Cerca
Riconoscimenti, vanagloria
"Il cattivo piu' temibile della blogosfera"

"Il cattivo piu' temibile della blogosfera"

"Miglior articolo"

Il tavernello della musica


"Miglior battuta"

Delitto di Cogne: Annamaria Franzoni torna a casa 12 anni dopo il delitto. Felice il marito, sorriso di circostanza per i due figli.


"Miglior battuta"

Roma, morto a 102 anni il partigiano Claudio Cianca. Una mattina, non si e' svegliato.


UomoMordeCane: IL LIBRO


Il miglior testo demenzial-satiric-comic-sans degli ultimi dodici minuti.
Trovi qui la tua copia
Citazioni e dintorni


...giunsi a metà libro e mi accorsi che il tavolo aveva ricominciato a ballare...

Posseggo una elevatissima intelligenza emotiva: riesco a risolvere problemi matematici complessi, ma poi piango.

Mi annoio rapidamente: il mio film preferito è Mery per un po'.

Non capisco come mai tutti facciano molto affidamento sui rimedi della nonna per curare i malanni: la mia, per esempio, è morta.

Continuo a trovare gente che mi vuole pagare in visibilità. Credo che a questo punto dovrei essere avvistabile a occhio nudo da Urano.

La mia ex era talmente bella che i suoi assorbenti usati venivano scambiati per Kandinsky.

Se Dio sta là a segnarsi le scopate della gente, non vi pare francamente eccessiva la stima che si nutre nei suoi confronti? Voglio dire, la parrucchiera di mia moglie fa lo stesso.

Quando qualcuno afferma di occuparsi di qualcosa "a livello olistico", salute compresa, penso sempre che concretamente non ne sappia un cazzo e su più piani, ma sia ferratissimo sui segni zodiacali.

Le ricerche interiori sono sempre complicate, probabilmente a causa di tutto quel sangue.

- mi sembra squisito, ma mi scusi: me lo può servire in un normale piatto tondo invece che rettangolare?
- certo signore. Posso chiederle perché?
- per non darle la scusa per farmi pagare un botto queste quattro verdure in croce.

Vorrei dimostrare al mondo tutta la mia voglia di cambiamenti, di rinnovamento. Ma sono uomo e ho i capelli rasati.

Credo così tanto nella pet-therapy che alla fine mi sono pure sposato.

Sono talmente ateo che ho riconosciuto distintamente la sagoma di una macchia di vernice nei contorni della Madonna che mi è apparsa.

Sorridere coinvolge 12 muscoli del viso. Riposatevi, siate tristi.

Il mio professore di religione non l'ho mai visto: era uno che si immergeva totalmente nella parte tramite metodo Stanislavskij.

È un periodaccio. Ho aperto un biscotto della fortuna. Il biglietto diceva solo: “stai scherzando, vero?”.

Sono talmente pieno di me che vado spesso dall'andrologo solo per farmi fare i complimenti.

Perché vendono macchine che fanno oltre 200 all’ora se il limite è 130? Per lo stesso motivo per il quale i preservativi in vendita si srotolano oltre misura: quel che compri è anche un sogno.

Se fossi nato a Kingston ora sarei un velocista. O una chiavetta USB.

Potrei essere considerato un maniaco della precisione, se questo termine mi descrivesse nel minimo dettaglio.

Io e mia moglie avremmo intenzione di mettere in cantiere un figlio ma in Italia è ancora vietato il lavoro minorile pesante.

Ho chiuso col lucchetto la mia bici su un ponte e al mio ritorno non l'ho più trovata: completamente ricoperta di altri lucchetti.

Vantarsi di non mangiare bistecche per rispetto degli animali è come vantarsi di non leggere libri per rispetto della foresta amazzonica.

Quelli che fumano sigarette elettroniche sono gli stessi che bestemmiano con un "Porco Zio".

Sfido chiunque a convincere un eventuale viaggiatore proveniente dal passato – che so: medioevo – che portare a spasso un cane con un laccio al collo, lavargli le palle e fermarsi ogni tanto a raccogliere la sua merda e portarsela poi dietro in un sacchettino, siano atti di una civiltà superiore alla sua.

A volte vorrei credere in Dio. Per deresponsabilizzarmi anch'io un po'.

Alla coda alle Poste c'era uno che si lamentava del fatto che i farmaci salvavita fossero in mani alla lobby delle case farmaceutiche. Gli ho detto che comunque meglio così che in mano alla lobby dei tassisti. Mi ha guardato come si fa con un pazzo. Ho allora provato a recuperare con "Meglio la lobby dei discografici?". Niente. Qualcuno si è messo a ridere: l'ho trovato di cattivo gusto per chi soffre in coda alle Poste. Cosa ci insegna questa storiella? Che alle Poste c'è sempre la fila.

Ero su Facebook e parlavo con uno che ha una macelleria. Mi diceva che non fa altro che condividere cose strappalacrime perché sono tutte accompagnate da: "Condividi se hai un cuore".

Un tempo collezionavo farfalle, ma la casa mi si riempiva sempre di figa.
Regressività progresso







































Twitter
UomoMordeCane su Facebook
ottobre: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Articoli marcati con tag ‘moggi’

Processi storici demenziali – Calciopoli

[Processi storici demenziali – Atto5 – Calciopoli]

[Processi precedenti: Socrate, Gesù, Galileo, Norimberga]

[Prossimi processi: Berlusconi]

 

Calciopoli

 calciopoli

2006: il nostro calcio è investito dal più grosso scandalo della sua storia dai tempi di Vampeta all’Inter. E di Gresko. E Pancev. E Sforza. E Sukur. E Farinos. E Domorau. E Ventola. E… Scusate. L’Inter, dico.

Vengono rese note intercettazioni dalle quali emerge una serie di incontri illeciti, combine, insabbiamenti, favori e personaggi ambigui. Ma del processo Dell’Utri parleremo un’altra volta.

Le indagini da parte del Procuratore federale Palazzi si concludono alla fine di giugno 2006 e l’intera serie A viene stravolta. Penalizzate duramente Juventus, Milan, Fiorentina e Lazio. All’Inter viene assegnato il titolo di Campione d’Italia 2005-2006. E ci giocavano WOME, KILY GONZALEZ, BOUMSONG e ADRIANO. Per dire.

La società maggiormente colpita dalla giustizia sportiva è la Juventus: riconosciuta colpevole di illecito sportivo, le viene revocato il titolo di Campione d’Italia 2004-2005 e non le viene assegnato nemmeno quello 2005-2006 in quanto fu retrocessa all’ultimo posto in classifica. La squadra scende così per la prima volta in Serie B, con la sanzione accessoria della penalizzazione di 9 punti e soprattutto di dover andare a giocare col Frosinone. A Frosinone.

Campioni del mondo come Del Piero e Buffon accettano di seguire la loro squadra anche nella serie inferiore, dimostrando attaccamento ai colori, grande professionalità, assenza di reale mercato.

Dal mondo sportivo si passa al penale: il processo di primo grado su Calciopoli ha luogo tra il 2008 ed il 2011 presso il tribunale di Napoli.

L’imputato principale è Luciano Moggi. Le accuse: violazione delle norme di lealtà, correttezza e probità sportiva, illecito sportivo, chiusura arbitri nello spogliatoio, antipatia.

 

Giudice: Allora, chiamiamo a deporre Luciano Moggi

Moggi: Eccomi signor arbitro

G: Giudice

M: Sì, scusi, abitudine.

G: Allora, dalle intercettazioni risulta che lei intratteneva rapporti con i designatori arbitrali.

M: Detta così pare una frociata.

G: In effetti. Insomma lei li chiamava per influenzare le designazioni per le partite delle sue squadre in modo da ottenere arbitri considerati favorevoli.

M: Ma non è così! Io semplicemente mi informavo su chi fosse l’arbitro.

G: Vuole dire che era solo per conoscere la designazione in anticipo?

M: Ma certo.

G: A parte che anche questo è vietato…

M: Eh, mo’ è vietato tutto. Vai a vedere che è vietato pure per una squadra comprare un calciatore.

G: Beh, nel periodo di calciomercato è consentito, certo.

M: …Nel periodo… di… AAAH! “Comprare” in quel senso! Ahahah! Nono, io dicevo…

G: Che diceva?

M: Niente. Quello, sì.

G: Ripeto: ci sono prove su un suo premere al fine di ottenere designazioni di comodo.

M: Eh, “di comodo” adesso. Mica hanno mai concesso a me di arbitrare! Quella sì sarebbe stata di comodo.

G: Signor Moggi, non facciamo ironia.

M: [sottovoce] Veramente io l’avevo chiesto proprio…

G: Che dice?

M: Niente.

G: Allora nega che quando alle sue squadre venivano assegnati certi arbitri lei poteva opporsi e proporne altri?

M: Che dicono le intercettazioni al riguardo?

G: Che le cose stavano così.

M: E allora era così… a meno che…

G: Cosa?

M: Si sentono bene bene le intercettazioni?

G: Sì, certo.

M: E allora è così, cazzo vi devo dire.

G: Tra l’altro in alcune occasioni la si sente lamentarsi vigorosamente di alcune assegnazioni.

M: Magari mi è scappata una parola di disappunto, ma è normale se l’arbitro non accettava i sol…

G: Accettava che?

S: Non accettava di confrontarsi serenamente sulle dinamiche di gioco.

G: Le sue parole furono: “Se non ci mettete Massimo De Santis do fuoco alle vostre case”.

M: Ma non mi pare poi una minaccia grave.

G: Aggiungendo poi: “e alle vostre mogli”.

M: Vede? Già si va a calare.

G: Comunque non si può fare.

M: La cosa delle case?

G: Pure delle mogli.

M: Ne è sicuro?

G: Ma certamente! Credo.

M: Va bene. Però non mi pare un reato grave. Non più di colpire i telespetatori della Domenica Sportiva con quelle luci riflesse da Paola Ferrari.

G: Di quello ci stiamo occupando in altro procedimento, lei non si preoccupi.

M: Va bene. Senta, ne abbiamo per molto? Sta per iniziare Juventus-Sampdoria e devo andare a parlare con un arbitro.

G: E cosa dovrebbe dire all’arbitro?

M: Niente, le solite cose. Che mi interesso di lui, del suo lavoro… della sua famiglia.

G: Lei andrà via quando glielo dirò io. Comunque: sono emerse prove inconfutabili circa un intreccio di telefonate che miravano ad ottenere designazioni di favore, intimidazioni verso arbitri non compiacenti, minacce in caso di non accoglimento delle vostre richieste.

M: Ora mi lusinga.

G: Guardi che è roba grave, sa?

M: Non più di dover avere contatti con Biscardi.

G: Mi rendo conto. Infatti quelle intercettazioni sono quelle che più ci hanno creato problemi di comprensione. Avete usato un codice, eh?

M: Ma che codice?

G: Eh, “Il moviolone! Clamoroso sgup!”. Ma noi siamo furbi.

M: Certo.

G: Insomma, abbiamo acquisito elementi sufficienti.

M: Ma quali elementi! Non avete niente! E’ tutta una montatura!

G: Ma se ci sono ore di intercettazioni!

M: False! Intercettazioni false! Questo stesso processo è una falsità. Lei stesso è un falso! Se ci fosse uno spogliatoio la chiuderei dentro!

G: La richiamo all’ordine! Questo è oltraggio alla Corte!

M: Io ti faccio sostituire da Paparesta!

G: Portatelo via!

M: Buffoni! Buffoni!

G: Via!

[Moggi viene portato fuori a forza]

G: Dio quanto mi sta sul cazzo quello.

 

Moggi viene condannato e radiato. Condannati anche Antonio Giraudo per la Juventus, i fratelli Diego ed Andrea Della Valle per la Fiorentina, Claudio Lotito per la Lazio e Pasquale Foti per la Reggina.

Coinvolti nello scandalo anche i due designatori arbitrali Pierluigi Pairetto e Paolo Bergamo, e diversi arbitri: Massimo De Santis, Paolo Dondarini, Paolo Bertini, Domenico Messina, Gianluca Rocchi, Paolo Tagliavento, Pasquale Rodomonti.

Gianluca Paparesta ottiene uno sconto sulla pena perché aveva già passato un periodo detentivo nello spogliatoio di Reggio Calabria ad opera di Moggi.

 

E grazie a questa decisa azione oggi il calcio è davvero pulito.

Ci scommetto.

[Sipario]