Cerca
Riconoscimenti, vanagloria
"Il cattivo piu' temibile della blogosfera"

"Il cattivo piu' temibile della blogosfera"

"Miglior articolo"

Il tavernello della musica


"Miglior battuta"

Delitto di Cogne: Annamaria Franzoni torna a casa 12 anni dopo il delitto. Felice il marito, sorriso di circostanza per i due figli.


"Miglior battuta"

Roma, morto a 102 anni il partigiano Claudio Cianca. Una mattina, non si e' svegliato.


UomoMordeCane: IL LIBRO


Il miglior testo demenzial-satiric-comic-sans degli ultimi dodici minuti.
Trovi qui la tua copia
Citazioni e dintorni


...giunsi a metà libro e mi accorsi che il tavolo aveva ricominciato a ballare...

Posseggo una elevatissima intelligenza emotiva: riesco a risolvere problemi matematici complessi, ma poi piango.

Mi annoio rapidamente: il mio film preferito è Mery per un po'.

Non capisco come mai tutti facciano molto affidamento sui rimedi della nonna per curare i malanni: la mia, per esempio, è morta.

Continuo a trovare gente che mi vuole pagare in visibilità. Credo che a questo punto dovrei essere avvistabile a occhio nudo da Urano.

La mia ex era talmente bella che i suoi assorbenti usati venivano scambiati per Kandinsky.

Se Dio sta là a segnarsi le scopate della gente, non vi pare francamente eccessiva la stima che si nutre nei suoi confronti? Voglio dire, la parrucchiera di mia moglie fa lo stesso.

Quando qualcuno afferma di occuparsi di qualcosa "a livello olistico", salute compresa, penso sempre che concretamente non ne sappia un cazzo e su più piani, ma sia ferratissimo sui segni zodiacali.

Le ricerche interiori sono sempre complicate, probabilmente a causa di tutto quel sangue.

- mi sembra squisito, ma mi scusi: me lo può servire in un normale piatto tondo invece che rettangolare?
- certo signore. Posso chiederle perché?
- per non darle la scusa per farmi pagare un botto queste quattro verdure in croce.

Vorrei dimostrare al mondo tutta la mia voglia di cambiamenti, di rinnovamento. Ma sono uomo e ho i capelli rasati.

Credo così tanto nella pet-therapy che alla fine mi sono pure sposato.

Sono talmente ateo che ho riconosciuto distintamente la sagoma di una macchia di vernice nei contorni della Madonna che mi è apparsa.

Sorridere coinvolge 12 muscoli del viso. Riposatevi, siate tristi.

Il mio professore di religione non l'ho mai visto: era uno che si immergeva totalmente nella parte tramite metodo Stanislavskij.

È un periodaccio. Ho aperto un biscotto della fortuna. Il biglietto diceva solo: “stai scherzando, vero?”.

Sono talmente pieno di me che vado spesso dall'andrologo solo per farmi fare i complimenti.

Perché vendono macchine che fanno oltre 200 all’ora se il limite è 130? Per lo stesso motivo per il quale i preservativi in vendita si srotolano oltre misura: quel che compri è anche un sogno.

Se fossi nato a Kingston ora sarei un velocista. O una chiavetta USB.

Potrei essere considerato un maniaco della precisione, se questo termine mi descrivesse nel minimo dettaglio.

Io e mia moglie avremmo intenzione di mettere in cantiere un figlio ma in Italia è ancora vietato il lavoro minorile pesante.

Ho chiuso col lucchetto la mia bici su un ponte e al mio ritorno non l'ho più trovata: completamente ricoperta di altri lucchetti.

Vantarsi di non mangiare bistecche per rispetto degli animali è come vantarsi di non leggere libri per rispetto della foresta amazzonica.

Quelli che fumano sigarette elettroniche sono gli stessi che bestemmiano con un "Porco Zio".

Sfido chiunque a convincere un eventuale viaggiatore proveniente dal passato – che so: medioevo – che portare a spasso un cane con un laccio al collo, lavargli le palle e fermarsi ogni tanto a raccogliere la sua merda e portarsela poi dietro in un sacchettino, siano atti di una civiltà superiore alla sua.

A volte vorrei credere in Dio. Per deresponsabilizzarmi anch'io un po'.

Alla coda alle Poste c'era uno che si lamentava del fatto che i farmaci salvavita fossero in mani alla lobby delle case farmaceutiche. Gli ho detto che comunque meglio così che in mano alla lobby dei tassisti. Mi ha guardato come si fa con un pazzo. Ho allora provato a recuperare con "Meglio la lobby dei discografici?". Niente. Qualcuno si è messo a ridere: l'ho trovato di cattivo gusto per chi soffre in coda alle Poste. Cosa ci insegna questa storiella? Che alle Poste c'è sempre la fila.

Ero su Facebook e parlavo con uno che ha una macelleria. Mi diceva che non fa altro che condividere cose strappalacrime perché sono tutte accompagnate da: "Condividi se hai un cuore".

Un tempo collezionavo farfalle, ma la casa mi si riempiva sempre di figa.
Regressività progresso







































Twitter
UomoMordeCane su Facebook
settembre: 2011
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Mi ricordo ci provaste anche con il curling

Ma non ha un po’ triturato la minchia anche a voi ‘sta modaiola passione per il rugby?

Italia battuta dai grandissimi australiani per 32 a 6. Ma il primo tempo si era chiuso sul pari” .
Ma“?
Cos’è quell’avversativa?
Trentadue a sei. Dico: TRENTADUE A SEI.
Facciamo cacare o no?

L’orgoglio italiano, la grinta dei nostri ragazzi che nonostante tutto...”.
Nonostante tutto ‘sta ceppa.
TRENTADUE A SEI.

Ma cosa, eravate una dozzina in meno in campo? Avete fatto la pausa caffè? Ci siete andati o no a giocare?

Dico io, ci sta pure la sconfitta, ma non menate il cazzo con la storia dell’orgoglio e dell’aver tenuto testa a dei mostri.
Se sono di un’altra categoria non partecipate. Lottate al vostro livello. Scegliete San Marino, Cipro, Malta. Lo dico per voi, figuriamoci a me cosa interessa sapere che un gruppo di sconosciuti energumeni con denti rotti e cicatrici si menano a migliaia di km da casa mia. Se fossi interessato a queste robe metterei una webcam in qualche ospizio.

Ma poi: ma chi se ne fotte del rugby? Su. Siamo seri. Al massimo i rugbisty. Gente sottratta ad un più onesto spaccio. Gente che non vorresti mai incontrare in un vicolo buio. Gente che non è sicuramente il tuo capufficio. A meno che il tuo ufficio non sia uno spogliatoio.

E questi ora fanno pubblicità. Mi vendono Sky, abbonamenti internet, scarpe.
Quali scarpe puoi mai indossare, di mio gusto e fattura, tu che sembri un identikit?

Non capisci. Il rugby è uno sport nobile“.
Ma certo. Ce lo vedo, Sir Richardson, sorseggiare un Twinings alle 17 mentre si rivolge a Lord Chesterfield:
– Mio cavo amico, vitieni che in caso di mischia dovvemmo appvofittave della nostva supeviovità dialettica e demovalizzave gli avvevsavi?
– Oh buon Dio, Chavles, non mi pave una soluzione elegante.
– Hai vagione. Pasticcini?

Mi avete scassato il cazzo per anni con Luna Rossa, Mascalzone Latino e altri nomignoli degni di una canzone di Dean Martin. Cercando di farmi innamorare di termini incompresibili come bolina, spinnaker e Cino Ricci.
Non ce l’avete fatta.
Non riuscirete manco stavolta.

Trentadue a sei, Cristo!

 

 

33 Commenti a “Mi ricordo ci provaste anche con il curling”

  • nicola says:

    quello che vuoi..io di sto sport non so manco le regole… però ci sono riusciti e troppo bene col calcio… e io mi faccio due palle mostruose a sentire sempre tutti parlare di calcio..partitem acquisti, logiche, stratagemmi…. vittorie, sconfitte…leggi che penalizzano… tutto…
    piuttosto il curling…non al posto di…ma in più! curling, rubgy, golf, freccette…tutto…pur di sentire VARIARE la gente..
    oppure niente
    che sto bene uguale

  • Michele_D says:

    quoto Sciuscia 😀

  • kutavness says:

    Il rugby italiano è morto con Francescato. E nessuno ha avvisato gli altri.

  • Ernest says:

    Effettivamente!
    un saluto

  • “Perché i rugbysti in campo si menano come fabbri, ma dopo vanno a magna’ la pizza insieme.”

    ODIO.
    BASTA.

  • Rugbyforever says:

    Devi morire male, se non capisci un cazzo non parlare, non scrivere, non respirare, anzi si fai una cosa. Muori male. Uomomordichecoglioni…

    Non toccare il rugby, l’ultimo sport civile. Ma io lo so perche’ lo odi. Non riesci a capire come si possa andare avanti passando indietro la palla. Pensa a te stesso, che pensi di andare avanti e fai solo i passi del gambero.

    Suca.

  • Anonimo says:

    se non ti piace il rugby non lo guardare nessuno ti chiede di farlo. E se proprio senti la necessita di criticare uno sport che non ti piace cerca almeno di documentarti.
    Per non fare la figura del fesso certe volte è meglio tacere.

    ciao
    Alessandro

  • admin says:

    Un giorno scriverò un post contro gli angoli smussati nelle carte da gioco Modiano.
    Sono certo troverò dei fan integralisti anche là, incapaci di qualunque autoironia.
    Siete meravigliosi.

    CarteModianoForever

  • Anonimo says:

    hey io non c’entro niente con questo tizio!!!
    Uomomordichecoglioni

  • Rugbyforever says:

    ma che ironia da quattro soldi, vieni in mezzo ad una mischia per 15 minuti poi vediamo se sei uomo…morde barbie.

    Piccolo essere, scrittore inutile e soprattutto

    Mammola!

  • pablo says:

    almeno non si parla di calcio, non ne possiamo più (anche se la percezione é contraria, cioé aumenta il calcio sui media italiani e diminuisce il resto).

  • Fed says:

    “Non toccare il rugby, l’ultimo sport civile”. Mica come il calcio, dove rischi di venire insultato da fanatici che si nascondono nell’anonimato. E comunque il successo del rugby dimostra inequivocabilmente che ci sono molti più gay repressi di quanto si creda. “Vieni nella mischia con noi. Uhmmm”.

  • admin says:

    I NOMI!
    La tastierina, etc. [inside mode ON]

  • jackilnero says:

    Il post è una figata, ma a forza di botte in testa si puo’ non capirlo … peccato per i giocatori di rugby, avevo una considerazione più alta invece sembrano bulli da asilo.

    detto questo, se il rugby ci salvasse dal calcio rovinato che abbiamo oggi ne sarei solo felice.
    Perchè anche il calcio era un grande sport. Era.

  • Sara says:

    “essere inutile, mammola, muori…”

    Ecco le prove inconfutabili che è l’ultimo sport civile.
    Certo… civile come la Corea del Nord o l’Iran…

    Sara
    ps
    Se insulti le carte Modiano ti uccido lentamente e con molto dolore perchè quello sì che è un gioco da persone oneste e timorate di Dio.

  • Cerex says:

    I miei amici che giocano a rugby sono quelli che hanno miseramente fallito negli altri sport e si, hanno rotto il cazzo.

    Ciao
    mammola

  • Francesco says:

    Quando mi troverai un altro sport dove un giocatore con un braccio rotto ciondolante lungo il corpo si rialza e va dietro ad un altro giocatore per fermarlo ti darò ragione, fino ad allora guardati il calcio e quelle checche.Baci.

  • admin says:

    Quando capirò il motivo per giocare uno sport nel quale ti procuri un braccio rotto e ciondolante e, non contento, insisti andando appresso ad un altro giocatore, allora ti farò un fischio.
    Ma forse non lo sentirai per lesioni al timpano. Di cui andrai fiero.

  • Sturk says:

    Ma smettetela di cagare la minchia con ‘sta storia della virtù del rugby, che è uno sport pieno di valori, dove i giocatori si rispettano, il pubblico è educato e civile ecc ecc.
    I rugbisti si menano di brutto, si danno un sacco di colpi proibiti fino ad arrivare a perdere i denti o a spaccarsi un braccio, ed è giusto così.

    @Francesco: questo gioco esiste, si chiama calcio ed è lo sport più bello ed epico del mondo.
    Guardati questa sintesi e guarda quel calciatore tedesco che gioca con il braccio rotto.
    http://www.youtube.com/watch?v=OHneB-wcKbU

  • Fabione says:

    Ecco, tanto per cambiare…prendi per il culo tutti ma non il mio orticello!

    Ma dai, il post non mi è sembrato così lesivo della dignità dei rugbisti! Amo il rugby, lo pratico a livello amatoriale, lo guardo, lo preferisco a quasi tutti gli altri sport ma ci si può anche scherzare, suvvia!

  • Luciano says:

    Bisogna fare molta attenzione. I Rugbisti sono dappertutto. Io ho anche un socio rugbista. Lui non è molto pratico di satira e cose simili da “mammole”, però l’ho visto ridere leggendo il post. Ma forse ha guardato solo le figure.

  • Cristian says:

    I rugbysti si menano sul serio e stringono i denti per poter stare in campo. Nel calcio,dove non è ammesso quasi nulla, i giocatori simulano dolore per estorcere favori. Soluzione: dovrebbe essere come ‘Fight club’, menarsi seguendo qualche semplice regola, tutti si sfogano e nessuno ci rimette sul serio. E che a simulare ci pensino le mogli dei giocatori.

  • J says:

    ROTFL! I commenti non sono notevoli, sono notevolissimi!
    Ma perché non spammate un po’ questo post in gruppi di fan del rugby, giusto per leggere altre argomentazioni?!?

  • Cristian says:

    Se scrivi di rugby la gente risponde di rugby, è così strano?

  • Cerex says:

    Un giorno uno si è tagliato giocando a carte, nonostante gli angoli smussati, sapete il dolore che si prova quando ci si taglia con la carta? Beh lui niente, è andato avanti a giocare.
    Io non sono riuscito a guardarlo, soffrivo per lui, con lui. Ho messo su una partita di calcio, che è più da checche.

    Comunque anche i politici fanno mischia, si tirano colpi bassi e poi mangiano assieme. Poi però non vanno in giro a vantarsi della nobiltà delle loro azioni.

  • admin says:

    Cristian, il punto è proprio questo: io non ho scritto di rugby. Ho scritto di ***********.
    E in quegli asterischi puoi metterci qualunque cosa.
    Il post lo state facendo voi. Ora.

  • Kolkov says:

    Vi dirò…. a me piace il rugby, vengo dal calcio, sono un calciofilo, fin da bambino…. il calcio, domenica… il calcio, mercoledì… il calcio….. oggi?…. il calcio…. ricchezze di ingaggi strapotenti bomber commenti seriosi come di un problema sociale detti in tono gravoso come fosse scoppiata la terza guerramondiale ma si cazzo che ce ne frega dell’italia a rotoli forza roma forza juve romanisti bastardi juventini gobbi tifosi pecoroni gli può morire la madre perchè manca l’ambulanza politici bastardi tutti uguali andate a fanculo…. ma se si vendono Totti, se si vendono Ibraimovic…. noooo rivoluzione! Spacchiamo tutto cazzo come si permettono!!…. Rivoluzioneee!!! Tempo fa, si parlava che il calcio, uccide gli altri sport, che il calcio, ha monopolizzato le risorse per altre discipline: giù a pontificare i vari Mughini! (se non lo chiamassero a fare il commentatore, come scrittore, si morirebbe di fame!!) i vari commentatori, Piccinini che sbraccia come un giocatore di borsa o sembra il Travolta-Manero della febbre del sabato sera quando muove le mani indicando sempre qualcosa… cazzo fermati!…. Bene, il calcio scende di odiens, qualche mese dopo, salgono la pallavolo, la pallacanestro, l’atletica…. “Il calcio è in crisi!!!!…. bisogna fare qualcosaaaa!!… Tuonava quel povero idiota di Mosca, pace all’anima sua, con l’eco molisano del roscio BBishcartti!!!…. E si è ritornati come prima: violenza mediatica di calcio-milan divista…. “Vediamo come fa colazione Inzaghi”…. “vediamo come si gratta il culo Gattuso mentre pesca le cozze al mare!”…. cosa che con il calcio…. non c’entra un cazzo!…. Ma insomma: troppo calcio, o meno calcio? Almeno il rugby, mi riporta a trent’anni fa, quando ancora era un gioco, dopo il lunedi, si parlava d’altro, non ci fregava un cazzo se Facchetti andava a puttane, o De sisti o Mazzola, mangiavano le salsicce o la moglie prendeva il sole di culo o di pancia…. e poi a me piace…. si: ben venga il rugby!…. Orgoglio italiano il cazzo: 32 a 6! Se avevate l’orgogli…. a metà partita, ritiratevi!…. Risparmiavate una figura di merda…. questo è orgoglio, ritirarsi con onore!

  • Cerex says:

    Tempo fa si parlava che l’italiano è morto.

  • azzostoc says:

    Ragazzi, calma, porca miseria. Pure a me piace il rugby, e lo considero ampiamente superiore al calcio, ma, se non l’aveste capito, questo è un blog di satira. S-A-T-I-R-A. Se voi “rugbisti” foste davvero superiori ai “pallonari” non vi incazzereste per un post satirico del genere, ma vi fareste quattro risate allegre! Ho visto ragazzini delle medie ed elementari mantenere più calma di voi quando si ironizzava sui loro idoli! E poi, seriamente, se uno perde 32 a 6, qualche dubbio se lo dovrà pure porre no???

  • ferkin says:

    Io con luna rossa ci cascai in pieno, mattina alle 6 a guardare la riproduzione virtuale della gara su La7. Col rugby non ci sono cascato solo perchè mi ci ero appassionato prima. Per quanto riguarda il punteggio 32 a 6 che sa di umiliazione senza appello, in realtà credo vi stiate sbagliando confusi dal calcio: tra il rugby e il calcio, in fatto di punteggio, passa la stessa differenza che si può trovare tra gli scacchi e il poker. Negli scacchi se si confrontassero un ottimo giocatore e uno discreto il primo stravincerebbe tutte le partite. Se si fa lo stesso esperimento col poker il primo dovrebbe avere una certa supremazia statistica ma di certo il secondo non verrà umiliato viste le numerose di variabili in gioco, potrebbe anche finire per vincere. Per questo motivo la nuova zelanda entra in un campo di calcio con l’italia sapendo di poter anche vincere nonostante l’inferiorità tecnica. Ma l’italia entrerà in un campo di rugby con la nuova zelanda sperando in niente più che una sconfitta onorevole.

  • enzo says:

    lo ammetto mi hai fatto butthurtare… ma il risultato mente. Nel rugby sai quanto vale una meta piu il “calcio di rigore” che segue, 7 punti. Ho visto l’italia tenere testa alla Nuova zelanda per 65 minuti e prendere 3 mete nell’ultimo quarto d’ora, perchè vuoi o non vuoi siamo inferiori. Se dovessimo fare un paragone calcistico allora paragoniamo l’Italia al Giappone. Giocatori apparentemente ridicoli e scarsi che ci hanno fatto sudare 7 camice grazie alla loro grinta e organizzazione all’ultimo mondiale.

  • BeaN says:

    Intanto saranno 4 anni che aspetto un cazzo di post sulle carte Modiano che mi stanno sul culo come non mai e ancora niente.

    Ora ditemi se questa è professionalità.

Lascia un Commento