Aprile 2009

martedì, aprile 28, 2009
Il Papa a L’Aquila

Dopo aver impiegato ventidue giorni a raggiungere il capoluogo abruzzese dal giorno del terremoto (partiva da Plutone), porterà conforto alle popolazioni colpite dalla tragedia.
Il portavoce, Padre Federico Lombardi, ha già presentato il programma degli interventi del Santo Padre:
– Introduzione sui pericoli del relativismo

– Reprimenda contro l’omosessualità

– “Il preservativo è il demonio”, breve intervento su salute e benessere in Africa

– “Testamento biologico ed emorroidi: i nuovi mali della società”

– Coffee break

– Reprimenda contro l’omosessualità

– “La scienza va scomuicata? Certo che sì”. Breve resoconto sulle nuove aperture della Chiesa

– “Crisi economica e rincari degli accessori Prada” (a seguire spot sull’8 per mille)

– Reprimenda contro l’omosessualità

– “Cellule staminali: ma allora vi devo scomunicare tutti!”
Al termine dirà qualcosa sui froci.

______________________________________________________
______________________________________________________

martedì, aprile 21, 2009
F(i)umi di parole

Noto astrologo vittima di un black out che gli impedisce di registrare la sua trasmissione.

Branco là nel buio.

Al funerale di suo marito, una nota scrittrice di gialli si presentò ubriaca e in un pianto dirotto.

Lacryma Christie.

Prendono il volo le quotazioni dell’allenatore dell’Udinese, nonostante la sconfitta bruciante in coppa.

Sale Marino.

Il pilota ferrarista, generalmente riservato, ha raggiunto il punto di rottura col suo team dopo le ultime deludenti performance.

Massa critica.

Il vincitore di Sanremo ha un contratto discografico blindato che lo costringe ad esibirsi tutte le sere.

Carta, canta!

Duramente attaccato durante la tramissione di Fabio Fazio, il leader dell’Italia dei valori resta impassibile.

Antonio di pietra.

Per il nuovo film di Indiana Jones, contratto milionario con la Ford per la fornitura di auto.

Harry, son Ford!

Nota soubrette, uscita dal reality “La Fattoria”, si reca in pellegrinaggio da Padre Pio.

Lory dal Santo.

______________________________________________________
______________________________________________________

mercoledì, aprile 15, 2009
no comment

Scendo le scale, salgo le scale (ho dimenticato di prendere il telefono), prendo il telefono, riscendo le scale, risalgo le scale (perchè cazzo mia moglie si è comprata un telefono come il mio?!), prendo il mio telefono, riscendo le scale, risalgo le scale (perchè ho due telefoni uguali in mano?!), lascio il suo telefono sul suo comodino, riscendo le scale, mi squilla il telefono ma si spegne immediatamente, risalgo le scale, prendo l’altra batteria, riscendo le scale, arrivo alla macchina, impreco, torno indietro, salgo le scale, prendo le chiavi della macchina, riscendo le scale, apro la macchina, entro in macchina, chiudo lo sportello, apro lo sportello, tiro fuori il lembo di giacca rimasto fuori, richiudo lo sportello, riapro lo sportello, salgo le scale, riprendo il telefono che ho lasciato mentre cercavo le chiavi della macchina, mi cambio la camicia sudata, riscendo le scale, entro nella macchina già aperta, ci trovo dentro un cingalese, lo prendo a calci in culo ma mi faccio male all’alluce, mi accorgo di non indossare le scarpe, nè tutto il resto sotto la cinta ma la camicia è inappuntabile, torno indietro, la vicina giovane chiama la polizia, quella vecchia chiama me, risalgo le scale, mi metto i pantaloni e il resto, scendo le scale, non trovo più la macchina, impreco, molto, chiamo la polizia, mi chiedono le generalità, mi dicono che c’è appena stata una denuncia per atti osceni nei miei confronti, io denuncio comunque il furto della macchina e dò come sospetto il cingalese, mi dicono che ci sono fondate speranze che la cosa arrivi innanzi ad un giudice, esprimo il mio stupore e soddisfazione, questi cambiano in preoccupazione e rassegnazione quando capisco che si riferivano alla denuncia per atti osceni, nel frattempo la mia vicina di casa vecchia e linfomane mi sembra avere pessime intenzioni nonostante stavolta indossi i pantaloni, cerco di fuggire salendo le scale, inciampo, mi fratturo il radio e l’ulna.
Almeno in ospedale c’è l’ascensore.

________

Commenti

#4    14:27, 09 aprile, 2009

Trambeo #1    14:27, 14 aprile, 2009

Geniale! Specie la cosa di mettere qua i commenti

Maxzulli #2    15:12, 14 aprile, 2009

@Trambeo: grazie, sei gentile. Anche se sei un personaggio di fantasia.

Trambeo #3    16:05, 14 aprile, 2009

di fantasia? Ma che dici?!

Maxzulli #4    17:52, 14 aprile, 2009

@Trambeo: Beh, francamente, non esisti. Ti ho inventato io per creare questa cosa.

Trambeo #5    17:55, 14 aprile, 2009

Vuoi dire che…

Oddio!

MicinaGattina #6    18:21, 14 aprile, 2009

Bello il tuo blog, ke fico!

^_^

Maxzulli  #7    19:32, 14 aprile, 2009

@MicinaGattina: vorrei morissi male

MicinaGattina #8    20:34, 14 aprile, 2009

Ke acido ke 6! E io ke tiavevo anke linkato.

Litigatoamorteamorte! Ti banno pure da msn

:-(((

Trambeo #9    23:27, 14 aprile, 2009

Ma sei sicuro che…

Maxzulli #10    23:57, 14 aprile, 2009

@Trambeo: Sì

Debvorav79 #11    01:35, 15 aprile, 2009

Non ho capito… 🙁

Maxzulli #12    02:57, 15 aprile, 2009

@Debvorav79: amica di MicinaGattina I suppose

untifosovero #13   03:45, 15 aprile, 2009

Forza Juve!

Maxzulli #14   03:58, 15 aprile, 2009

@untifosovero: Mentecatto.

______________________________________________________
______________________________________________________

martedì, aprile 14, 2009
Outing

Nell’Angelus il Papa, riferendosi al terremoto:
“il nostro primo pensiero è per i bambini”.
 

______________________________________________________
______________________________________________________

giovedì, aprile 09, 2009
Sevizio pubblico
Ho mandato una email di protesta alla RAI per il “sevizio” mandato in onda l’altra sera, quello della giornalista che praticava una assurda e scomposta opera di autocelebrazione circa i dati auditel del TG1 per il terremoto a L’Aquila.

Per chi avesse perso questa chicca il video era questo:
E l’email che ho inviato è stata questa:

Quante ne avete ricevute di email con il termine “vergogna”?

Ritengo comunque poche.

La brillante scelta di far sciorinare dati auditel in occasione del terremoto, quella suprema forma di masturbazione pubblica, così dettagliata, compiaciuta, autocelebrativa, dimostra ancora una volta l’assoluta distanza tra il vostro “lavoro” e ciò che può essere definibile giornalismo.

Sì, vergogna.

Chi ha fatto quella scelta, la “giornalista” che l’ha letta, ma anche i tecnici attorno che non hanno staccato la spina al vostro malato terminale: la credibilità.

Mi auguro dal profondo del cuore che capiti nelle vostre case una disgrazia altrettanto forte, sì che un tg tedesco, australiano o cambogiano possano aprire con questa notizia, magari con le vostre famiglie insanguinate, sbrodolandosi con i loro dati auditel “record”.

Vergogna.
Un abruzzese.

Sarebbe bello far girare questa cosa, inviare una email di protesta a questo orrore pubblico che si fa le seghe sul sangue della gente.

Se vi va scrivete qua:
http://www.contattalarai.rai.it/eservice_ita/start.swe
Un minuto per un vaffanculo è buona cosa.
 

______________________________________________________
______________________________________________________

mercoledì, aprile 08, 2009
Mi è semblato di vedele un gatto.

Condivido con me stesso (a volte partecipo a tavole rotonde e non riesco mai a scegliere dove sedermi) una personalissima teoria sul’uso improprio dei gattini nei siti internet.

Secondo me il gattino sta ad un blog come l’adesivo del vagabondo con la chitarra sta alla Renault 4, come il concorrente del grande fratello sta alla televisione. Non c’è bisogno di approfondire, mi stai comunicando un messaggio in modo forte e chiaro. So già tutto di te.

Tu usi il gattino come avatar. So come parli. So chi sei. So anche COME sei.

E no, non è questione di età. Il gattino è trasversale, il gattino è della dodicenne e della quarantenne.
Il gattino, quel gattino, gronda di personalità rispetto alla tua.

“ma che t’ha fatto il gattino, è così doooolce…”

Appunto.
All’inizio, quando questo blog è nato dalle sontuose, consunte ed untuose ceneri del vecchio, avevo intenzione di eliminare i commenti. Per tanti motivi. Avrei evitato un mucchio di polemiche e flames inutili, avrei mantenuto un distacco maggiore, mi sarei fatto conoscere per quello che scrivo e non per come tratto male i commentatori. Eliminare i commenti mi avrebbe insomma reso una persona migliore.

Non potendo tollerare tutto questo ho deciso di tenerli.
Essendo il mio un blog invisibile, di quelli sconosciuti ai più (come tutte le cose belle), di quelli che se capitano di qua tre persone sicuramente avranno sbagliato qualcosa, la questione commenti la ritenevo anche marginale.

Ed in effetti è raro che qualcuno mi legga. Non solo per difficoltà proprie di comprensione di certi miei post, effettivamente difficili da digerire (a volte uso anche dei congiuntivi. Sul futuro anteriore poi ottengo il bottom di visite).

E’ ancora più raro che mi lasci il suo pensiero. A parte la cricca solita, ristretta, sempre più ristretta.

Poi capitano delle luminosissime pirla, perle come questa, di questa qua:

—-

O si crede in dio o non si crede.se dio e’ buono e’ buono sempre,se e’ cattivo lo e’ sempre,coerenza ci vuole.

Quando”terremoto” era solo una parola sul dizionario,dio com’era?

E’ diventato una merda ora che sono morte 10 persone? o no 20,o 30 o 40? che si conta a morti la bonta’ o la cattiveria di dio?

Dio non c’entra,e sinceramente tutta sta’ pantomima del terremoto avrebbe anche rotto,ok,c’e’ stato,ok morti e feriti e sfollati,povera gente,ma mica che possiamo non sentire altro!!! vogliamo parlare dei poveri disgraziati che vivono nei container? si,ma in umbria pero’,non in abruzzo!!! a quelli chi ci pensa? non fanno piu’ notizia,ora c’e’ la moda aquila!! un po’ di coerenza allora.

—-
E si benedice il mondo di esistere. E di essere diverso.
Voglio dire: questa entra a casa del diavolo a dirgli di essere più cattivo?

Questa va da Sgarbi per dirgli di sostenere le sue tesi con più vigore?

Questa va da Berlusconi a dirgli di essere più scanzonato nelle visite ufficiali?

Questa va da Franceschini e… e… ok, qui non mi viene.

E’ meraviglioso.
Non ho resistito e ho letto alcune cose che scrive.

Non ho resistito ed ho smesso di leggere.

Ho visitato anche un paio di blog che dice di frequentare. Tra questi l’imprescindibile gattoblog  e ancatdubh.
E’ la tesi del gattino, che ogni volta si conferma.

Odio dovermi sempre confrontare con l’unica persona che ancora oggi riesce a dire cose sensate, anche forti, ma assolutamente condivisibili: me stesso.
Quest’onanismo culturale mi spossa (e per fortuna è una balla quella del diventare cieco) ma come faccio a non darmi una pacca sulla spalla, io che da anni dico di diffidare di chi utilizza gattini sulle proprie pagine?
Nella stesura di questo post non si è maltrattato alcun animale.

L’autore rimedierà anche a questo con il prossimo.

______________________________________________________
______________________________________________________

martedì, aprile 07, 2009

Penso, tra le tante storie, a quella di quell’uomo che ha perso, in un istante, la moglie, i due figli, la casa. Tutto.
Magari poche ore prima era andato a messa, a pregare quel dio che ha fatto tutto questo. Quel dio che comunque tutto questo non ha impedito.
Tutto questo.
UPDATE: ieri sera un uomo con la gonna, in tv, invitava tutti a pregare di più, specie durante la Pasqua, per le vittime del terremoto.
Mi chiedo che dio abbia bisogno di gente che gli reciti litanìe per far sì che si decida a fare o non fare qualcosa.
Mi chiedo come faccia la gente, nello stesso tempo, a pensare che una preghiera possa cambiare a proprio favore decisioni che questo dio, se esiste, avrà le sue buone ragioni per aver preso o non preso.
Mi chiedo come si faccia ancora a pensare di avere a che fare con un dio buono e allo stesso tempo onnipotente, cioè in grado anche di cancellare il male, il dolore e la sofferenza (e non lo fa) di fronte a questo:

 
e questo:

e questo:

 
ma soprattutto questo:

 
e vorrei chiederlo a quell’uomo con la gonna. O a queste donne col burka:

 
gente che ha speso una intera vita appresso ad una cosa che non esiste. Che spero davvero non esista. Perchè se esiste e permette queste cose, non ha ragione di essere amato.
 

______________________________________________________
______________________________________________________

lunedì, aprile 06, 2009
Dice il faggio…
…una volta qua era tutta campagna.

Bertolaso si è attivato immediatamente affinchè l’aquilano torni ad esserlo. Campagna piena dico.

Dal Corriere.it
Duramente ripreso dal capo della Protezione civile Bertolaso
L’esperto denunciato per il suo allarme «Confermo: lo si poteva prevedere»
Giampaolo Giuliani aveva detto: «Ci sarà un sisma disastroso». Ora ribadisce: «Loro sapevano»
Mediaset ha mandato per ore le televendite e gli oroscopi.
MILANO – Il capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, inviperito martedì 31 marzo si era scagliato contro «quegli imbecilli che si divertono a diffondere notizie false», chiedendo una punizione. Tra gli «imbecilli» c’era Giampaolo Giuliani, ricercatore presso i Laboratori nazionali del Gran Sasso che, in seguito allo sciame sismico che sta interessando l’Abruzzo da più di un mese, aveva lanciato l’allarme: la regione sarà colpita domenica 29 marzo da un terremoto «disastroso». Giuliani è stato denunciato per procurato allarme. E Bertolaso ha ripetuto che «lo sanno tutti che i terremoti non si possono prevedere». Invece Giuliani ora dopo il dramma conferma: «Non è vero, noi l’avevamo previsto»
Comunque mentre aspettavo notizie dal Tg5 ho comprato una bella panca ad inversione.

LA DENUNCIA: «SI POTEVA CAPIRE» – Oggi, dopo la tragedia, Giuliani parla con amarezza: «C’è il rischio che domani mi mettano in galera – dice – ma confermo: non è vero, è falso, che i terremoti non si possono prevedere. Sono 10 anni che noi riusciamo a prevedere eventi di questo tipo in una distanza di 100-150 chilometri da noi. Da tre giorni – continua- vedevamo un forte aumento di radon, al di fuori della soglia di sicurezza. E forti aumenti di radon segnalano forti terremoti. Questa notte il mio sismografo denunciava una forte scossa di terremoto e ce l’avevamo online. Tutti potevano osservarlo e tanti l’hanno osservato. Poteva essere visto ce ci fosse stato qualcuno a lavorare o si fosse preoccupato. Abbiamo vissuto la notte più terribile della nostra vita, sono sfollato anche io… Questi scienziati canonici, loro lo sapevano che i terremoti possono essere previsti».
Il mio oroscopo su canale 5 diceva diceva “possibile sonno agitato”.

Ora si aspetta di costruire il ponte sullo Stretto. Nota zona tranquilla sismologicamente parlando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.