Cerca
Riconoscimenti, vanagloria
"Il cattivo piu' temibile della blogosfera"

"Il cattivo piu' temibile della blogosfera"

"Miglior articolo"

Il tavernello della musica


"Miglior battuta"

Delitto di Cogne: Annamaria Franzoni torna a casa 12 anni dopo il delitto. Felice il marito, sorriso di circostanza per i due figli.


"Miglior battuta"

Roma, morto a 102 anni il partigiano Claudio Cianca. Una mattina, non si e' svegliato.


UomoMordeCane: IL LIBRO


Il miglior testo demenzial-satiric-comic-sans degli ultimi dodici minuti.
Trovi qui la tua copia
Citazioni e dintorni


...giunsi a metà libro e mi accorsi che il tavolo aveva ricominciato a ballare...

Posseggo una elevatissima intelligenza emotiva: riesco a risolvere problemi matematici complessi, ma poi piango.

Mi annoio rapidamente: il mio film preferito è Mery per un po'.

Non capisco come mai tutti facciano molto affidamento sui rimedi della nonna per curare i malanni: la mia, per esempio, è morta.

Continuo a trovare gente che mi vuole pagare in visibilità. Credo che a questo punto dovrei essere avvistabile a occhio nudo da Urano.

La mia ex era talmente bella che i suoi assorbenti usati venivano scambiati per Kandinsky.

Se Dio sta là a segnarsi le scopate della gente, non vi pare francamente eccessiva la stima che si nutre nei suoi confronti? Voglio dire, la parrucchiera di mia moglie fa lo stesso.

Quando qualcuno afferma di occuparsi di qualcosa "a livello olistico", salute compresa, penso sempre che concretamente non ne sappia un cazzo e su più piani, ma sia ferratissimo sui segni zodiacali.

Le ricerche interiori sono sempre complicate, probabilmente a causa di tutto quel sangue.

- mi sembra squisito, ma mi scusi: me lo può servire in un normale piatto tondo invece che rettangolare?
- certo signore. Posso chiederle perché?
- per non darle la scusa per farmi pagare un botto queste quattro verdure in croce.

Vorrei dimostrare al mondo tutta la mia voglia di cambiamenti, di rinnovamento. Ma sono uomo e ho i capelli rasati.

Credo così tanto nella pet-therapy che alla fine mi sono pure sposato.

Sono talmente ateo che ho riconosciuto distintamente la sagoma di una macchia di vernice nei contorni della Madonna che mi è apparsa.

Sorridere coinvolge 12 muscoli del viso. Riposatevi, siate tristi.

Il mio professore di religione non l'ho mai visto: era uno che si immergeva totalmente nella parte tramite metodo Stanislavskij.

È un periodaccio. Ho aperto un biscotto della fortuna. Il biglietto diceva solo: “stai scherzando, vero?”.

Sono talmente pieno di me che vado spesso dall'andrologo solo per farmi fare i complimenti.

Perché vendono macchine che fanno oltre 200 all’ora se il limite è 130? Per lo stesso motivo per il quale i preservativi in vendita si srotolano oltre misura: quel che compri è anche un sogno.

Se fossi nato a Kingston ora sarei un velocista. O una chiavetta USB.

Potrei essere considerato un maniaco della precisione, se questo termine mi descrivesse nel minimo dettaglio.

Io e mia moglie avremmo intenzione di mettere in cantiere un figlio ma in Italia è ancora vietato il lavoro minorile pesante.

Ho chiuso col lucchetto la mia bici su un ponte e al mio ritorno non l'ho più trovata: completamente ricoperta di altri lucchetti.

Vantarsi di non mangiare bistecche per rispetto degli animali è come vantarsi di non leggere libri per rispetto della foresta amazzonica.

Quelli che fumano sigarette elettroniche sono gli stessi che bestemmiano con un "Porco Zio".

Sfido chiunque a convincere un eventuale viaggiatore proveniente dal passato – che so: medioevo – che portare a spasso un cane con un laccio al collo, lavargli le palle e fermarsi ogni tanto a raccogliere la sua merda e portarsela poi dietro in un sacchettino, siano atti di una civiltà superiore alla sua.

A volte vorrei credere in Dio. Per deresponsabilizzarmi anch'io un po'.

Alla coda alle Poste c'era uno che si lamentava del fatto che i farmaci salvavita fossero in mani alla lobby delle case farmaceutiche. Gli ho detto che comunque meglio così che in mano alla lobby dei tassisti. Mi ha guardato come si fa con un pazzo. Ho allora provato a recuperare con "Meglio la lobby dei discografici?". Niente. Qualcuno si è messo a ridere: l'ho trovato di cattivo gusto per chi soffre in coda alle Poste. Cosa ci insegna questa storiella? Che alle Poste c'è sempre la fila.

Ero su Facebook e parlavo con uno che ha una macelleria. Mi diceva che non fa altro che condividere cose strappalacrime perché sono tutte accompagnate da: "Condividi se hai un cuore".

Un tempo collezionavo farfalle, ma la casa mi si riempiva sempre di figa.
Regressività progresso







































Twitter
UomoMordeCane su Facebook
luglio: 2010
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Piccole (ma piccole) donne

Madre Teresa ha passato la vita tra i lebbrosi. Solo che lei sopravviveva.

Madre Teresa ha fatto tanto per l’umanità. Peccato non sia rimasto nessun testimone oculare.

Madre Teresa per tutta la vita è rimasta contraria all’uso del preservativo. “È così scomodo per i cumshot” si è giustificata

Madre Teresa ha passato la vita negli ospedali. Ma mai in uno psichiatrico.

Nel 1948 ebbe l’autorizzazione dal Vaticano ad andare a vivere da sola nelle periferie degradate delle metropoli, a condizione che continuasse la vita religiosa. Eh! avrebbe potuto darsi alla bella vita

Madre Teresa ha passato la sua esistenza in mezza a miseria e malattie. Avrebbe potuto però far qualcosa per quella postura.

Madre Teresa di Calcutta era un’impostrice. Non era madre.

(e non era di Calcutta).

(nè si chiamava davvero Teresa)

Madre Teresa si è fatta ben volere da tutti. Alla lebbra però stava un po’ sul cazzo.

Madre Teresa è stata proclamata beata. Non appena ha lasciato l’India.

Madre Teresa baciava i lebbrosi.. Ma solo perché, con quel fisico, non si poteva permettere di meglio.

Madre Teresa fino alla morte si è portata dietro il ricordo dei suoi lebbrosi. Un orecchio.

Madre Teresa è stata ripresa in molti documentari ma io la ricordo benissimo nella scena del bar di Guerre Stellari.

A Madre Teresa venne dedicato anche un francobollo. Se lo lecchi: ti prendi la lebbra.

Ricevette diverse laureae honoris causa da parte di diverse università in cerca di facile pubblicità.

Nel 1999 fu eletta “persona più ammirata del XX secolo”. Subito davanti a Sharon Stone.

(E questo fa capire che anno di merda sia stato il 1999)

Famosa in tutto il mondo, Madre Teresa ci ha lasciato un grande insegnamento: non tutte possono fare le veline.

Madre Teresa: “Ho sempre detto che dobbiamo aiutare un indù a diventare un indù migliore, un musulmano a diventare un musulmano migliore ed un cattolico a diventare un cattolico migliore”.E gli atei una ottimo concime per campi.

Il Guardian nel 1996 denunciò le condizioni dei bambini orfani, che vivevano nelle strutture di Madre Teresa, oggetto di abbandono e di sevizie fisiche e psicologiche. Nel 2010 copincollò l’articolo sostituendo la parola Irlanda.

Madre Teresa “Sento che oggigiorno il più grande distruttore di pace è l’aborto”. Questo orribile strumento del demonio che non consente la procreazione di nuovi lebbrosi su cui speculare.

Si vuole santificare Madre Teresa per miracoli che avrebbe compiuto. A me è sempre piaciuto il suo trucco della miniaturizzazione.

Madre Teresa: una grande donna. In un corpo francamente cessissimo.

Se bagni una suora esce Madre Teresa.

(e non darle da mangiare dopo mezzanotte . Potrebbe riempirti la casa di bambini poveri)

Madre Teresa faceva di tutto per mettere a proprio agio i lebbrosi: anche assumerne l’aspetto.

Madre Teresa ha sempre adorato Gesù Cristo. Come tutti i necrofili.

Se in un duello tra Madre Teresa e Yoda punti “su quello che sembra un alieno” i bookmaker vanno in confusione.

Ho una medaglietta con l’immagine di Madre Teresa. Perde i pezzi.

Le ultime parole di Madre Teresa sono state rivolte a Dio. E a un non meglio precisato animale domestico.

Madre Teresa non ha mai contratto la lebbra. Ma non ha mai condiviso il suo segreto con gli altri lebbrosi.

A dimostrare la sua vicinanza, Madre Teresa toccava sempre i lebbrosi. Sulle caviglie.

(Madre Teresa non è più tra noi. Vedi? Scherza, scherza col fuoco…)

Non si direbbe, ma in “quei giorni” Madre Teresa era veramente intrattabile.

[Scritto da: Asc, Castorovolante, Kra, Uomomordecane, Van deer Gaaz]

10 Commenti a “Piccole (ma piccole) donne”

  • Mr_Rusti says:

    Beh, alcune battute sono davvero oggettivamente belle e spiritose! Certo che se ormai si gioca tranquillamente coi fanti e pure coi santi (e ci mancherebbe, la satira per sua natura deve sparare a zero su tutti), alcuni affondi possono fare dispiacere, oltre che sorridere. Parlo anche io da cattolico, e conosco un po’ la figura di MT facendo da anni volontariato presso una Casa della Carità (altro ordine, sempre di ispirazione calcuttiana, che si occupa di handicappati ed anziani). Ho visto giovani donne prendere il saio e dedicare tutta la vita a questi bisognosi, facendo una vita che, obiettivamente parlando, è un continuo estenuante sacrificio per amore. E pensavo a come deve essere stata incredibilmente drammatica l’esistenza della suora di Calcutta.
    Per questo certe battute un po’ feriscono, perchè sono feroci e contro qualcuno a cui comunque si è un po’ affezionati.
    Detto questo, complimenti per l’inesauribile genio.

  • Maroc says:

    Soddisfacentemente salaci. Apprezzo in larga misura, complimenti.

    Maroc

  • Flèp66 says:

    Teresa è un’icona difficilmente attaccabile: il senso comune della sua opera è di un sacrificio personale ineguagliabile, di una vita spesa per i bisognosi, ecc. Eppure a me bastò una sola notizia per vedere nella suorina una persona ‘cattiva’. Quando Indira Gandhi promosse una subdola ma ‘necessaria’ campagna di vasectomia delle donne indiane (che da ignoranti non sapevano davvero cosa stavano facendo ma erano attratte dall’incentivo economico -avide!-) la Piccola Madre diede ordine alle sue suore di verificare la presenza delle infamanti cicatrici sul pube delle donne che entravano nei suoi ospizi: ovviamente in tal caso venivano rifiutate.

  • Flèp66 says:

    In seguito mi sono imbattuto nel libro ‘La posizione della Missionaria’ dove il mito viene smontato in toto. L’idea di Anjeza era che, dato che la sofferenza avvicina a Dio, non fosse certo il caso di intervenire con cure, nel rischio malaugurato di ottenere qualcosa più di un sollievo morale e un po’ di cibo. Questo si tradusse nell’allontanamento di quei medici che, avendo frainteso il senso dell’opera di Teresa, tentavano, spesso di nascosto, di fare il proprio mestiere.

  • Flèp66 says:

    Ovviamente, per le sue sofferenze cardiache ricorse alla preghiera associandola però ad un pacemaker e a diversi ricoveri in strutture occidentali. Immagino abbia accettato di ricorrere alle cure ritenendosi insostituibile.

  • maxzulli says:

    A MR Rusti ha risposto soddisfacentemente Flep.
    Quando si mitizza qualcuno è sempre bene che questo non rientri nel novero di quella bacata specie chiamata “essere umano”, altrimenti è inevitabile incappare in cocenti delusioni.

  • Mr_Rusti says:

    Però non è che mitizzo una persona per poi rimanerne delusi, al contrario, mi stupisco e gioisco di come ogi tanto un rappresentante della nostra bacata specie, sempre più egoista cinica e meschina, sia in grado di fare atti davvero fuori dal comune. Il personaggio di MT può avere delle ombre (anche se le critiche sono controverse) e delle prese di posizione che chi non crede non può condividere, ma rimane pur sempre una donna che ha vissuto tutta la sua vita tra gli ultimi. Lei come molte altre qui e nel mondo, lontano dai media.

  • Fabrizio says:

    Come mai hai ricevuto meno cazziate rispetto a Kra? Sarà il tema del blog, di certo.

  • maxzulli says:

    MR Rusti, io sono d’accordo con te. Ce ne fossero di figure così il mondo sarebbe un posto migliore. E visti gli ingombri ridotti, anche più spazioso.
    Fabrizio, è che io meno. Lo sanno tutti.

  • FotteteviCredini says:

    Fa sorridere, amaramente, leggere certi “commenti” di coglionazzi che giustificano le azioni di un’esaltata maligna, sulla base di un’agire per conto di divinità apertamente assenti…

Lascia un Commento