Cerca
Riconoscimenti, vanagloria
"Il cattivo piu' temibile della blogosfera"

"Il cattivo piu' temibile della blogosfera"

"Miglior articolo"

Il tavernello della musica


"Miglior battuta"

Delitto di Cogne: Annamaria Franzoni torna a casa 12 anni dopo il delitto. Felice il marito, sorriso di circostanza per i due figli.


"Miglior battuta"

Roma, morto a 102 anni il partigiano Claudio Cianca. Una mattina, non si e' svegliato.


UomoMordeCane: IL LIBRO


Il miglior testo demenzial-satiric-comic-sans degli ultimi dodici minuti.
Trovi qui la tua copia
Citazioni e dintorni


...giunsi a metà libro e mi accorsi che il tavolo aveva ricominciato a ballare...

Posseggo una elevatissima intelligenza emotiva: riesco a risolvere problemi matematici complessi, ma poi piango.

Mi annoio rapidamente: il mio film preferito è Mery per un po'.

Non capisco come mai tutti facciano molto affidamento sui rimedi della nonna per curare i malanni: la mia, per esempio, è morta.

Continuo a trovare gente che mi vuole pagare in visibilità. Credo che a questo punto dovrei essere avvistabile a occhio nudo da Urano.

La mia ex era talmente bella che i suoi assorbenti usati venivano scambiati per Kandinsky.

Se Dio sta là a segnarsi le scopate della gente, non vi pare francamente eccessiva la stima che si nutre nei suoi confronti? Voglio dire, la parrucchiera di mia moglie fa lo stesso.

Quando qualcuno afferma di occuparsi di qualcosa "a livello olistico", salute compresa, penso sempre che concretamente non ne sappia un cazzo e su più piani, ma sia ferratissimo sui segni zodiacali.

Le ricerche interiori sono sempre complicate, probabilmente a causa di tutto quel sangue.

- mi sembra squisito, ma mi scusi: me lo può servire in un normale piatto tondo invece che rettangolare?
- certo signore. Posso chiederle perché?
- per non darle la scusa per farmi pagare un botto queste quattro verdure in croce.

Vorrei dimostrare al mondo tutta la mia voglia di cambiamenti, di rinnovamento. Ma sono uomo e ho i capelli rasati.

Credo così tanto nella pet-therapy che alla fine mi sono pure sposato.

Sono talmente ateo che ho riconosciuto distintamente la sagoma di una macchia di vernice nei contorni della Madonna che mi è apparsa.

Sorridere coinvolge 12 muscoli del viso. Riposatevi, siate tristi.

Il mio professore di religione non l'ho mai visto: era uno che si immergeva totalmente nella parte tramite metodo Stanislavskij.

È un periodaccio. Ho aperto un biscotto della fortuna. Il biglietto diceva solo: “stai scherzando, vero?”.

Sono talmente pieno di me che vado spesso dall'andrologo solo per farmi fare i complimenti.

Perché vendono macchine che fanno oltre 200 all’ora se il limite è 130? Per lo stesso motivo per il quale i preservativi in vendita si srotolano oltre misura: quel che compri è anche un sogno.

Se fossi nato a Kingston ora sarei un velocista. O una chiavetta USB.

Potrei essere considerato un maniaco della precisione, se questo termine mi descrivesse nel minimo dettaglio.

Io e mia moglie avremmo intenzione di mettere in cantiere un figlio ma in Italia è ancora vietato il lavoro minorile pesante.

Ho chiuso col lucchetto la mia bici su un ponte e al mio ritorno non l'ho più trovata: completamente ricoperta di altri lucchetti.

Vantarsi di non mangiare bistecche per rispetto degli animali è come vantarsi di non leggere libri per rispetto della foresta amazzonica.

Quelli che fumano sigarette elettroniche sono gli stessi che bestemmiano con un "Porco Zio".

Sfido chiunque a convincere un eventuale viaggiatore proveniente dal passato – che so: medioevo – che portare a spasso un cane con un laccio al collo, lavargli le palle e fermarsi ogni tanto a raccogliere la sua merda e portarsela poi dietro in un sacchettino, siano atti di una civiltà superiore alla sua.

A volte vorrei credere in Dio. Per deresponsabilizzarmi anch'io un po'.

Alla coda alle Poste c'era uno che si lamentava del fatto che i farmaci salvavita fossero in mani alla lobby delle case farmaceutiche. Gli ho detto che comunque meglio così che in mano alla lobby dei tassisti. Mi ha guardato come si fa con un pazzo. Ho allora provato a recuperare con "Meglio la lobby dei discografici?". Niente. Qualcuno si è messo a ridere: l'ho trovato di cattivo gusto per chi soffre in coda alle Poste. Cosa ci insegna questa storiella? Che alle Poste c'è sempre la fila.

Ero su Facebook e parlavo con uno che ha una macelleria. Mi diceva che non fa altro che condividere cose strappalacrime perché sono tutte accompagnate da: "Condividi se hai un cuore".

Un tempo collezionavo farfalle, ma la casa mi si riempiva sempre di figa.
Regressività progresso







































Twitter
UomoMordeCane su Facebook
settembre: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Un altro mondo è possibile

Se hanno “pacificamente” convissuto il dr Jekyll and mr Hyde anche UomoMordeCane può nascondere il suo mostro. Oppure il mostro è già UMC e va verificata la presenza della sua nemesi.

In ogni caso questa è una raccolta dell’altra anima di chi siete abituati a conoscere come quella acida, demenziale, irriverente, cazzona o “ancora qua davanti al computer stai alla tua età”?

Perché c’è un tempo per combattere ed un tempo per fare l’amore. E sono le dieci e mezza.

 

 

………

 

 

 

 

 

 

 

 

QUELLE VOLTE

Quelle volte che t’indovinavo i pensieri
e bimba nello stupore
portavi la mano alle labbra
chiedendoti se quello ch’avevi innanzi
fosse un aruspice matto
o un Dio bambino
come te.

Quelle volte che in ogni androne
e dietro ogni angolo
e sopra l’ultimo balcone
mi pareva di leggere la tua figura.
Nulla più.
Nessuna più.

Quelle volte che s’era inguainati nei cappotti e nei progetti
a legarci dentro
e passeggiavamo lungo strade srotolate come nastri
ad abbellire la città che ci s’offriva
come una puttana buona.

Quelle volte.

Le ho sognate ancora.

E ho visto un bagliore
via via rosso
e rosso
e più rosso
dove gli altri erano solo sagome grigie.

Ma quando ho fatto per accostarmi s’è spento.

E ora muore.

Così quest’amore.

 

 

 

ANDREA

 

Andrea si presentava tutti i giorni all’Ersa, la scuola d’arte.
Il suo lavoro era quanto di più semplice e insieme fuori dall’ordinario potesse: posare nudo per essere ritratto da giovani e ancora inesperte mani pittrici.
Immobile, morbido come un Apoxyómenos e insieme ferale come vuotato d’anima.
Era vestito dei soli occhi che ne celebravano ogni particolare.

Linda era nuova là. Aveva iniziato il corso a settembre e, in quelle quattro settimane, non aveva mai incrociato Andrea.
Il suo imbarazzo, nell’avere di fronte un corpo nudo, raccontava un’infanzia e prima adolescenza scandite da rosari sgranati e un’educazione di pudici silenzi e imbarazzati “di questo parleremo quando sarai grande”.

Gli occhi di Andrea cercavano di fissare sempre lo stesso punto nel vuoto: là accanto alla piega di quella tenda, né troppa luce da infastidire né troppa monotonia nei colori da annoiare. Ma – è umanissimo – ogni tanto scivolavano altrove, a cercare particolari della stanza, luccichii di bottoni o movimenti di pennelli. Cercava comunque di evitare gli occhi degli allievi – non per imbarazzo ma come riguardo di un momento personalissimo che a lui non apparteneva nonostante fosse protagonista di quel racconto di colori. Sentiva che erano gli occhi di quegli artisti in erba, la porta di accesso al loro lavoro, e là non voleva entrare a disturbare.

Ma gli occhi di Linda erano troppo grandi, e vivi, d’un nocciola talmente intenso che pareva colare fin sopra gli zigomi, confondendosi con le note russet di un fondotinta giorno dopo giorno più deciso, perché Andrea non ne fosse irresistibilmente attratto.

Quando i loro occhi si incrociarono, Andrea, per la prima volta, provò reale imbarazzo. Lui, abituato a mostrarsi senza problema alcuno, di fronte a sconosciuti diversi ogni quattro mesi, quel giorno arrossì. E si mosse: scosse il capo, a cercare una via di fuga. L’appoggio stabile e sicuro fu abbandonato per un istante e le labbra si dischiusero come a pronunciare un silenzioso “No”, a dire che aveva commesso un errore terribile: uscire dal suo non essere per diventare, per un attimo, persona tra persone.
E solo lui era nudo.
Abbassò le braccia, si coprì istintivamente ciò che non aveva mai avuto timore di mostrare.
Fu preso dal panico.
Solo Linda ebbe la prontezza di capire quel che stava accadendo. Si alzò, lasciò il pennello e prese il suo cappotto. E lo porse ad Andrea.
Uscirono dalla stanza insieme – lei mano sulla spalla di lui.

Qualcuno mise da parte la tela destinata a restare incompiuta. E iniziò a tratteggiare un nuovo profilo, di una figura sola, che nasceva.

Mentre s’allontanava.

 

 

A VIVERE CON TE

 

Guardo la tv. E penso a cosa sarebbe vederla con te. Te, che mi diresti: “so quello che pensi”. E io non ti direi nulla. Solo un sorriso. Poi, ancora: “secondo te…”. E io ti interromperei, violentando la tua bocca con la mia. Così, senza riflettere, senza darti scelta. Una violenza consenziente e compiaciuta, inattesa, domestica e insieme sconosciuta, animale. 

Non ti darei tempo, nessun tempo.

Sarebbe una quotidianità fatta di continui sussulti, buone intenzioni, litigi immotivati, rapide risoluzioni, atroci dubbi, immense dolcezze, timore che tutto possa spegnersi e diventare ordinario, desiderio di tranquillità, orrore della tranquillità, sperimentazione continua, scontri, silenzi colmi di sguardi immensi.

Torneresti a casa sempre col dubbio “Con chi avrà scopato oggi?”.
E svanirebbe al primo incrociarsi di sguardi.

– Bimba, hai dei capelli meravigliosi. Tirali su, stasera.
– Sì amore.

Sceglieremmo insieme il programma del fine settimana e lo cambieremmo sabato prima ancora di iniziarlo.

Ti addormenteresti prima di me, ti sveglieresti dopo di me. E nel mezzo della notte sobbalzeresti per delle mani che ti cercano e ti fanno l’amore.

Cederesti pian piano a tutte le mie “assurde” richieste.

E inizieresti a godere delle storie di amori mediocri di amiche insoddisfatte.
Ma ancor più, a ridere di racconti di amiche scopanti, coi loro amantucoli pret-a-porter, e i loro minutamente descritti amplessi di venti minuti – che noi, dopo venti minuti, stiamo ancora ad accarezzarci i sensi.
E di “posizioni”, come se il Kamasutra fosse qualcosa più che una mortificazione prefabbricata dell’amore, una guida Routard per coppie finto-trasgressive, che invece hanno bisogno di essere guidate a destinazione.

Il tuo unico pensiero sarebbe starmi accanto.

Il mio unico pensiero sarebbe farti sentire unica, irripetibile, mia.

Mia.

Come sto illudendomi già sia, come mi sto sforzando di credere, mettendo da parte la realtà, che ti ha già visto prendere un’altra strada, un’altra casa, il suo cognome.

 

 

A RIEMPIR DI MANI LE MANI  (Nella raccolta: “In cerca di un approdo sicuro”)

E adesso ti porterò
sopra colli avvolti da nebbia pittrice,
a conoscere la maestra di caligine
che tesse vapore di cotone
e nasconde nei raggi senz’ombra
pianti di uomini che non sanno dissolverla.

E adesso ti porterò
dove si puo’ respirare seta
e le figure si lasciano sedurre
come lievi danzatrici di fumo,
leggere,
simili a dita intinte nell’olio
che scorrono veloci su vetro,
senza una strada da scegliere,
libere di vagare.
E sognare.

E adesso ti porterò
dove la terra bruciata dal sale guarisce
e la neve s’appoggia garbata,
come un lenzuolo su giovani spalle
che il fresco gentile indossa
e via via si scioglie
in un abbraccio bianco d’aprile.

E adesso ti porterò
ad ascoltare canti distanti
tra luci e colline,
sfumate,
sopite,
zittite d’incanto
quando
saremo ad afferrarci su prati tremanti.

E noi,
tra stinti profili di valli
e bagliori di cristalli che pendono
e oscillano
aggrappati a nuvole finte.

Lontani.

A riempir di mani le mani.

 

 

 

 

FAVOLE E SOGNI (Nella raccolta: “Come naufraghi d’istanti immobili”)

E mentre leggiamo scorrere
forme a ricamo
di nuvole che si cambiano,

nei barbagli viola di pesca
due rami s’implorano carezze
– sospesi –
come non ci fossero che loro.

Attenti, in silenzio
ne impariamo la magia.
E siamo noi
resina e quercia
e siamo noi.

E giochiamo agli alberi
e poi agli Dei
e io ero il gigante
e tu sapevi volare.

Già so che quel sorriso mi chiederà
la favola che volevi ogni sera.

Te la racconterò,
certo,
mentre ti sfioro i capelli,
e i tuoi occhi non avranno
la forza di sentirne la fine.

Te la racconterò.

Come fosse la prima volta.

Perché è la prima volta.

 

 

 

 

UNA MATTINA D’ESTATE (Nella raccolta: “In cerca di un approdo sicuro”)

E il mattino mi entra dolcemente
come avrebbe fatto una madre,
poggiando il suo sole
sulla fine del sonno.

Lentamente avverto
solo sussurri d’estate;
giù voci di biciclette bambine
e qui
lenzuola disegnate dal tuo seno.

Qualche minuto,
(occhi chiusi, occhi aperti) su
questo legno, queste travi intrecciate
mentre giocano a toccarsi le ombre.

E odore di fate.

Non c’è mai stato inverno, qui.

 

 

 

 

CORTE MARZIALE

E se solo mi regalassi
il profondo tuo guardare
sarei a sconfinare,
come soldato d’un esercito impazzito,
senza altro generale
che il pensiero di te.

 

 

 

 

SOPRA UNA STELLA ADDORMENTATA  (Nella raccolta: “In cerca di un approdo sicuro”)

Dei fuochi che brillano sul tuo viso
affatturanti i vermigli
nell’agonia d’una sera diamante;
le dita filate, gentili,

le mani sonnambule e lievi,
ricamare grazia che sa d’antico
sul velluto di tela d’aria.

Come un fantasma, t’incontro leggera
nella stanza da cui cantavi
languida, sopra i filari distesi
che avrebbero vino gocciato

ad allietarci poi la cena
servita tra candele intimorite,
tremanti innanzi il tuo chiarore.

Quanta dolcezza nei giorni imbiancati
che corrono e s’accavallano
muovendo a fruscio questi nostri sogni
sopra una stella addormentata.

 

 

 

 

IN UNA BAIA DI LUCI  (Nella raccolta: “In cerca di un approdo sicuro”)

Si fiaccola l’argento sul tuo viso
d’una immensa e placida lunazione:
torna distratta dall’eco di luce
sui campi d’orzo pettinati a festa
e avvolge come braccia d’amante
la fata di zucchero che la guarda
e la chiama a sè, come si fa quando
la mano fanciulla scosta la sabbia
e l’acqua esonda in un mare grande
e feroce quanto una fantasia
celebrata in grandi occhi che sognano.
E ciò che più mi tenta e’ traghettarmi
senza guide in una baia di luci,
rattoppare e gonfiare vele lise,
frustate ed offese da tempeste
avvelenate da venti cattivi,
e slegarmi dall’albero maestro
per cedere al canto di te, sirena,
e perdermi nelle tue acque dolci.
Che prima ch’io nascessi mi parlavi
nelle voci dei rami attorcigliati
ed ogni vena di foglia linfava
piena vita che volesti donarmi
al primo sfiorarsi d’anime e cuori.
Vegliero’ il mio delirio giorno e notte
contro chiunque, mortale o dio,
poggerà gli occhi sulla mia reliquia:
impedirò con tutte le mie forze
che si compia simile florilegio.

___________________________________________________

Vanagloria:

  • Primo premio nel concorso “S. Valentino:poesie e lettere d’amore” Quartu S. Elena con “A riempir di mani le mani”
  •  Primo premio nel IX Concorso Artistico Antonio Baratella con la poesia “A non esser nato”
  •  Primo premio nel concorso letterario “I fiori” con la poesia “Vorrei incontrare”
  • Secondo classificato nel premio “Hombres – città di Pereto – sez. poesia” con la poesia “Dopo la pioggia”
  •  Secondo classificato nel concorso Marguerite Yourcenar con la poesia “Una mattina d’estate”
  •  Segnalazione speciale per la metrica nel Concorso “Filippo Lo Giudice” – Enna per la poesia “Il pensiero altrove”
  •  Segnalazione speciale nel premio “Una Poesia per Pamparato” con la poesia “Non è la guerra”
  •  Segnalazione di merito nel Premio Osservatorio Concorso nazionale di Poesia, Narrativa e Teatro – Bari
  •  Segnalazione speciale nell’11° premio europeo “Campigli e Partners” con la poesia “Ancora regina”
  •  Autore selezionato nel premio letterario internazionale “Angullara Sabazia” con la poesia “Una mattina d’estate”
  •  Segnalazione speciale nel concorso internazionale “Poseidonia-Paestum” con la poesia “Una mattina d’estate”

 

Pubblicazioni:

UomoMordeCane – Il Vaticano smentisce ogni coinvolgimento >>> acquista su AMAZON

Come naufraghi d’istanti immobili >> acquista su UNILIBRO 

In cerca di un approdo sicuro >>> acquista su IBS