Cerca
Riconoscimenti, vanagloria
"Il cattivo piu' temibile della blogosfera"

"Il cattivo piu' temibile della blogosfera"

"Miglior articolo"

Il tavernello della musica


"Miglior battuta"

Delitto di Cogne: Annamaria Franzoni torna a casa 12 anni dopo il delitto. Felice il marito, sorriso di circostanza per i due figli.


"Miglior battuta"

Roma, morto a 102 anni il partigiano Claudio Cianca. Una mattina, non si e' svegliato.


UomoMordeCane: IL LIBRO


Il miglior testo demenzial-satiric-comic-sans degli ultimi dodici minuti.
Trovi qui la tua copia
Citazioni e dintorni


...giunsi a metà libro e mi accorsi che il tavolo aveva ricominciato a ballare...

Posseggo una elevatissima intelligenza emotiva: riesco a risolvere problemi matematici complessi, ma poi piango.

Mi annoio rapidamente: il mio film preferito è Mery per un po'.

Non capisco come mai tutti facciano molto affidamento sui rimedi della nonna per curare i malanni: la mia, per esempio, è morta.

Continuo a trovare gente che mi vuole pagare in visibilità. Credo che a questo punto dovrei essere avvistabile a occhio nudo da Urano.

La mia ex era talmente bella che i suoi assorbenti usati venivano scambiati per Kandinsky.

Se Dio sta là a segnarsi le scopate della gente, non vi pare francamente eccessiva la stima che si nutre nei suoi confronti? Voglio dire, la parrucchiera di mia moglie fa lo stesso.

Quando qualcuno afferma di occuparsi di qualcosa "a livello olistico", salute compresa, penso sempre che concretamente non ne sappia un cazzo e su più piani, ma sia ferratissimo sui segni zodiacali.

Le ricerche interiori sono sempre complicate, probabilmente a causa di tutto quel sangue.

- mi sembra squisito, ma mi scusi: me lo può servire in un normale piatto tondo invece che rettangolare?
- certo signore. Posso chiederle perché?
- per non darle la scusa per farmi pagare un botto queste quattro verdure in croce.

Vorrei dimostrare al mondo tutta la mia voglia di cambiamenti, di rinnovamento. Ma sono uomo e ho i capelli rasati.

Credo così tanto nella pet-therapy che alla fine mi sono pure sposato.

Sono talmente ateo che ho riconosciuto distintamente la sagoma di una macchia di vernice nei contorni della Madonna che mi è apparsa.

Sorridere coinvolge 12 muscoli del viso. Riposatevi, siate tristi.

Il mio professore di religione non l'ho mai visto: era uno che si immergeva totalmente nella parte tramite metodo Stanislavskij.

È un periodaccio. Ho aperto un biscotto della fortuna. Il biglietto diceva solo: “stai scherzando, vero?”.

Sono talmente pieno di me che vado spesso dall'andrologo solo per farmi fare i complimenti.

Perché vendono macchine che fanno oltre 200 all’ora se il limite è 130? Per lo stesso motivo per il quale i preservativi in vendita si srotolano oltre misura: quel che compri è anche un sogno.

Se fossi nato a Kingston ora sarei un velocista. O una chiavetta USB.

Potrei essere considerato un maniaco della precisione, se questo termine mi descrivesse nel minimo dettaglio.

Io e mia moglie avremmo intenzione di mettere in cantiere un figlio ma in Italia è ancora vietato il lavoro minorile pesante.

Ho chiuso col lucchetto la mia bici su un ponte e al mio ritorno non l'ho più trovata: completamente ricoperta di altri lucchetti.

Vantarsi di non mangiare bistecche per rispetto degli animali è come vantarsi di non leggere libri per rispetto della foresta amazzonica.

Quelli che fumano sigarette elettroniche sono gli stessi che bestemmiano con un "Porco Zio".

Sfido chiunque a convincere un eventuale viaggiatore proveniente dal passato – che so: medioevo – che portare a spasso un cane con un laccio al collo, lavargli le palle e fermarsi ogni tanto a raccogliere la sua merda e portarsela poi dietro in un sacchettino, siano atti di una civiltà superiore alla sua.

A volte vorrei credere in Dio. Per deresponsabilizzarmi anch'io un po'.

Alla coda alle Poste c'era uno che si lamentava del fatto che i farmaci salvavita fossero in mani alla lobby delle case farmaceutiche. Gli ho detto che comunque meglio così che in mano alla lobby dei tassisti. Mi ha guardato come si fa con un pazzo. Ho allora provato a recuperare con "Meglio la lobby dei discografici?". Niente. Qualcuno si è messo a ridere: l'ho trovato di cattivo gusto per chi soffre in coda alle Poste. Cosa ci insegna questa storiella? Che alle Poste c'è sempre la fila.

Ero su Facebook e parlavo con uno che ha una macelleria. Mi diceva che non fa altro che condividere cose strappalacrime perché sono tutte accompagnate da: "Condividi se hai un cuore".

Un tempo collezionavo farfalle, ma la casa mi si riempiva sempre di figa.
Regressività progresso







































Twitter
UomoMordeCane su Facebook
luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Articoli marcati con tag ‘natale’

OROSCOPO 2015

occhiaie

Buone notizie, per i nati sotto il segno delle occhiaie

Cari amici di UomoMordeCane, come ogni anno, siamo pronti per spiegarvi cosa vi accadrà nel 2015. Questo grazie ad una collaborazione coi più grandi oroscopatori d’Europa, che hanno voluto omaggiarci della loro consulenza senza altra remunerazione che il nostro “grazie”. E soldi.
Ricordiamo che solo questo è il vero oroscopo, con una attendibilità superiore a quella di Paolo Fox, ai tarocchi, alle apparizioni della Madonna sui toast e alla lettura della mano di vernice a opera degli imbianchini vudù.

Pronti?

Per quasi tutto il 2015 Saturno sarà in Sagittario (così sapete dove cercarlo). Toro, Leone, Acquario, i commercialisti e le confezioni monoporzione della Coop ne trarranno benefici.
Anno interessante per Bilancia, Leone, Ariete, Sagittario e l’Expo di Milano: Saturno promette riservatezza e collusioni.
Gemelli, Vergine e Pesci dovranno affrontare nuove sfide, con entusiasmo e passione, e le perderanno comunque, perdìo.
Cancro, Scorpione e Capricorno saranno carichi di idee, ma già avute da Toro, Bilancia e Pesci.

Ma vediamo nel dettaglio segno per segno.

Ariete. Sarà senz’altro un anno molto positivo, come già abbiamo detto lo scorso anno e quelli precedenti. E a questo punto andiamo di statistica. Plutone chiede ancora pazienza e disponibilità al camb… Ah no, è un pianeta, non può chiedere niente. Le vostre scarpe nuove sono bellissime. Gloria Gaynor.

Toro. Prima parte dell’anno molto difficile ma andrà meglio dal 30 dicembre (tarda serata). Venere ostacolerà la vostra salute, soprattutto se proverete ad abitarlo. Il consiglio è RESTARE IMMOBILI. Un cambio all’orizzonte è previsto per il 21 giugno, ma si rivelerà essere solo l’estate. Crystal Ball era tossico.

Gemelli. Difficoltà economiche, familiari, sentimentali e di salute non vi scoraggeranno. Non subito. Buone notizie in arrivo a ottobre, ma scoprirete essere indirizzate a uno della Bilancia. Il luppolo vi sarà avverso e ostacolerà le posizioni 21, 31 e 45 del Kamasutra. Su Donna Moderna ci sono dei coupon: è tutto quel che potrete avere quest’anno.

Cancro. La Luna in terza casa, per i nati della seconda decade, non significa un cazzo. In agosto il caldo è frequente. Le strade saranno piene di cantieri e la colpa sarà data a voi. Un delitto vi appassionerà moltissimo, soprattutto durante le perquisizioni a casa vostra. Conoscerete una persona: datele quel che chiede e solo dopo abbassate le mani. In generale è tristissimo tutto.

Leone. Anno favoloso. Sarete invidiati da tutti gli altri segni, che vi faranno il malocchio, e voi, che credete all’oroscopo, crederete pure a quest’altra cazzata e morirete malissimo. Migliora a novembre. Il colore preferito sarà il ciclamino per tutti quelli che amano molto il colore ciclamino. Un aggiornamento di sistema vi farà perdere i dati sul telefonino, ma ricompariranno su quello della vostra compagna, chattate comprese. Resto dell’anno da single, con un simpatico sfregio a forma di pene sulla fiancata dell’auto.

Vergine. Come uno qualunque degli altri segni, ma con in più la carica del caffè più l’energia del cioccolato. Troverete gente in casa: ignoratela e fate come se non ci fosse nessuno. In montagna troverete il vostro ambiente, essendo di Trento. Un catalogo di Postal Market del 1981 vi farà conoscere Dalila Di Lazzaro, ma niente, finisce così. La parola d’ordine è: coibentazione.

Bilancia. Anno stratosferico. Il lavoro vi darà enormi soddisfazioni. In amore tutto alla grande. In generale sarà tutto talmente bello che a dicembre sarete depressi per la fine di un anno straordinario e irripetibile e, coscienti di questo, sceglierete di togliervi la vita. Il gres porcellanato si frapporrà tra voi e il vostro grande amore. Date una chance al Gratta e Vinci, perché lui senz’altro non la darà a voi. I nati nella terza decade saranno radioattivi.

Scorpione. Qualche stop da Giove non vi impedirà di rilanciare e perdere nuovamente. Troverete una valigetta lasciata da uno dell’Acquario. Apritela. Ci troverete dentro un autovelox. Montatelo seguendo le istruzioni. Elevate almeno 20 multe. Intorno alle 19.30 richiudete tutto e riponete la valigetta in un armadietto alla stazione. Da marzo vi serviranno occhiali da vista. Ma non basteranno.

Sagittario. Casa Pound vi chiederà di affiliarvi a loro, parlandovi di signoraggio. Voi seguite il vostro istinto e correte, correte forte! Io trovo il tofu immangiabile. Voglio dire, ma non sa di niente! Vi appassioneranno moltissimo i telefilm degli anni ’80, ma ricordate che Arnold era malato, molto malato e non importa che il nero stia bene su tutto. Stanley Kubrick vi apparirà in sogno, ma lo chiamerete Steven Spielberg e se ne andrà colpendo forte un monolite nero che sarà apparso misteriosamente nella vostra camera.

Capricorno. Sara Tommasi vi chiamerà per proporvi un film porno. Ma voi sarete usciti per la prima volta dopo una settimana di seghe al pc proprio su Sara Tommasi e perderete l’occasione. La ritroverete al distributore, dove incontrerete la Tommasi alle prese con una pompa e i vostri giochi di parole. Non coglierete l’allusione e le chiederete di cambiarvi l’acqua al pesce. Non coglierà l’allusione e succhierà un Arbre Magique al Mango (cantante) davanti a voi, eccitandovi perché pure necrofila non la facevate.

Acquario. Molti i traguardi da raggiungere, ma da gennaio, a causa di Nettuno che vi farà una Candid Camera in combutta con Marco Balestri, vi trasformetete in Oscar Pistorius e con quelle catene alle protesi sarà un casino, vi giuro. Decisamente meglio per il Sagittario, ma vi ricordo che siete Acquario. Entrerete nella top ten con una canzone che non avete neppure composto voi, ma vi sveglierete di soprassalto. A Settembre vi chiederete chi ve l’abbia fatto fare di insultare il boss della mafia albanese. Acqua e olio a posto.

Pesci. Non si capirà perché durante tutto il mese di gennaio avrete giocato a sputinbocca con quelli dell’ospedale da campo di Freetown malati di Ebola. Cosa vi aspettavate poi? Salute, vedi sopra. Affari, impossibili per il discorso salute. Amore, impossibile per il discorso affari. Troverete però un portafogli di coccodrillo, ma vuoto e soprattutto ancora vivo. Non era aria, dai.

E auguri di cuore!!!!!!

abbigliamento-natale-per-bambini-cuffietta

Carinissimo!!!!!!!!!!!!!!!!! Mette gioia, felicità nel cuore!!!!!!!!!!!!

 

No.

No, no, no.

Non siete felici davvero, come vorreste far credere. Il Natale non vi ha fatto diventare migliori e in fondo sapete che tutti attorno a voi stanno recitando.

Voi, il Natale, le renne, le tradizioni, il panettone senza canditi (i canditi).

Ma non è davvero il Natale, il problema. È tutto. Ma davvero qualcuno prende ancora le cose della vita sul serio? Ma volete crescere? È tutta una buffonata. Voi, i vostri problemi, i vostri progetti, il vostro futuro, il vostro Natale, certo, i vostri figli imbecilli – sì, totalmente imbecilli – indistinguibili dai rincoglionitissimi figli degli altri, anche se voi credete i vostri siano speciali. Ma quale “speciali”? Lo capite o no che hanno il vostro DNA?! Cos’hanno di speciale esseri che a breve assomiglieranno a voi, con la vostra panza, le vostre frustrazioni, la vostra maglietta della salute? Cosa?
Mamme orgogliose dei propri ometti. Le stesse che si lamentano su Facebook della pochezza degli uomini. Che stanno invece crescendo futuri venusiani, sì? Padri convinti che con quel calcio al pallone sulla spiaggia di Fregene “mio figlio ha già un qualcosa di Messi….”. Tuo figlio di Messi ha solo la maglietta, che tu peraltro gli hai comprato tarocca perché quella originale costava ottantuno euro, regalandogli fin dall’infanzia un sogno made in China.

Ridicoli, ridicoli.

Ridicoli non solo col Natale. Ridicoli tutto l’anno (almeno siete coerenti). Ridicoli nel dannarvi l’anima di fronte alle ingiustizie, ridicoli nell’aderire con passione a idee, movimenti, religioni.
Ridicoli nel credere che “da soli possiamo poco, ma tutti insieme…”. Tutti insieme siete una massa di singoli buffoni.

Ridicoli.

Ridicoli, con le shirt Abercrombie e gli zaietti Eastpak mentre esponete i vostri striscioni contro quelli che rubano, che devono essere sostituiti da persone – a vostro dire – capaci. Contro le quali protesterete dopo sei mesi, con la stessa maglietta e lo stesso zainetto, dimenticando che ce li avete messi voi. Voi, con le vostre pezze al culo dalle mille volte che avete accettato lavori in nero. Ma siete ancora più ridicoli quando pensate di combattere le fatture in nero. Siete voi il nero. Siete voi il marcio. Siete voi il traffico. Siete voi la coda alle poste troppo lunga. Siete voi quelli che fanno salire il prezzo dell’assicurazione. Siete voi quello che vi ostruisce la visuale. Siete voi, quello davanti a voi.

Vi dà fastidio la puzza di piedi in palestra. Sono i vostri piedi.

Siete ontologicamente strutturati, tarati, programmati per vedere il problema altrove, autogiustificarvi, cercare di sopravvivere il più possibile, anche a discapito di ciò che avete attorno: siete un cancro. Vi manca l’istruzione neuronale in grado di riportarvi alla mente la brevità della vostra mediocrissima vita. Miliardi di persone prima di voi sono crepate disperandosi nel loro penoso quotidiano, con i loro mille problemi, progetti, futuro, vacanze di Natale, figli imbecilli, totalmente imbecilli, indistinguibili dai figli degli altri, etc.

Figli che oggi siete voi.

E oggi state arrovellandovi il cervello per capire come spendere quei quattro soldi in regali di Natale. E dopo il Natale, “Oh, a capodanno quest’anno ce ne andiamo fuori, non ci sono cazzi! Maldive, Rio, Urano!”. Invece farete il trenino dentro una freddissima casa di “un amico che all’ultimo ha organizzato”, con il vociare continuo di figli preamplificati e peppapigghizzati, con un Giletti ormai mummificato che urlerà in tv “TRE! DUE! HO DETTO GIA’ TRE? UNO!”.

Siete esseri inutili, numeri in un Sistema che prende a caso e condanna ciascuno a una diversa, orribile fine.

– Numero 342.636.621.153: cancro al colon.
– Numero 5.339.441.901: ammazzato con una lancia da un cazzo di etrusco (un etrusco! Ce n’erano una dozzina in tutto e l’unico incazzato e armato l’ha preso quello là).
– Numero 927.386.117.983: vaporizzato da arma sconosciuta aliena.
– Numero 546.732.790.127: infarto. Banale infarto. Mediocre pure nella morte.

Nascimur uno modo, multis morimur. Ma che cazzo volete capire.

Siete inutili. Sono inutili i vostri dolori. Sono inutili i vostri desideri. Muovete solo la mia profonda pietà per la vostra infinita, disarmante pochezza.
Fingete allegria di fronte ad una tavola imbandita natalizia, come se sapeste cosa sia la fame, voi e il vostro panettone glassato, mandorlato, zuccherato, idrogenato, denuclearizzato, chantillyzzato, OGM Free Free Nelson Mandelaaaa!

Ma quanta più pena fai tu, piccolo ammasso confuso di atomi di carbonio a casaccio, convinto di essere un tassello importante dell’universo, quando ci fai sapere che “io prendo il panettone solo senza canditi! Odio i canditi!”.

Tu odi i canditi.

I canditi.

Provi emozioni – positive o negative, non importa – per dei canditi.

I canditi.

Se la ripeti cinque-sei volte, la parola stessa “canditi” perde ogni significato. E tu hai una tua condotta comportamentale ben definita, che ti fa prendere posizione su qualcosa riguardo a dei canditi.

I canditi.

I canditi.

I canditi.

Tra duemila anni il tuo “no ai canditi nel panettone” che fine avrà fatto? Dai, ti prego, dimmelo. Ci pensi a quanto nulla c’è nel tuo problema coi canditi? Ti sei mai fermato a riflettere sulle mille tue piccole caratterizzazioni, che credi ti rendano “unico e riconoscibile” rispetto agli altri? Tu e la tua nuova cover dell’Iphone, tu e il tuo conoscere il vino giusto per ogni occasione, tu e “prendo una pizza della casa, ma senza rucola, con porcini invece dei funghi normali e rinforzo di mozzarella. Bufala, però”. Tu e il tuo alzare il telefonino al concerto per riprendere qualcosa che devi condividere con gente che di te pensa: “Che coglione questo che fa ‘ste foto”.

Un poveraccio. Che non il futuro ma il presente stesso ha già dimenticato.

Tu. I canditi.

Tu. Voi. Voi e la vostre arterie ostruite da anni di bestie triturate da molari cariati e acidificate dentro il vostro intestino malato e purulento.

Siete voi stessi la metastasi di un macrorganismo che vi ostinate a tenere in vita e che chiamate “esistenza”.

Vi disprezzerei, se questo mio sentire non fosse premiante per delle nullità microbiche come voi, peraltro prive di canditi, a confermare il vostro nulla.

Voi, semplicemente, non siete.

Colgo comunque l’occasione per augurarvi un sereno Natale e un felice anno nuovo.