutto. Si ricorda dei piani anti sbarco dei clandestini sulle coste italiane?

– Certo.

– Beh, con la scusa dei pattugliamenti libici delle coste, le loro navi si avvicinarono sempre più alle coste italiane… Le nostre autorità tolleravano, anzi, vedevano con favore quel dispiegamento di mezzi, anche se ad un certo punto cominciò a sembrare esagerato…

– Continui.

– Fatto sta che nel 2010 ci fu lo sbarco a Lampedusa. I libici ci avevano invaso!

– E noi?

– E noi niente.

– Come niente?

– A parte il fatto che gli italiani del 2012 non avevano più accesso all’informazione…

– Che?!

– Ah, il blocco generale dell’informazione… nemmeno questo è ancora successo.

– Oh Dio…

– No, nemmeno Dio. La Chiesa fu abolita nel 2010 dopo la revoca del Concordato da parte dell’Imperatore.

– Imperatore!!??

– Silvio il liberatore I

– Questa è tutta una barzelletta.

– La storia delle escort è già uscita?

– Certo.

– La gente come ha reagito?

– Beh, indignazione, proteste…

– Sinceramente, cosa è accaduto? Rivolte? Cortei? Sommosse popolari?

– Beh… in effetti, niente.

– Ecco.

– Ma i giornali…

– Repubblica?

– Sì.

– La dirige Renzo Bossi.

– Il figlio di Umberto?!

– Già.

– Quello hce non superava l’esame di maturità?!

– Non esiste più la maturità.

– !!!

– La Gelmini.

– Cosa?

– Ha abolito…

– La maturità?

– La scuola.

– …

– Troppe spese. E poi la gente passava più volentieri il tempo a casa. Tramite il digitale terrestre Mediaset sono stati formati i giovani virgulti di PadaniaSet.

– Padaniaset?!

– Sì. In Terronia il segnale non arrivava.

– Mi sono perso.

– “Mi sono perso, perdono mio imperatore”… Queste le parole conclusive del mea culpa di Fini, trasmesse in mondovisione. Quando si inginocchiò innanzi a Silvio il liberatore I conferendogli di fatto il governo assoluto del Paese.

– Ma la Libia, il nobel, la Padania…

– Padaniaset…

– Sì…

– Non si preoccupi. Tutto poi è terminato…

– Quando, come?

– Nel 2040.

– Sono arrivati gli americani?

– No. L’america era stata fagocitata dalla Cina. Gli USA erano diventati la manifattura a basso costo dei cinesi.

– Io non ci capisco più niente. Secondo me queste sono tutte balle.

– Le dò una prova.

– Dai.

– Domani ci sarà la conferenza stampa di Berlusconi con Zapatero.

– Beh?

– Un giornalista gli chiederà lumi sulla vicenda delle escort.

– Lui sicuramente negherà tutto.

– No.

– No?

– No. Negherà, certo. Ma solo dopo aver ammesso.

– Che vuoi dire?

– Vedo che ora ci diamo del tu.

– Parla, Cristo!

– Il giornalista gli chiederà delle escort e delle veline…

– Sì…?

– E lui sai come gli risponderà?

– Come?

– “Invidioso, eh”?

– Che?

– Già, in un incontro ufficiale, con la stampa di tutti il mondo.

– Ma così non solo ammetterebbe, ma addirittura si vanterebbe di…

– Esatto.

– Non lo farà mai.

– Domani.

– Non ci credo.

– Domani.

______________________________________________________
______________________________________________________

mercoledì, settembre 23, 2009
Tipo. Punto.

E ad un certo punto gli ho chiesto a quanto stessero le pere al chilo e lui “dipende dal tipo di pere” ed io “ma si dice così?” e lui “così cosa?” ed io “dal tipo di pere o dal tipo di pera?” e lui “non lo so, forse di pere se sono tante e di pera se ne è una” e io “non credo sia così perchè qua c’è il discorso del gruppo e dunque puoi usare anche il singolare” e lui “allora si dirà in tutti e due i modi” ed io “questo è possibile ma mi pare la solita soluzione all’italiana dei tarallucci e vino” e lui “non mi pare” e io “a proposito, che avete pure qualche tipo di tarallucci?” e lui “no, qua solo frutta e detersivo” e io “e come mai questo tipo di abbinamento?” e lui “perchè il negozio è piccolo” e io “e allora perchè al posto di qualche tipo di detersivo non c’è qualche tipo in più di frutta, che so, altri tipi di pera… di pere… tipi di pera, tipo di pere…” e lui “perchè ci sono tutti i tipi di pera, tipi di pere, tipo di pera, tipi di pere che ci sembrano necessari” e io “secondo me si potrebbe allargare il discorso ad altri tipi di frutta, tipi di frutta” e lui “tipi di frutta è sicuro che si dica così” ed io “sì” e lui “comunque abbiamo scelto questi tipi di detersivo, tipi di detersivi e va bene così perchè ci rende di più che mettere altri tipi di frutta” e io “allora perchè non eliminate qualche tipo di pera, tipi di pere, tipo di pera, tipi di pere e mettete altri tipi di detersivo?” e lui “perchè la gente vuole trovare questi tipi di pera e questi tipi di detersivo” ed io “cioè uno che compra un tipo di pere, tipo di pera le abbina lo abbina sempre con un tipo di detersivo?” e lui “non sempre ma qualche volta” ed io “tipo quanto?” e lui “non lo so” ed io “tipo che un tipo di persona compra un tipo di pera, tipo di pere e ci abbina un tipo di detersivo?” e lui “tipo” ed io “questo tipo di persona in genere che tipo è?” e lui “un tipo” ed io “va bene”.
Comunque poi le pere non le ho prese.

______________________________________________________
______________________________________________________

giovedì, settembre 03, 2009
Rubare mele

Questi si sono fregati 23 MacBook Pro, 14 iPhone e 9 iPod in 31 secondi
Il colpo alla Apple è dunque perfettamente riuscito. Pare poi abbiano tentato un furto anche presso la Microsoft.

Ma lì si sono piantati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.